Giacomo Colaprice
Giacomo Colaprice
Basket

4 salti a canestro: intervista a Giacomo Colaprice

Le parole del capitano della Cestistica Barletta

Un vero capitano si vede nei momenti di difficoltà. Dopo 2 sconfitte consecutive, immeritate quanto pesanti ai fini della classifica, contro le quotate N.P. Ceglie e Technoacque Fasano, la Cestistica Barletta sta cercando di ricompattarsi sul piano psicologico: il leader del quintetto biancorosso, Giacomo Colaprice, uno degli "anziani" del gruppo, ha parlato ai nostri microfoni prima della consueta sessione di allenamento presso il "PalaMarchiselli", per fare il bilancio sui primi turni di questo ambizioso campionato:

Giacomo, prime 6 giornate, 3 vittorie e 3 sconfitte. Soddisfatti del cammino intrapreso finora?

«Non completamente. Perdere la prima a Terlizzi non era previsto, anche se la sconfitta di Lucera a Trani ha rimescolato tutto. Avremmo potuto avere due punti in più, però credo che possiamo arrivare in fondo tranquillamente».

La partita più bella di questo avvio di stagione?

«Quella con il Castellana, perché ha dato la conferma del valore di questa squadra. Abbiamo vinto contro il team che ha raggiunto la finale lo scorso anno. È stato un segnale forte… ».

Quanto conta avere Faletto come compagno?

«Lo dicevo proprio ad Auricchio: è meglio averlo con noi che contro, perché quando è in giornata è immarcabile. Hernan ci aiuta anche a crescere come squadra, perché per le difese avversarie marcare un giocatore così forte toglie attenzioni su altri uomini che possono trovare opportunità più concrete».

Con che compagno ti trovi meglio dentro e fuori dal campo?

«Non ho molti amici veri all'interno del rettangolo di gioco. Della squadra attuale, per affinità caratteriale sceglierei Chiandetti, perché come me è una persona misurata, che anche nel campo non va mai su di giri».

Numero di scarpe?
«49 e mezzo, difficili da trovare, soprattutto quelle da passeggio…».

L'ultimo acquisto si chiama Gambarota: in realtà si tratta di un ritorno. Quanto sarà importante il suo contributo?
«Giovanni è un cestista di sicuro valore, spero che torni a giocare con noi con la mente libera: il suo apporto può contribuire a farci giocare un campionato importante, come dimostrato dalle nostre ambizioni».

Obiettivi professionali e personali per il tuo futuro…
«Mi ritengo soddisfatto della mia vita attuale. Ho una famiglia, sono papà da un mese di Giuseppe. Ci fa dormire poco, perciò il mio rendimento non è ancora al 100%. Lavoro in banca a Cerignola; torno alle 18, il tempo di riposarmi e corro al Palazzetto. Dal punto di vista professionale, devo vincere questo campionato. Non voglio essere ripescato. Per vincere un campionato servono 3 componenti: squadra, società e pubblico. Con l'arrivo di Giovanni siamo al completo su tutti i fronti. Ora bisogna solo spingere e lavorare duro».

Un saluto ai nostri lettori e ai vostri tifosi.
«Saluto affettuosamente i lettori di Barlettalife e prometto ai nostri tifosi che si divertiranno quest'anno...»

E da quanto visto nei primi turni al "PalaMarchiselli", le attese saranno rispettate...
  • Intervista
  • Cestistica Barletta
Altri contenuti a tema
Esther, la nuova wave della Trap viene da Barletta Esther, la nuova wave della Trap viene da Barletta Vent'anni, tanta voglia di comunicare e il successo che attraversa le varie piattaforme digitali
4 Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta «Nessuno scandalo in un progetto concertato sull’intera piazza che unisca la ristrutturazione del fabbricato alla valorizzazione ed alla memoria»
"Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis "Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis Lo studente di origine andriese, ma salentino di adozione, si racconta
Cosa significa essere donna oggi? L'opinione di Luisa Rizzitelli Cosa significa essere donna oggi? L'opinione di Luisa Rizzitelli Intervista alla giornalista barlettana impegnata attivamente per i diritti umani e civili
«Il vero coraggio è avere paura e non lasciarsi mai cullare nelle proprie certezze» «Il vero coraggio è avere paura e non lasciarsi mai cullare nelle proprie certezze» Cinzia Conteduca, "fearless" e coraggiosa ricercatrice di Barletta, è stata tra le protagoniste del TEDx BarlettaWomen
Barbie in Town: “influencer" d’eccezione in giro per la Puglia Barbie in Town: “influencer" d’eccezione in giro per la Puglia Intervista agli ideatori del progetto che ha coinvolto anche Barletta
L'impresa ai tempi della pandemia: intervista esclusiva con Pasquale Casillo L'impresa ai tempi della pandemia: intervista esclusiva con Pasquale Casillo L'imprenditore coratino sarà tra i relatori degli Stati Generali dell'Export in programma sabato 10 ottobre
Cannillo e Pomarico oggi ospiti in diretta sul network Viva Cannillo e Pomarico oggi ospiti in diretta sul network Viva Approfondimento sulla ripartenza dopo il Coronavirus: orizzonti, progetti, speranze
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.