Osservatorio Giulia e Rossella - centro antiviolenza onlus
Osservatorio Giulia e Rossella - centro antiviolenza onlus
Attualità

Barletta contro la violenza: le parole di Tina Arbues e la violenza di genere

«Il cambiamento più grande sarebbe quello culturale. Lavorare tanto e ripartire da ognuno di noi»

Ci siamo confrontati con la presidentessa Tina Arbues dell'Osservatorio Giulia e Rosella - Centro antiviolenza presente nella città di Barletta. L'osservatorio ha inaugurato la sua seconda sede il 29 ottobre 2021, dando esempio di come sia fondamentale la prevenzione e il percorso di aiuto per tutte le donne vittime di violenza, dopo aver registrato negli ultimi 3 anni, 370 casi di cui 240 riguardano donne di Barletta.

Le origini: tra attivismo e sorellanza

L'associazione è antesignana in questo campo già dal 1999 grazie al sindaco Francesco Salerno che ha creduto nel progetto sin dagli albori. Arbues racconta del suo passato fatto di associazionismo e attivismo, quello degli anni '70, anni in cui il femminismo iniziava a consolidarsi in Italia e nel mondo. Si definisce orgogliosamente femminista per aver introdotto, insieme a un gruppo coeso, le tematiche di genere. Un giorno si sono dette: «Perchè non creiamo un luogo?».

«È stata la reazione naturale di un gruppo, la spinta nata da un senso di sorellanza e il bisogno di aiutare e far comprendere certe questione anche agli altri. Così ci siamo messe all'opera per realizzare il primo centro antiviolenza completamente gratuito che continua a esistere dall'aiuto che ogni socia fornisce. Ognuna di noi ritaglia delle ore dal proprio lavoro, dalla propria vita, per dedicarle interamente a questa missione».

Arbues racconta che i primi anni non sono stati semplici per la difficoltà che avevano nel parlare di un centro antiviolenza. Significava riconoscere di avere un problema, per questo c'è stato un certo scetticismo nell'ammettere che ci fosse bisogno di una struttura del genere. Il femminicidio è un'espressione ancora più violenta della violenza stessa perchè riguarda il genere, così ancora oggi si dice che «Il femminicidio non esiste, è un'espressione inventata dai giornali». E invece, la semplice constatazione di dare un nome ad una violenza di genere, indica che un fenomeno esiste. Nominare qualcosa significata dargli esistenza.

«Il nostro impegno è proprio quello di sostenere le donne nel percorso di uscita dalla violenza con figure utili, ma l'obiettivo più ambizioso è quello del cambiamento culturale ed è per questo che siamo presenti nelle scuole, organizziamo laboratori, incontri, nel territorio barlettano e in quello limitrofo. Il nostro progetto include anche l'inserimento delle donne nel mondo del lavoro affinché possano raggiungere un'indipendenza economica».

Cosa potrebbe portare a questo cambiamento culturale?

«Lavorare, lavorare e ancora lavorare, senza fermarsi mai. Perché questo problema è ovunque anche nella violenza di tutti i giorni. Ripartire dai libri di scuola perchè la disparità è anche lì, educare al sentimento perchè il sentimento è la vita. C'è sempre eppure non lo studiamo mai. Non è vita solo la storia o la geografia».

Abbiamo mai pensato a quanto possa aiutare il cambiamento di ognuno di noi?
Arbues rifletteva sul fatto che sicuramente le scuole devono ancora lavorare tanto e tanto ha ancora da fare la politica per esempio, ma non va più bene addossare le colpe sempre a chi è al di sopra di noi. «Il ruolo e il cambiamento di ognuno di noi è fondamentale».
  • Centro antiviolenza
Barletta contro la violenza

Barletta contro la violenza

Sensibilizzazione e informazione: i nostri approfondimenti per sostenere la lotta contro ogni forma di violenza

35 contenuti
Altri contenuti a tema
Il centro antiviolenza “Giulia e Rossella” incontra i ragazzi e le ragazze dell’ITET Cassandro-Fermi-Nervi Il centro antiviolenza “Giulia e Rossella” incontra i ragazzi e le ragazze dell’ITET Cassandro-Fermi-Nervi «I giovani hanno bisogno di parlare, confrontarsi e capire cosa c’è dietro la violenza»
25 novembre, gli studenti: «Diciamo "no" con l’arte» 25 novembre, gli studenti: «Diciamo "no" con l’arte» Una proposta creativa con uno speciale allestimento artistico a cura degli studenti dell'IISS "De Nittis"
16 Centro antiviolenza comunale affidato all'osservatorio "Giulia e Rossella" Centro antiviolenza comunale affidato all'osservatorio "Giulia e Rossella" Vinto il ricorso al Consiglio di Stato
Stupro di gruppo a Palermo, ne parliamo con il centro antiviolenza di Barletta Stupro di gruppo a Palermo, ne parliamo con il centro antiviolenza di Barletta Perché quei ragazzi avrebbero potuto essere anche i nostri figli? Un’analisi sulla comunità violenta, sull’educazione e la prevenzione
“Libere dalla violenza”, a Barletta un percorso fotografico per sensibilizzare “Libere dalla violenza”, a Barletta un percorso fotografico per sensibilizzare L’esposizione nella galleria del Curci sarà visitabile sino al 12 giugno
Libere dalla violenza, una mostra nella galleria del "Curci" Libere dalla violenza, una mostra nella galleria del "Curci" Iniziativa promossa dall'osservatorio "Giulia e Rossella"
"Penelope, ricomincio da me", dalla parte delle donne "Penelope, ricomincio da me", dalla parte delle donne A Barletta una iniziativa per supportare il benessere personale e superare le violenze
Legalità e impegno civico: incontro con gli studenti del "Nervi-Fermi-Cassandro" di Barletta Legalità e impegno civico: incontro con gli studenti del "Nervi-Fermi-Cassandro" di Barletta Sono intervenuti l’associazione “Libera contro le Mafie”, l’osservatorio “Giulia e Rossella” e l’ispettore capo della Polizia di Stato Madera
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.