Coriandoli
Coriandoli
Cara Barletta ti scrivo

Il mare di Barletta: contaminato anche dai coriandoli di plastica

L'appello del subacqueo ambientalista Binetti è rivolto alle chiese, locali pubblici, e alla amministrazione comunale

«Parliamo di coriandoli... la maggior parte di chiese e locali pubblici utilizzano i cosiddetti spara coriandoli, risultano particolarmente inquinanti intasando chiusini e caditoie stradali, creando un danno all'ambiente. Inoltre con le piogge, grandi quantità di tali parti di plastica finiscono in mare attraverso gli scarichi, o sospinti dal vento, andando a contaminare l'ambiente marino, sino ad alterarne la catena alimentare.

Solitamente questi coriandoli vengono sparati durante matrimoni, feste, e ricorrenze, si considera poi che "al termine delle cerimonie non si provvede alla immediata rimozione dei materiali che rimanendo abbandonati al suolo concorrono a deturpare il decoro urbano delle pubbliche vie". Quindi un conto è se vi finiscono coriandoli di carta che sono fatti di materiale naturale e hanno tempi di biodegradabilità che vanno (in base alla tipologia) da 2 a 6 settimane; un conto è se vi finiscono coriandoli di plastica che derivano da petrolio e metano e che hanno un tempo di degradazione naturale che va (in base alla tipologia di sostanze combinate) mediamente da 50 a 500 anni. In questo modo, si trasforma in un ennesimo insulto alla natura che ci circonda e al mare, soprattutto, dove ormai la plastica è dovunque. Il mio appello in primis da cittadino e da subacqueo ambientalista è rivolto alle chiese, locali pubblici, e alla amministrazione comunale di poter prendere provvedimenti seri e garantire al nostro mare una particolare attenzione».

Un abbraccio dal profondo blu Antonio Binetti
Coriandoli
  • Mare
Altri contenuti a tema
La Puglia è prima in Italia per qualità delle acque di balneazione La Puglia è prima in Italia per qualità delle acque di balneazione Presentati questa mattina i dati rilevati da SNPA e Arpa Puglia
Il sindaco Cannito ribadisce il no alle ricerche petrolifere sulle coste pugliesi Il sindaco Cannito ribadisce il no alle ricerche petrolifere sulle coste pugliesi Si ritrova in accordo con quanto sostenuto da ANCI Puglia
Come il mare pugliese sta cambiando Come il mare pugliese sta cambiando I problemi con la pesca, l'aumento delle temperature, l'omogeneizzazione del fondale: tutti sintomi di una salute malata del nostro mare
2 Legambiente pubblica le immagini dei fondali marini barlettani Legambiente pubblica le immagini dei fondali marini barlettani Dopo la giornata del 16 maggio, dedicata alla pulizia delle spiagge e dei fondali, sono state pubblicate le foto dei nostri fondali
5 Qualità dell'acqua 2021, risultati eccellenti per la Bat Qualità dell'acqua 2021, risultati eccellenti per la Bat A commentare la notizia il consigliere regionale Filippo Caracciolo
11 aprile, è la Giornata del mare e della cultura marinara 11 aprile, è la Giornata del mare e della cultura marinara Per tutti i cittadini è disponibile da oggi la funzione "avvistamenti” dell’app #PlasticFreeGC, per segnalare in diretta particolari specie marine
Mare e turismo, concessioni marittime estese al 2033 Mare e turismo, concessioni marittime estese al 2033 Ai concessionari garantita continuirà grazie all'estensione quindicennale delle concessioni vigenti
Malore in mare, si salva grazie a due agenti di Barletta e Andria Malore in mare, si salva grazie a due agenti di Barletta e Andria Un uomo di 76 anni ha rischiano di annegare oggi a Trani
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.