Barletta-Gravina. <span>Foto Cosimo Campanella</span>
Barletta-Gravina. Foto Cosimo Campanella
Calcio

Bando alle isterie e godiamoci questo Barletta - FOTO

Il 2-0 al Gravina spazza via una settimana di eccessi e lancia i biancorossi in un’esaltante volata a cinque

Certo, dal punto di vista squisitamente estetico quella con il Gravina magari non è stata la vittoria del secolo. Ma in fondo chi se ne frega, contava vincere e la vittoria è arrivata. Una vittoria resa ancora più importante dal contemporaneo pareggio della capolista Cavese a Fasano, in una giornata che ha visto inoltre le vittorie del Brindisi sulla Nocerina (1-0), del Casarano (1-0) sul campo dell'Afragolese, e del Nardò (sempre per 1-0) al "Giovanni Paolo II" sul Gladiator.

Con questi risultati, la classifica in zona promozione si è ulteriormente accorciata. A dieci giornate dalla fine, infatti, sono ben cinque le pretendenti al gran salto in Serie C, racchiuse nello spazio di soli cinque punti e con numerosi scontri diretti ancora da giocare, per un girone H di Serie D resosi ancora più avvincente di quanto ci si aspettasse a inizio stagione.
45 fotoBarletta-Gravina: la galleria fotografica del match
Barletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del matchBarletta-Gravina: la galleria fotografica del match
Già, ma come ci arriva il Barletta a quella che è la fase decisiva del torneo? Contro il Gravina si è vista una squadra che ha avuto un approccio alla gara piuttosto teso, fino al gol liberatorio di Nicola Loiodice che ha letteralmente spazzato via dall'undici biancorosso una settimana di tensioni forse anche eccessive (se non proprio immotivate), e dalla testa del numero dieci di Farina le incertezze dovute a un periodo di appannamento, come testimoniato anche dallo splendido assist per il raddoppio di Riccardo Lattanzio.

Già, Loiodice-Lattanzio, la tanto attesa L2 che di qui all'ultima giornata, soprattutto in ragione della squalifica di Matteo Di Piazza, ha tutto per provare a guidare il Barletta verso il sogno promozione.

Un sogno che però non deve diventare un'ossessione, o meglio, non deve portare ai picchi di isteria visti dopo il pareggio di Martina Franca. Un concetto ribadito giustamente anche dai ragazzi della Curva Nord a fine partita, quando hanno una volta in più ribadito il loro attaccamento e apprezzamento nei confronti di squadra e tecnico. E tutto questo a prescindere da quello che sarà l'esito di questo finale di campionato.

Un finale di campionato che si annuncia avvincente non solo in zona promozione, ma anche per quel che riguarda la lotta per la salvezza che va dai ventisei punti di Gladiator e Nocerina ai quindici della Puteolana, che pur essendo ultima in classifica è stata capace nell'anticipo di sabato di darne cinque a a quel Bitonto di Valeriano Loseto che appena sei giorni prima ne aveva dati sei al Fasano.

Per la settima giornata di ritorno era inoltre in programma un vero e proprio spareggio-salvezza tra Molfetta e Lavello, terminato con il successo dei molfettesi per 3-0. Con questo successo gli uomini di Bartoli raggiungono in classifica l'Afragolese e scavalcano il Francavilla in Sinni, sconfitto anch'esso per 3-0 in quel di Matera.

Da segnalare infine la sconfitta interna (1-2) della Team Altamura contro il Martina. Un KO che a questo punto della stagione potrebbe rivelarsi esiziale per le ambizioni di alta classifica dei ragazzi di Ciro Ginestra.
  • Asd Barletta 1922
Altri contenuti a tema
4 Barletta 1922, si presentano Daniele De Vezze e Bartolo Lorusso Barletta 1922, si presentano Daniele De Vezze e Bartolo Lorusso Direttore generale e club manager chiedono di voltare pagina
Il Barletta 1922 riparte da Pasquale De Candia e Bartolo Lorusso Il Barletta 1922 riparte da Pasquale De Candia e Bartolo Lorusso Domani l'ufficialità di tecnico e ds
SSD Barletta 1922 o Barletta Calcio Sport? Questo è un problema… SSD Barletta 1922 o Barletta Calcio Sport? Questo è un problema… Romano (e Dimiccoli) incassano il no di Daleno. Dibenedetto prova a riesumare un glorioso passato. In m
Barletta 1922, tra ombre e divisioni Barletta 1922, tra ombre e divisioni La svolta societaria è arrivata (forse), ma le macerie da raccogliere sono tantissime
4 Michele Dibenedetto: «Riparto con il progetto Audace, fatto il possibile per prendere il Barletta» Michele Dibenedetto: «Riparto con il progetto Audace, fatto il possibile per prendere il Barletta» L'imprenditore barlettano in conferenza stampa
1 Barletta 1922, inizia l'era Romano: «Giudicatemi per ciò che farò» Barletta 1922, inizia l'era Romano: «Giudicatemi per ciò che farò» Prima conferenza stampa del nuovo presidente biancorosso
Cessione Barletta 1922, fatta con Marco Arturo Romano Cessione Barletta 1922, fatta con Marco Arturo Romano Alle 10 domani conferenza stampa
1 Torna a parlare Mario Dimiccoli: «Commessi errori in buona fede» Torna a parlare Mario Dimiccoli: «Commessi errori in buona fede» Annunciata domanda di ripescaggio, nessun accenno alla trattativa con Romano
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.