Cronaca

Barletta, la banca Federiciana restituisce i soldi

I risparmiatori truffati, saranno rimborsati secondo un decreto ingiuntivo. La notizia arriva dall’avvocato Gesuito, legale dei 22 risparmiatori truffati

I fatti risalgono all'anno 2007, quando a Francesco Miani, direttore di un noto istituto di credito pugliese viene proposto di assumere il comando della neonata banca Federiciana. Nel passaggio al nuovo istituto di credito quindi, il direttore Miani porta con sé anche diversi clienti del vecchio istituto di credito presso cui era direttore.

A questi fa firmare documenti in bianco che consentono il trasferimento di denaro da un istituto all'altro. Successivamente, quando i risparmiatori hanno provato a prelevare denaro dagli sportelli, hanno ricevuto la risposta che sui loro conti non c'era neanche un euro, il tutto mentre il direttore Miani era in ferie. Le somme scomparse dai conti dei risparmiatori, corrispondono a 22mila al milione e mezzo di euro a cliente.

Subito seguirono le denuncie presso la Guardia di Finanza , le quali portarono l'arresto del Miani il 14 agosto 2007. Ma le buone notizie per i 22 risparmiatori truffati iniziano ad arrivare solo ora. Infatti il giudice di Trani grazie ad un decreto ingiuntivo, ha disposto il rimborso per almeno undici dei risparmiatori truffati, ai quali nei prossimi dieci giorni potranno essere rimborsati somme di denaro che dovrebbero aggirarsi complessivamente attorno ai due milioni di euro. Ad annunciarlo, l'avvocato Vito Gesuito legale dei 22 risparmiatori truffati. I decreti ingiuntivi, resi provvisoriamente esecutivi, obbliga la banca tramite atti notificati di pagare nei prossimi dieci giorni, subendo in difetto tutte le procedure di espropriazione: il pignoramento dei beni, di fondi di deposito presso Banca d'Italia, o presso gli sportelli della banca, di tutti i fondi disponibili nelle tre sedi di Bari, ad Andria e a Barletta.

In tutti questi anni nonostante il carteggio che è stato fornito e le comunicazioni fatte, nonchè le notifiche giunte all'attenzione del governatore della Banca d'Italia Mario Draghi, scarso è stato l'interessamento verso questi risparmiatori. Mentre oggi, in ragione della possibile chiusura del procedimento penale, essi hanno visto il riconoscimento di tutte le somme di cui sono portatori nei confronti della banca. Il rischio per la Banca Federiciana quindi, in caso di inadempienza, è che vengano pignorati i depositi o si attivi un'altra procedura di recupero.
  • Truffa
  • Disagio per i cittadini
  • Vantaggio per i cittadini
  • Soldi
Altri contenuti a tema
Canosa di Puglia: smascherato finto sacerdote, truffe in tutto il sud Italia Canosa di Puglia: smascherato finto sacerdote, truffe in tutto il sud Italia Sono stati riscontrati raggiri in Abruzzo, in Basilicata, nella provincia Bat e di Bari
Servoscala sottovia Imbriani, «ancora inutilizzabile» Servoscala sottovia Imbriani, «ancora inutilizzabile» La segnalazione di un disabile, che lancia un appello: «Perché non mettere delle telecamere funzionanti affinché questi individui vengano segnalati e far pagare loro le spese per i danni commessi?»
Intascavano bonus su lavori mai eseguiti, la Finanza di Barletta scopre la truffa Intascavano bonus su lavori mai eseguiti, la Finanza di Barletta scopre la truffa Tutti i dettagli nella conferenza stampa convocata questa mattina
Truffa a Barletta, la storia di nonna Emanuela a Pomeriggio Cinque Truffa a Barletta, la storia di nonna Emanuela a Pomeriggio Cinque Le telecamere di Mediaset in città per l’episodio ai danni di un’anziana, ingannata dal “finto nipote”
Truffe su WhatsApp, sui social e di persona: i chiarimenti dei Carabinieri Bat Truffe su WhatsApp, sui social e di persona: i chiarimenti dei Carabinieri Bat L'intervista al Comandante Provinciale dell’Arma Galasso per capire come comportarsi di fronte al messaggio "per salvare un parente in difficoltà"
Bonus edilizi, nel mirino anche commercialisti della Bat Bonus edilizi, nel mirino anche commercialisti della Bat L'operazione della Guardia di Finanza partita da Brescia
1 Anziana truffata a Barletta, arrestati in quattro dalla provincia di Napoli Anziana truffata a Barletta, arrestati in quattro dalla provincia di Napoli I malfattori hanno adoperato una delle classiche strategie fingendo di conoscere il figlio della donna
Come risparmiare soldi? Quali sono i metodi migliori Come risparmiare soldi? Quali sono i metodi migliori La gestione delle piccole spese e dei risparmi
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.