Verde
Verde
Istituzionale

Barletta avrà un regolamento su manomissioni e ripristini di suolo e sottosuolo

Commissioni consiliari a lavoro sul documento che passerà dal consiglio comunale

Il comune di Barletta si doterà di un Regolamento sulle manomissioni e i ripristini di suolo e sottosuolo. Due commissioni consiliari, quella dei Lavori pubblici e quella dei Affari istituzionali, su espressa richiesta e volontà del sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, stanno lavorando da tre mesi, da novembre 2018, alla elaborazione del suddetto Regolamento, attualmente all'esame degli uffici competenti presso i quali sta scontando i necessari passaggi e verifiche da parte dei dirigenti. Entro il mese di aprile prossimo il provvedimento approderà in Consiglio comunale per la sua approvazione e per poter così entrare in vigore. "Le amministrazioni cambiano, è vero, e la nostra sarà quella che finalmente doterà la città di questo strumento fondamentale – ha detto il sindaco Cannito – perché non potrà più accadere che alcuno, per i propri profitti, faccia uso e consumo del nostro suolo e sottosuolo deturpando le strade e creando situazioni di pericolo".

"Quella attuale è una situazione che abbiamo ereditato – hanno dichiarato i presidenti delle commissioni Lavori pubblici e Affari istituzionali, rispettivamente Ruggiero Dicorato e Adelaide Spinazzola – ma presto, con il Regolamento che stiamo redigendo, metteremo fine all'anarchia sui ripristini successivi alle manomissioni. Abbiamo lavorato sodo nelle commissioni per poter offrire alla città uno strumento che tuteli il territorio, i cittadini e il patrimonio pubblico".

Fra le previsioni del Regolamento elaborato, oltre all'obbligo del ripristino, pena sanzioni regolamentate dal Testo unico degli Enti locali e da altri riferimenti normativi, vi sarà quello di compiere indagini preventive del sottosuolo, i cui risultati saranno forniti al comune che dovrà rilasciare apposita autorizzazione per poter consentire gli interventi; oneri a carico degli enti terzi che andranno a intervenire; una fideiussione a tutela e garanzia del bene pubblico. Sarà inoltre istituito un ufficio competente, denominato Servizio Manomissioni, che eserciterà d'intesa col Comando di Polizia locale, anche l'attività di vigilanza e controllo.
  • Salvaguardia ambientale
Altri contenuti a tema
Jova Beach Party, la denuncia di LIPU: «Anche a Barletta impattante» Jova Beach Party, la denuncia di LIPU: «Anche a Barletta impattante» Chiesta la tutela del fratino, «abbiamo scritto più volte al Comune, nemmeno uno straccio di risposta»
1 Caputo: «Il verde in città, questione di punti di vista» Caputo: «Il verde in città, questione di punti di vista» «Alberi secchi, un atteggiamento sconcertante»
1 Monitoraggio ambientale a Barletta, il punto della situazione Monitoraggio ambientale a Barletta, il punto della situazione Il sindaco Cannito: «La città è controllata costantemente»
Qualità dell'aria a Barletta, «serve un nuovo piano traffico» Qualità dell'aria a Barletta, «serve un nuovo piano traffico» Forum Salute e Ambiente: «Il monitoraggio deve partire da via Trani»
3 "Strani" picchi di NO2 dalla centralina Arpa in via Trani "Strani" picchi di NO2 dalla centralina Arpa in via Trani La segnalazione: «Perché questi picchi non avvengono nei pressi dello stadio Simeone?»
1 Protocollo sul Monitoraggio Ambientale, il punto sulla situazione a Barletta Protocollo sul Monitoraggio Ambientale, il punto sulla situazione a Barletta Forum Salute & Ambiente chiede aggiornamenti su centraline e raccolta differenziata
5 Vigilanza sui cani di Barletta, ecco le norme da rispettare Vigilanza sui cani di Barletta, ecco le norme da rispettare Al Nucleo Guardia Ambientale affidato il ruolo di controllo: sanzioni per chi non le rispetta
"Youth empowerment 4 environment", presente la senatrice Assuntela Messina "Youth empowerment 4 environment", presente la senatrice Assuntela Messina Progetto per i giovani studenti italiani a favore dell'ambiente
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.