Mensa
Mensa
Servizi sociali

«A Barletta la solidarietà è contagiosa e ha dato i suoi frutti»

Raccolti oltre 130 pacchi di beni di prima necessità alla mensa Caritas

Nell'anno della misericordia indetto da Papa Francesco l'Arciconfraternita del Santo Legno della Croce nella Basilica del Santo Sepolcro in Barletta, in seguito alla raccolta di prodotti di prima necessità da destinare ai più bisognosi, ha organizzato - in collaborazione con il gruppo Caritas - un pranzo per i poveri e i più disagiati all'interno della mensa San Ruggero Vescovo della Caritas in via Barberini.

Il pranzo ha avuto inizio poco dopo le 12:30 e ha visto la partecipazione di un notevole gruppo di bisognosi, ospiti di un banchetto a cui hanno preso parte italiani ed extracomunitari di varie culture e religioni, uomini perlopiù, ognuno con una propria storia. «Il servizio che oggi stiamo offrendo rispecchia i principi ispiratori della nostra confraternita» ha dichiarato l'avvocato Giovanni Cozzoli, priore dell'Arciconfraternita del S.Legno della Croce in prima linea nel progetto mensa. Insieme ai volontari nei panni di cuochi e camerieri d'eccezione, l'avvocato Cozzoli ha poi aggiunto di essere orgoglioso di poter fornire assistenza e sostegno agli ultimi, di cui spesso una politica sempre più distratta si dimentica.

«La città di Barletta si è mobilitata in maniera stupenda tanto che il risultato è andato ben oltre le più rosee aspettative, sono stati raccolti oltre 130 pacchi colmi di beni di prima necessità quali pannolini, vestiario, prodotti per l'igiene, generi alimentari e non solo, a dimostrazione che nella nostra città la solidarietà è stata ed è contagiosa e se fatta con il cuore dà sempre i propri frutti» ha proseguito l'avv. Cozzoli che ha dimostrato la propria gratitudine a quanti si sono impegnati nella realizzazione del pranzo che si è svolto in un clima sereno. È questo un grande esempio di impegno in favore di chi è meno fortunato, non solo perfettamente in linea con lo spirito di carità sostenuto da Papa Francesco ma che mostra anche il lato di generosità della cittadinanza e assume dunque maggior valore perché fatto i tempi non facili, in un momento di grave crisi che con difficoltà cerca di superare il nostro paese. Nella speranza di una sempre maggiore sensibilizzazione in favore di chi realmente è in seria difficoltà – economica e non solo - si spera che il progetto prosegua anche nei prossimi anni con una sempre maggiore adesione, impegno e determinazione.
  • Povertà
  • solidarietà
  • via Barberini
  • Mensa sociale
Altri contenuti a tema
«Una casa senza barriere architettoniche». Il sogno di Donato Ventura «Una casa senza barriere architettoniche». Il sogno di Donato Ventura L'appello lanciato dal biscegliese con l'apertura di una raccolta fondi
Sulla spiaggia di Barletta 50 barattoli di latta recuperati per i mozziconi di sigarette Sulla spiaggia di Barletta 50 barattoli di latta recuperati per i mozziconi di sigarette Il progetto “CICCAus sté a fé - Cosa fai? Gettala nel posto giusto!” ha coinvolto diverse associazioni del territorio
Zaini, quaderni e amore, la spedizione partita da Barletta è arrivata in Kenya Zaini, quaderni e amore, la spedizione partita da Barletta è arrivata in Kenya Obiettivo raggiunto: donati giocattoli e materiali per la scuola ai bambini di Meru
1 A cavallo per solidarietà, una raccolta fondi per la famiglia Tupputi A cavallo per solidarietà, una raccolta fondi per la famiglia Tupputi L'iniziativa dell'associazione "I Cavalieri del Mito" di Barletta
Zaini, quaderni e giocattoli in viaggio da Barletta al Kenya Zaini, quaderni e giocattoli in viaggio da Barletta al Kenya Si concretizza l'iniziativa "Dona uno zaino a un bimbo"
Solidarietà Ucraina, attivato un centro di raccolta a Barletta Solidarietà Ucraina, attivato un centro di raccolta a Barletta L'iniziativa dell'Ambulatorio popolare
Una raccolta fondi per la nuova sede AIPD Una raccolta fondi per la nuova sede AIPD L'Associazione italiana persone con sindrome di Down ha ottenuto la disponibilità dalle Ferrovie dello Stato
1 «Sognavo l’Africa da bambina, ma sono diventata cooperante grazie a “Un medico in famiglia”» «Sognavo l’Africa da bambina, ma sono diventata cooperante grazie a “Un medico in famiglia”» Antonella Morelli, giovane barlettana, racconta la sua missione umanitaria in Kenya
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.