Euro
Euro
Cronaca

A Barletta si producevano codici fiscali falsi per ottenere il Reddito di cittadinanza

Vivevano in Romania, ma percepivano il Rdc in Italia: una truffa da circa 20 milioni di euro

Un sodalizio che passava anche da Barletta per l'erogazione del Reddito di cittadinanza a persone non residenti in Italia, ma in Romania. Per farlo, un dipendente dell'Agenzia delle Entrate di Barletta avrebbe prodotto codici fiscali fasulli per un costo di 5 euro ciascuno, come emerge dalle carte rese pubbliche dal giornale Open.

È solo uno dei dettagli dell'inchiesta condotta dalla Procura di Milano insieme alla Guardia di Finanza di Cremona e Novara che si è conclusa con 16 persone arrestate con l'accusa di associazione a delinquere e truffa. "I compiti e le funzioni all'interno del sodalizio criminale erano ben precisi e delineati - fanno sapere dal Comando provinciale di Novara - I promotori, cittadini di origine rumena, avevano il compito di procurare i documenti ed i nominativi di propri connazionali avvalendosi anche dell'ausilio di complici operanti all'estero. Tali documenti venivano poi consegnati, tramite persone di fiducia, ai titolari compiacenti di CAF i quali predisponevano e compilavano la falsa documentazione di supporto alla domanda (DSU e codice fiscale)".

E la falsa documentazione passava anche da Barletta, dove il dipendente dell'Agenzia delle Entrate elaborava i codici fiscali che secondo le carte dell'inchiesta pubblicate dal giornale online, venivano consegnati per strada dopo un appuntamento preso su whatsapp. I documenti erano così trasmetterli ai Caf coinvolti nella rete che elaboravano i documenti per la richiesta del Reddito di cittadinanza.

"Successivamente altri membri erano incaricati di ritirare le card presso gli uffici postali", spiegano da Novara. "L'analisi - proseguono - di oltre 14.000 posizioni da parte delle Fiamme Gialle di Novara e Cremona ha consentito di far emergere 9.000 false istanze per una truffa di oltre 20 milioni di euro. La sinergica e proattiva azione di contrasto condotta dalla Guardia di Finanza unitamente all'INPS ha consentito di interrompere i pagamenti evitando così l'ulteriore indebita percezione di oltre 60 milioni di euro".

Insomma, la banda contava sul fatto che i controlli sarebbero stati eseguiti ex post e non ex ante, con il risultato che fino a quando l'Inps non ha bloccato le erogazioni, più di 9mila cittadini residenti in Romania e non Italia hanno percepito un totale di circa 20 milioni di euro.
  • Agenzia delle entrate
  • Reddito di cittadinanza
Altri contenuti a tema
I lavoratori dell'Agenzia delle Entrate di Barletta protestano: «Troppe criticità» I lavoratori dell'Agenzia delle Entrate di Barletta protestano: «Troppe criticità» Questa mattina i dipendenti in sit in dinanzi alla sede dell'ente
Reddito di cittadinanza: vietati giochi, gioielli e acquisti online Reddito di cittadinanza: vietati giochi, gioielli e acquisti online Maggiori informazioni sull'utilizzo della carta per i cittadini barlettani
Sciopero per l'Agenzia delle Entrate, ieri un'assemblea a Barletta Sciopero per l'Agenzia delle Entrate, ieri un'assemblea a Barletta Oggi presidio a Bari con i sindacati
Dipendenti funzioni centrali, assemblea a Barletta sul rinnovo del contratto Dipendenti funzioni centrali, assemblea a Barletta sul rinnovo del contratto Oggi appuntamento presso l'Agenzia delle Entrate
2 Agenzie delle Entrate, chiusura estiva fino al 31 agosto Agenzie delle Entrate, chiusura estiva fino al 31 agosto Gli uffici di Barletta e Trani saranno aperti solamente il martedì pomeriggio
Agenzia delle Entrate, un'assemblea per chiedere il contratto dopo sei anni Agenzia delle Entrate, un'assemblea per chiedere il contratto dopo sei anni Incontro oggi a Barletta con i dipendenti
"Case fantasma", in Puglia il catasto accerta oltre 100mila immobili illegali "Case fantasma", in Puglia il catasto accerta oltre 100mila immobili illegali Rendita di 60 milioni di euro, 65mila denunce spontanee
Maxi operazione anti evasione: coinvolta anche Barletta nei controlli Maxi operazione anti evasione: coinvolta anche Barletta nei controlli Tra venerdì sera e domenica mattina numerose visite del Fisco
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.