In Web Veritas

L’informazione ai tempi dei social media

Bufala o notizia, l’importante è “condividere”

Con l'avvento e la virale diffusione dei social network, il panorama dell'informazione è drasticamente cambiato, e così anche è cambiato il modo in cui il lettore si informa quotidianamente. Il tradizionale rito del quotidiano cartaceo sfogliato al bar o letto in treno mentre si raggiunge l'ufficio è stato ormai soppiantato, cedendo il passo a iPad e smartphone. Molti giornali nazionali stanno puntando sempre di più sulle edizioni online, con app specifiche e abbonamenti di certo più economici rispetto al costo del giornale in edicola.

Oltre alla produzione della notizia, cambia anche la fruizione. Non basta accendere il PC per informarsi: occorre saper distinguere una notizia da una bufala, e non sempre è così semplice. Se l'affidabilità è garantita quando navighiamo su siti internet di testate giornalistiche, ogni garanzia sparisce quando ci informiamo quasi passivamente attraverso le bacheche dei social network, e in particolare di Facebook. Un recente studio eseguito dagli istituti universitari di Lucca, Lione e della Northeastern University di Boston, in un periodo compreso tra il 1 settembre 2012 e il 28 febbraio 2013, ha dimostrato che Facebook – come luogo di diffusione delle notizie – è uno strumento in cui la veridicità (o la falsità) di una informazione non è il criterio essenziale che caratterizza la condivisione. Vera o falsa che sia l'informazione, l'importante è solo quante persone l'hanno condivisa. Un metodo semplice per evitare la confusione in questo mare sovraccarico di notizie è fare sempre attenzione alla fonte dell'informazione e non fermarsi solo al titolo o all'icona del link condiviso.

Da tutto questo nascono ovviamente esperienze che, prendendo in giro deliberatamente questi sistemi, si basano proprio sul fattore "bufala", talmente palese da risultare caricaturale e sarcastico. Una su tutte è la finta informazione giornalistica del Lercio.it (il cui nome è già sinonimo di pessima garanzia), i cui collaboratori confezionano notizie paradossali e volutamente fasulle, giocando su luoghi comuni, ossessioni popolari e accostamenti improponibili che sfiorano il profano. Esperimento godibile per i navigatori pro dell'informazione online, ma che spesso riescono a far cadere nella propria rete i lettori più ingenui, vista l'estrema professionalità nell'impostazione di una falsa notizia, completa di riferimenti, date e titoli assolutamente geniali. Basta citarne un esempio: "Kevin Bacon diventa vegano ma la corte gli impedisce di cambiare cognome".
  • Social network
  • Informazione online
Altri contenuti a tema
"Download fallito", Whatsapp e Instagram vanno di nuovo down "Download fallito", Whatsapp e Instagram vanno di nuovo down Per molti utenti impossibile scaricare immagini e messaggi vocali
Social di nuovo bloccati: problemi a Facebook, Instagram e Whatsapp Social di nuovo bloccati: problemi a Facebook, Instagram e Whatsapp Migliaia le segnalazioni, soprattutto in Europa
Sulla spiaggia di Barletta fioriscono rifiuti, il racconto di Rosangela su Instagram Sulla spiaggia di Barletta fioriscono rifiuti, il racconto di Rosangela su Instagram «La cosa peggiore è stata vedere l’insostenibile inciviltà e l’indifferenza dei passanti»
Panico da social, Facebook e Instagram down da alcune ore Panico da social, Facebook e Instagram down da alcune ore Disordine negli accessi ai noti social network
Di nuovo #Facebookdown, accesso bloccato per migliaia di utenti Di nuovo #Facebookdown, accesso bloccato per migliaia di utenti Paura degli hacker e bisogno di sicurezza: il social network è nuovamente minacciato
Insegnare la gentilezza ai più piccoli, anche online Insegnare la gentilezza ai più piccoli, anche online I dieci concetti del Manifesto della comunicazione non ostile per bambini
Da grande voglio fare l'influencer, ma occhio alla pubblicità occulta Da grande voglio fare l'influencer, ma occhio alla pubblicità occulta L'Autorità Garante della Concorrenza interviene sul fenomeno di web marketing più richiesto del momento
Cambridge Analytica, anche gli utenti pugliesi potranno chiedere i danni a Facebook Cambridge Analytica, anche gli utenti pugliesi potranno chiedere i danni a Facebook Ecco come partecipare alla class action promossa dal Codacons
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.