Corsica
Corsica
Turismo

Alla scoperta della Corsica tra natura e cultura

L'estate è alle porte: consigli per le prossime vacanze

Fino a poco tempo fa la Corsica non era una meta particolarmente frequentata. Da qualche anno, invece, sembra che il turismo di quest'isola sia aumentato a dismisura. Sarà il suo carattere selvaggio e meno civilizzato della vicina Sardegna, ma l'isola francese sta ormai diventando un'attrazione sempre più apprezzata dai turisti. A differenza della Sardegna, che presenta un carattere completamente all'italiana, la Corsica può vantare una miriade di culture differenti e piatti tipici francesi, a pochi passi dall'Italia. Le acque azzurre e cristalline che caratterizzano le sue spiagge, circondate da una vegetazione pressoché selvaggia, e lo scarso affollamento degli scorsi anni, la rendono un paesaggio unico nel suo genere e praticamente incontaminato. Nessuno si aspettava che quest'isola si rivelasse per quella che viene definita "una delle più grandi bellezze del Mediterraneo". I paesaggi che questo territorio offre sono tra i più suggestivi: si divide tra spiagge di sabbia bianca e finissima e parchi nazionali di grande notorietà. E' dunque impossibile non innamorarsene. Essendo particolarmente vicina alla nostra penisola, la Corsica è facilmente raggiungibile in traghetto, impiegando solo quatto o cinque ore. Per tutte le informazioni basterà visitare la sezione traghetti dalla Corsica del noto sito Traghetti.it, nella quale sarà possibile trovare tutte le soluzioni più adatte al vostro viaggio.

Corsica, un patrimonio culturale tutto da scoprire
La Corsica non si distingue solo per la sua particolare morfologia, ma presenta anche un lato storico e culturale di tutto rispetto. Già dalla preistoria, infatti, si possono ricostruire tutte le culture che hanno popolato l'isola e questo è un argomento che appassiona gli storici e gli archeologi provenienti da tutte le parti del mondo. La popolazione corsa, essendo particolarmente legata al proprio territorio, ha sviluppato un patrimonio culturale che solo pochi altri territori nel mondo possono ancora vantare. Per secoli è vissuta di agricoltura e allevamento, costruendo villaggi prevalentemente sulle montagne per motivi strategici, dopo i numerosi tentativi di invasione da parte di popolazioni nemiche, soprattutto nel periodo medievale.

L'isola presenta numerose chiese in stile romanico, nate sotto il governo pacifista della Repubblica di Pisa alla fine del XI secolo, nel periodo di pace successivo alle invasioni, e attualmente preservate. Con l'avvento della colonizzazione genovese nel XII secolo, la pace dell'isola venne interrotta. Questo periodo storico, però, coincide esattamente con la nascita di monumenti e cattedrali in stile barocco e con la fortificazione delle torri di difesa presenti lungo il litorale corso, dei ponti genovesi e delle cosiddette "cittadelle", come Bastia, Ajaccio, Bonifacio e Porto Vecchio. Un tempo punti strategici per i rapporti commerciali grazie alla loro posizione sul mare, oggi punti di maggiore turismo. Vantano, infatti, le spiagge più belle di tutta l'isola.

Essendo un'isola praticamente autonoma, la Corsica ha sviluppato un'identità del tutto personale, con il suo folklore e le sue tradizioni, insieme ai dialetti, ai piatti tipici e alle specialità gastronomiche. La lingua parlata è il francese, ma anche qui non mancano i dialetti, che sono perlopiù toscani e genovesi, e ne riprendono le forme più antiche.

La natura incontaminata della Corsica
La morfologia della Corsica è molto particolare e in certi punti presenta caratteristiche e paesaggi geografici completamente diversi tra loro. E' un'isola e in quanto tale è circondata dal mare, con spiagge quasi paragonabili a quelle caraibiche, ma l'entroterra presenta anche tratti alpini e laghi di origine glaciale. E' per questo motivo che negli ultimi anni è diventata un forte polo di attrazione. La Corsica presenta anche numerosi bacini e questo la rende una regione particolarmente rigogliosa in termini di vegetazione. Non è un caso se è ricca di parchi naturali ed aree protette, che offrono una smisurata varietà di specie animali e vegetali.

Uno dei parchi più famosi della parte ovest della Corsica è la Riserva di Scandola, dove sono presenti moltissime tipologie di pesci nella riserva marina e scogli altissimi. Le baie e le insenature che formano il parco sono tra le più suggestive di tutta l'isola. In questa zona non è raro scorgere i delfini. E' stata definita Patrimonio mondiale dell'Unesco per la sua infinita bellezza. Un'altro luogo da non perdere è il Parco Naturale Regionale della Corsica, in particolare le Cascate di Restonica. Da questo punto sono raggiungibili due bellissimi laghi, che si trovano a 1700 metri dal mare.

La Corsica dunque vanta svariate particolarità che non appartengono a nessun altro posto nel mondo. Il consiglio è quello di visitare l'isola optando per un viaggio on-road. In questo modo sarà possibile scrutarne tutti i lati più incantevoli e godere dell'incredibile bellezza che solo quest'isola può offrire.
  • turismo
Altri contenuti a tema
Sulla Murgia è tempo di P-assaggi Sulla Murgia è tempo di P-assaggi Un weekend del gusto tra Passi, Paesaggi e Assaggi
A scuola di sviluppo sostenibile e imprenditorialità turistica A scuola di sviluppo sostenibile e imprenditorialità turistica Partecipano al corso studenti da tutta la Puglia
Prima domenica del mese, a Barletta va in scena la cultura Prima domenica del mese, a Barletta va in scena la cultura Ingresso gratuito e due importanti iniziative al "Curci" e a Palazzo della Marra
Vigilia di Natale, musei aperti a Barletta Vigilia di Natale, musei aperti a Barletta La scelta dell'amministrazione di sospendere la chiusura settimanale
Lapidarium di Barletta, restaurata la statua di San Sebastiano Lapidarium di Barletta, restaurata la statua di San Sebastiano Domenica confermata l'apertura gratuita di musei e luoghi d'arte
“L'ultima diSfida. Tutti dentro”: l'evento conclusivo targato Pascià “L'ultima diSfida. Tutti dentro”: l'evento conclusivo targato Pascià I gestori del Pascià ringraziano il pubblico che, anche quest'anno, ha scelto di seguirli numerosi
1 Barletta, «se chiude la cultura muore la città» Barletta, «se chiude la cultura muore la città» Intervento congiunto di Savino Montaruli, Francesco Filannino e Nino Vinella
3 Barletta chiusa per ferie, a Ferragosto monumenti off limits Barletta chiusa per ferie, a Ferragosto monumenti off limits Un incomprensibile danno all'economia turistica cittadina
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.