Antonella di nuovo in bici da Barletta fino a Pechino per sostenere l'Amref
Antonella di nuovo in bici da Barletta fino a Pechino per sostenere l'Amref
Territorio

Antonella di nuovo in bici da Barletta fino al Giappone per sostenere l'Amref

«Stare a contatto con la natura insegna anche a rispettarla»

Una vita in bicicletta, con la voglia di condividere un ideale di solidarietà. Questa è la missione di Antonella Gentile, barlettana, già protagonista di un entusiasmante viaggio in bicicletta fino a Capo Nord. Ad aprile Antonella tornerà in sella per una nuova avventura, dall'Italia verso est, con una ambiziosa meta finale: il Giappone.

Quali saranno le tempistiche del viaggio? Puoi già raccontarci quali saranno le tappe più significative del percorso?
«Essendo un viaggio in bici è difficile stabilire con certezza quanto tempo impiegherò. Il progetto prevede di partire dall'Italia per raggiungere in traghetto la Croazia. Da Dubrovnik arriverò in Lettonia attraversando in bici Croazia, Slovenia, Austria, Repubblica Ceca, Polonia e Lituania. Dalla Lituania ho intenzione di prendere un volo per la Russia e di viaggiare in Transiberiana fino a Pechino. Visiterò in bici diverse città cinesi e poi partirò per il Giappone attraversandolo completamente in bicicletta. Ho stimato 8 mesi di viaggio ma gli imprevisti potrebbero cambiare completamente i miei progetti».

Ti abbiamo conosciuta ai tempi del tuo viaggio verso Capo Nord: quel viaggio aveva anche un significato più profondo, quello della solidarietà. Qual è l'obiettivo benefico che stai perseguendo in questa nuova avventura?
«Anche in questo viaggio sosterrò Amref, un'associazione benefica che si batte per la tutela delle popolazioni africane che non hanno né acqua né cibo. Durante i miei viaggi inviterò a donare attraverso il mio sito internet all'associazione. In molti paesi dell'Africa, purtroppo, c'è carenza d'acqua e molte donne sono costrette a fare tanti km a piedi per attingere acqua dai pozzi. Io viaggio per scoprire luoghi e guardarli da un'altra prospettiva, con lentezza. Mi rendo conto, però, che c'è chi viaggia per necessità, dovendo camminare per tanti km semplicemente per raggiungere i pozzi da cui prendere acqua. Questo toglie loro la possibilità e il tempo di lavorare e crea problemi ai bambini che non possono andare a scuola. Per questo ho deciso di sostenere quest'iniziativa».

Il tuo è un viaggio solitario, ma per chi volesse esserti vicino, in che modo è possibile sostenerti?
«Qualora delle aziende volessero sostenere i miei progetti e sponsorizzarmi, per l'acquisto di attrezzature e indumenti tecnici indispensabili per il viaggio, è possibile farlo contattandomi tramite e-mail».

E infine un consiglio. Cosa diresti per spronare quante più persone possibili a usare la bicicletta come mezzo di trasporto sano e rispettoso dell'ambiente?
«Penso che andare in bici sia importante perché fare sport all'aria aperta migliora l'umore e riduce notevolmente lo smog. Andando in bici si ha la possibilità di guardare tutto con lentezza e sicuramente si ricordano per sempre le salite e le discese che si affrontano. Questo contribuisce anche a imparare la geografia dei territori. Stare a contatto con la natura insegna anche a rispettarla, a comprendere che siamo parte di essa e quindi non dovremmo mai maltrattarla, abbandonando in maniera sconsiderata i rifiuti, in particolar modo la plastica, nell'ambiente».
Antonella di nuovo in bici da Barletta fino a Pechino per sostenere l'AmrefAntonella di nuovo in bici da Barletta fino a Pechino per sostenere l'AmrefAntonella di nuovo in bici da Barletta fino a Pechino per sostenere l'AmrefAntonella di nuovo in bici da Barletta fino a Pechino per sostenere l'Amref
  • Intervista
  • Viaggio
Altri contenuti a tema
4 Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta «Nessuno scandalo in un progetto concertato sull’intera piazza che unisca la ristrutturazione del fabbricato alla valorizzazione ed alla memoria»
"Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis "Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis Lo studente di origine andriese, ma salentino di adozione, si racconta
Cosa significa essere donna oggi? L'opinione di Luisa Rizzitelli Cosa significa essere donna oggi? L'opinione di Luisa Rizzitelli Intervista alla giornalista barlettana impegnata attivamente per i diritti umani e civili
«Il vero coraggio è avere paura e non lasciarsi mai cullare nelle proprie certezze» «Il vero coraggio è avere paura e non lasciarsi mai cullare nelle proprie certezze» Cinzia Conteduca, "fearless" e coraggiosa ricercatrice di Barletta, è stata tra le protagoniste del TEDx BarlettaWomen
Barbie in Town: “influencer" d’eccezione in giro per la Puglia Barbie in Town: “influencer" d’eccezione in giro per la Puglia Intervista agli ideatori del progetto che ha coinvolto anche Barletta
Barbie arriva anche a Barletta: il progetto di due ragazzi pugliesi Barbie arriva anche a Barletta: il progetto di due ragazzi pugliesi L'icona pop scopre la Puglia su Instagram tramite il nome "Barbie in town"
L'impresa ai tempi della pandemia: intervista esclusiva con Pasquale Casillo L'impresa ai tempi della pandemia: intervista esclusiva con Pasquale Casillo L'imprenditore coratino sarà tra i relatori degli Stati Generali dell'Export in programma sabato 10 ottobre
Case di lusso, l'offerta italiana attira investitori da tutto il mondo Case di lusso, l'offerta italiana attira investitori da tutto il mondo I clienti delle dimore esclusive cercano isolamento e tranquillità
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.