Commemorazione
Commemorazione
Convegni

"La storia dei sette fratelli Cervi"

lunedì 17 febbraio 2020
10:00
Liceo classico Carlo Troya di Andria
Una storia che a tratti potrebbe sembrare un romanzo. E invece no, è accaduta realmente. Il 28 dicembre del 1943 diversi spari esplosi all'unisono falcidiarono le vite di Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio ed Ettore, i sette fratelli Cervi. Stessa sorte per il loro compagno di lotta partigiana Quarto Camurri. Presero tutti attivamente parte alla Resistenza e per questo motivo facevano paura tanto da essere prima imprigionati e poi, dopo le torture, uccisi. Questa storia, a distanza di settantasette anni, viene raccontata attraverso gli occhi di un figlio, Adelmo Cervi, suo padre era Aldo, quando è stato ucciso lui aveva solo 4 mesi.

L'ex-ragazzo di oggi ripercorre in "Io che conosco il tuo cuore", libro scritto con Giovanni Zucca (edito da Piemme), la vicenda di una grande famiglia degli anni Trenta e poi quello che resta dopo la fucilazione: solo vedove e bambini indifesi di fronte alle durezze del periodo, alla miseria, ai debiti e anche alle maldicenze. Adelmo ripercorrerà questo scorcio di storia d'Italia lunedì 17 febbraio, a partire dalle ore 10, in un incontro con gli studenti del liceo classico Carlo Troya di Andria nell'ambito di una iniziativa organizzata dalla Flc Cgil Bat e dall'Anpi.

"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre"'. Con queste parole di Primo Levi la segretaria della Flc Cgil Bat, l'insegnante Angela Dell'Olio, spiega le motivazioni che hanno portato la federazione a promuovere questa iniziativa che coinvolge anche l'Anpi della Bat con la presenza del presidente, prof. Roberto Tarantino. "I nostri ragazzi hanno bisogno di conoscere ciò che è stata la nostra storia contemporanea, di ascoltare le testimonianze di chi ha vissuto sulla propria pelle le devastazioni del nazifascismo, dato che i nostri programmi scolastici non consentono uno studio approfondito ed analitico proprio di quel segmento storico più vicino a noi e nel contempo più devastante quali sono stati la seconda guerra mondiale, il nazismo, il fascismo, la nostra Resistenza", riporta ancora la segretaria.

"Siamo grati al preside Michelangelo Filannino che ha accolto con entusiasmo questo incontro-dibattito tra Adelmo Cervi e i suoi studenti. Questa sensibilità non può che dare speranza alla scuola intesa come comunità educante che forma coscienze critiche nei nostri giovani per un futuro migliore in cui non ci sia spazio per discriminazioni, razzismo, violenza, odio. Se l'ignoranza genera il male noi combattiamo con le armi della conoscenza!". Così conclude l'insegnante Dell'Olio il suo intervento auspicando una partecipazione più attiva e consapevole dei giovani alla costruzione del proprio futuro, alla lotta per una società più giusta che accolga la diversità come una ricchezza e non come un pericolo".
  • ANPI
Altri contenuti a tema
L'ANPI BAT dona i proventi del tesseramento alla Protezione Civile pugliese L'ANPI BAT dona i proventi del tesseramento alla Protezione Civile pugliese «Solo uniti, sostenendoci l’un l’altro, superando ogni egoismo, ce la faremo»
1 La provincia Bat e la lotta di Liberazione: approvato il protocollo d'intesa con l'A.N.P.I. La provincia Bat e la lotta di Liberazione: approvato il protocollo d'intesa con l'A.N.P.I. La nota del Presidente provinciale ANPI Bat, Roberto Tarantino
2 Barletta antifascista, Tarantino: «Siamo liberi perché qualcuno ha Resistito» Barletta antifascista, Tarantino: «Siamo liberi perché qualcuno ha Resistito» Dopo le polemiche per l'approvazione della mozione, ecco l'intervista al presidente dell'ANPI Bat
“La pelle in cui abito”: Kader Diabate ospite a Barletta per la presentazione “La pelle in cui abito”: Kader Diabate ospite a Barletta per la presentazione L'ANPI di Barletta si farà tramite del messaggio di speranza lanciato dal giovane Diabate
Chiusura Piazza Caduti, Tarantino (ANPI): «Nessun complotto con l'Amministrazione di Barletta» Chiusura Piazza Caduti, Tarantino (ANPI): «Nessun complotto con l'Amministrazione di Barletta» «La memoria di quelle persone, la tutela dei luoghi a esse legati sono un dovere non solo di noi dell’ANPI»
In edicola il calendario di Mussolini, l'ANPI BAT smentisce l'azione collettiva a Barletta In edicola il calendario di Mussolini, l'ANPI BAT smentisce l'azione collettiva a Barletta La notizia è stata riportata dall'Ansa. Tarantino: «Non c'è nessuna relazione tra ANPI e l'associazione Giustitalia»
"Anna Mascherini e Francesco Gammarota": nuova intitolazione per l'ANPI BAT "Anna Mascherini e Francesco Gammarota": nuova intitolazione per l'ANPI BAT La staffetta Anna salvò la vita del partigiano Brancaleone
Settembre 1943: Barletta viene travolta dalla Storia, il racconto dell'ANPI Settembre 1943: Barletta viene travolta dalla Storia, il racconto dell'ANPI Questa mattina sarà posta una ghirlanda al bassorilievo in memoria dei vigili urbani e netturbini
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.