Crollo di via Roma
Crollo di via Roma
Cronaca

A Barletta 10 anni dal crollo di via Roma, la Cgil Bat riflette sulle morti bianche

Biagio D’Alberto: «Una strage quotidiana su tutto il territorio nazionale. Nella Bat manca ancora l’ispettorato del lavoro»

«In 10 anni non sono stati fatti passi in avanti, anzi forse in alcune situazioni è stato fatto addirittura qualche passo indietro. Non è più il tempo degli appelli, domani sottolineeremo il fatto che in questo momento non vediamo nessuna prospettiva. E ciò rischia solo di creare ulteriori lutti». Lo dice il segretario generale della Cgil Bat, Biagio D'Alberto, alla vigilia della cerimonia commemorativa organizzata per il decimo anniversario del crollo della palazzina in via Roma a Barletta, a causa del quale persero la vita quattro operaie che lavoravano in un opificio al piano terra e la figlia 14enne del loro datore di lavoro, Maria Cinquepalmi.

«Stiamo proprio in questi giorni assistendo ad un bollettino quotidiano di morti bianche, in meno di una settimana 14 in Italia. Due delle quali avvenute anche in Puglia. Una recrudescenza della mortalità che per certi versi suona come uno schiaffo soprattutto in giornate dedicate alla commemorazione. Gli infortuni e i decessi, invece di diminuire, crescono. Un allarme che questi giorni è stato accolto anche dal presidente del Consiglio che, a fronte della situazione, ha riproposto la necessità di attivare misure più stringenti sia sul versante della prevenzione che sul quello sanzionatorio.

La necessità che si palesa è sicuramente quella del contrasto all'insicurezza sui luoghi di lavoro ma anche quella di garantire un processo ispettivo. Lo diciamo registrando in questo territorio la carenza di controlli che, purtroppo, determina l'incapacità arginare possibili situazioni di rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Nella Bat, bisogna considerare anche che la maggior parte delle aziende è di media-piccola dimensione, sotto i 15 dipendenti, dove spesso anche il sindacato non è presente.

E poi c'è il tema della mancanza di un ispettorato provinciale del lavoro in questo territorio ed è proprio da qui che riparte la nostra rivendicazione, visto che il Premier Draghi, come annunciato, si sta muovendo per l'assunzione di 2309 nuovi ispettori. È necessario ce ne arrivino anche qui ed è necessario dotare la nostra provincia anche di questo presidio, solo così i controlli potranno essere capillari».
  • Cgil
  • Crollo
Altri contenuti a tema
1 Undici anni dal crollo di via Roma, il ricordo di Barletta Undici anni dal crollo di via Roma, il ricordo di Barletta Alle 12.21 minuto di silenzio alla presenza del sindaco e della cittadinanza
11 anni dal crollo di via Roma, domani la commemorazione 11 anni dal crollo di via Roma, domani la commemorazione Alle ore 12 è previsto un momento di raccoglimento sul luogo della tragedia
Gli studenti di Barletta ricordano le vittime del crollo di via Canosa Gli studenti di Barletta ricordano le vittime del crollo di via Canosa Questa mattina la commemorazione in via dei Pini
Ricorre il 63° anniversario del crollo di via Canosa Ricorre il 63° anniversario del crollo di via Canosa Venerdì alcune cerimonie di commemorazione
1 Emergenza lavoratori stagionali, a Barletta tanti giacigli di fortuna Emergenza lavoratori stagionali, a Barletta tanti giacigli di fortuna Il segretario generale della Flai CGIL Bat Gaetano Riglietti chiede un incontro col sindaco
1 Le parole del senatore Quarto su Franco Dambra: «Sono davvero costernato, ci conoscevamo sin da ragazzi» Le parole del senatore Quarto su Franco Dambra: «Sono davvero costernato, ci conoscevamo sin da ragazzi» «Sei stato un fulgido esempio di cittadino operoso e attento»
1 La senatrice Messina: «Franco Dambra ha dedicato la sua vita ai diritti dei lavoratori» La senatrice Messina: «Franco Dambra ha dedicato la sua vita ai diritti dei lavoratori» «Sempre attento e sensibile, ci legava un rapporto di amicizia vera»
1 Crollo di Via Roma, pene ridotte e rimodulate Crollo di Via Roma, pene ridotte e rimodulate Ormai sono undici anni dalla tragedia che ha portato alla morte di cinque donne
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.