Porto di Barletta
Porto di Barletta
La città

«Barletta dovrebbe avere un "Assessorato del mare"»

La nota di Franco Dimiccoli: «Ciò che manca è una visione organica»

«Questa domanda, ovviamente provocatoria, torna a risuonarmi nella mente, e desidero condividerla con chi ha la pazienza di leggermi.
Da anni sentiamo parlare, annunciare, con tanto di proclamazioni e inaugurazioni in pompa magna, di dragaggio, bonifica, allungamento del braccio di Ponente. Ogni volta lo si fa come se fosse la prima volta, e come se non stessimo discutendo sempre dello stesso medesimo porto.

Con cadenza oramai prevedibile si indicono conferenze stampa, ma ad oggi nulla di tutto questo è divenuto operativo, nulla è stato fatto. La verità, al di là dei molti porti, evidentemente sepolti (Ungaretti aveva preso ispirazione da Barletta), è che manca una visione organica. Ciò che servirebbe, ma non c'è, è un piano che tenga assieme la costa, il mare, il fronte mare, Ariscianne, l'Ofanto, fino ai canali (naturali e non) che scaricano in mare acque reflue. La distanza tra ciò che sarebbe necessario e ciò che realmente è messo in atto, tra il necessario fare e il facile dire, è il proverbiale mare, appunto. Quasi un oceano.

La politica degli annunci è oramai una malattia, chiamiamola: "annuncite". Una malattia che colpisce i Barlettani pendolari e/o trapiantati, per ragioni di rappresentanza, tanto a Roma quanto a Bari. È arrivato il tempo di sostituire gli annunci, i proclami, le inaugurazioni del nulla con una visione organica: una seria progettazione del fronte mare che tenga in considerazione l'interconnessione, l'interdipendenza tra gli elementi che elencavo poco sopra.

Se il mare è la risorsa naturale più importante della nostra città, allora è necessario dedicare ad esso un lavoro di lungo periodo, lanciare progetti e verificarne andamento e attuazione, dai lavori preliminari fino alla rendicontazione. Come già avvenuto in altre realtà, sarebbe doveroso dedicare un pezzo della prossima amministrazione (e di tutte quelle future) a questo.

Avere cioè un Assessorato del mare, un luogo di elaborazione e di progettazione unico che tenga assieme Ofanto, porto, costa, Ariscianne. Avere un assessore di riferimento e una squadra chiaramente identificabile all'interno della amministrazione comunale è solo un primo passo, ma indispensabile, per rendere manifesti indirizzi e responsabilità: per trasformare Barletta in un progetto, per proiettarla in un futuro di risultati e successi, abbandonando l'era degli annunci» conclude l'ingegnere Franco Dimiccoli.
  • Porto
Altri contenuti a tema
Autorevoli attenzioni dei candidati sindaci sul porto della ex città marinara Autorevoli attenzioni dei candidati sindaci sul porto della ex città marinara L'intervento di Nicola Palmitessa
Il porto di Barletta, l'intervento di Nicola Palmitessa Il porto di Barletta, l'intervento di Nicola Palmitessa Delocalizzare il porto commerciale? Per un unico porto turistico?
Risultato storico per il porto di Barletta, +316% al general cargo Risultato storico per il porto di Barletta, +316% al general cargo I dati comunicati dall'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale
1 Porto di Barletta: tra i cinque protagonisti a Expo 2020 Dubai Porto di Barletta: tra i cinque protagonisti a Expo 2020 Dubai Un miliardo di euro per cambiare il volto di cinque porti, tra cui quello di Barletta
1 Porto di Barletta, Damiani: «Passi importanti verso la riqualificazione» Porto di Barletta, Damiani: «Passi importanti verso la riqualificazione» Il senatore barlettano comunica i progressi del progetto infrastrutturale
Faro napoleonico, Damiani: «Arrivano i primi risultati concreti» Faro napoleonico, Damiani: «Arrivano i primi risultati concreti» Il senatore di Forza Italia fa il punto della situazione
Frese giganti nel porto di Barletta, serviranno per l'alta velocità Bari-Napoli Frese giganti nel porto di Barletta, serviranno per l'alta velocità Bari-Napoli Le operazioni avvenute nei giorni scorsi si spostano a Bari
19 Verso la valorizzazione dell'antico Faro Napoleonico di Barletta Verso la valorizzazione dell'antico Faro Napoleonico di Barletta Ieri un incontro istituzionale per tracciare la rotte del futuro Piano Regolatore Portuale
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.