truffa elemosina barletta
truffa elemosina barletta
Cronaca

Avvistata a Barletta la “star” della truffa smascherata da “Striscia la notizia”

La donna chiederebbe denaro per curare il figlio ammalato

Non suona di certo nuovo alle orecchie di un pubblico ormai abituato ad ogni sorta di avvenimento sentir parlare di beneficenza a scopi di lucro o, più precisamente, di "falsa beneficenza". Argomento ampiamente trattato dai diversi media il cui scopo è quello di mettere in guardia le potenziali vittime di tali truffe, che risulta ancora di difficile lettura, soprattutto per coloro i quali siano più sensibili e propensi ad aiutare il prossimo. Se quel "prossimo" diviene poi un neonato malato di cancro, ecco che difficilmente passi inosservata la messinscena di una sedicente mamma disperata, in cerca di denaro per salvare la vita del suo figlioletto.

Per quanto ognuno possa sentirsi distante da certe spiacevoli situazioni, è necessario adottare una visione più ampia del mondo circostante. Del caso specifico figlio ammalato – mamma prostrata si è ampiamente occupato il programma di informazione e satira "Striscia la notizia" che per ben tre volte ha smascherato le stesse autrici del fatto, due donne probabilmente extracomunitarie. Nella puntata risalente al 13 ottobre scorso, si vede l'inviato Max Laudadio cogliere nuovamente in flagrante una delle due malfattrici che, per l'occasione, decide di rifugiarsi in diverse toilette pubbliche site nel centro di Milano.

Nel frattempo sembrerebbe che di strada i due impostori ne abbiano - letteralmente - fatta parecchia. Di fatti è solo di domenica scorsa una segnalazione giunta in redazione, nella quale si legge di "una donna in ginocchio all'angolo tra Corso Vittorio Emanuele e Corso Garibaldi, in procinto di chiedere denaro per il suo piccolo bambino malato di tumore" che somiglierebbe proprio ad "una delle due imbroglione viste in TV".

Leggendo tale documento, parrebbe che le due partner in crime stentino a rinunciare alla propria infruttuosa carriera di attrici di strada, spostandosi di città in città alla ricerca di nuove prede da adescare e sfruttare a proprio unico vantaggio, prendendosi gioco della buonafede e della generosità altrui. Ancora una volta, ostico è il compito di rilevare e denunciare tali abusi ma, com'è ormai storia, ciò che appare agli occhi, è solo la punta dell'iceberg.

Qui potete rivedere il servizio originale di "Striscia la Notizia".
  • Truffa
  • Striscia la notizia
Altri contenuti a tema
3 Lavori in via Andria, arriva Pinuccio di "Striscia la notizia" Lavori in via Andria, arriva Pinuccio di "Striscia la notizia" La trasmissione di Canale 5 intervista i residenti "tagliati fuori" dal cantiere
Si fingeva suora e prometteva posti di lavoro, arrestata per truffa Si fingeva suora e prometteva posti di lavoro, arrestata per truffa Reati commessi anche a Barletta tra il 2016 e 2018
1 Tentata truffa, nei guai due fratelli di Barletta Tentata truffa, nei guai due fratelli di Barletta I fatti sono accaduti in provincia di Brindisi: i due sono stati denunciati
1 Allerta truffe a Barletta, rischio per gli anziani soli in casa Allerta truffe a Barletta, rischio per gli anziani soli in casa In questi giorni segnalazioni di falsi impiegati in via Vitrani e via San Francesco D'Assisi
1 Maxi truffa all'INPS, la Finanza in azione tra Bari e Bat Maxi truffa all'INPS, la Finanza in azione tra Bari e Bat 80 truffe, 36 denunce a operatori CAF e un danno all'erario di 500mila euro
Stop alle truffe, l'attenzione del Settore Servizi Sociali Stop alle truffe, l'attenzione del Settore Servizi Sociali Concluso il ciclo di incontri informativi, ma il servizio resta attivo
1 Truffe finanziarie, si mobilita la Prefettura di Barletta Truffe finanziarie, si mobilita la Prefettura di Barletta Sarà effettuato un monitoraggio sul territorio
"Stop alle truffe", come conoscerle ed evitarle "Stop alle truffe", come conoscerle ed evitarle A Barletta una serie di incontri per tutelare gli anziani
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.