Via Tatò
Via Tatò
La città

Via Tatò, si sapeva dal 2009 che lì sarebbe nata una scuola

Dopo aver concesso l'area verde in adozione il Comune l'ha revocata

C'è un errore di disattenzione alla base delle aspettative "tradite" dei residenti di via Don Michele Tatò. Una svista, quella che ha causato la repentina revoca della convenzione di adozione dell'area di circa 3.500 mq sita nel quartiere Settefrati. Lì dovrà sorgere una scuola dell'infanzia. E questo è un fatto arcinoto.

Risale al 2009, infatti, l'approvazione da parte del Consiglio comunale di Barletta del progetto preliminare di realizzazione della scuola materna a tre sezioni "nel piano di lottizzazione del comprensorio di aree comprese tra le vie Regina Margherita, Violante, Del Gelso e Sette Frati".

Poi, nel 2018 il Consiglio ha confermato "la volontà di realizzare una scuola materna a tre sezioni nella zona Settefrati, in particolare in via Don Michele Tatò". E nel maggio 2019 è stata indetta la gara con procedura pubblica per la "progettazione definitiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, progettazione esecutiva e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, con revisione al vigente D.Lgs. 50/2016 della progettazione preliminare per la realizzazione di una scuola materna a tre sezioni in via Don Michele Tatò".

Arriviamo ai giorni nostri quando, approfittando della possibilità promossa dall'amministrazione comunale di adottare aree verdi cittadine, la Nuova Aurora s.r.l. ottiene la gestione proprio di quell'area. Ma sono bastati pochi giorni affinché il Comune revocasse la convenzione siglata, prendendo atto che su quelle superfici è in corso l'aggiudicazione del progetto definitivo per la realizzazione della scuola.
Ora, sebbene sia comprensibile che i cittadini della zona possano sentirsi delusi dal non vedere rifiorire un'area spesso abbandonata a degrado, è chiaro che si sia trattato di un errore di disattenzione. Una distrazione costosa in termini morali per i residenti ed economici per chi aveva già avviato i lavori di risistemazione della zona, ma rettificata con la revoca, possibile in ogni momento secondo quanto stabilito dal disciplinare per l'adozione.

Semplificando, il Comune ha accettato la richiesta di adozione senza verificare che quell'area fosse già interessata da altri interventi. All'interno del disciplinare, infatti, l'amministrazione ha solo elencato le aree non adottabili come i giardini del Castello, quelli di villa Bonelli o della Scuola "Musti", prevedendo per il resto che "sarà possibile adottare tutte le aree verdi di Barletta", senza farne una puntuale elencazione. Cosa, tra l'altro, irrealizzabile dato che oggetto di adozione potrebbero essere anche siepi e piccoli spazi verdi.

Tutto ciò comporta che ogni richiesta di adozione debba essere vagliata, specie quando si tratta di spazi ampi come quelli via Tatò, prima di affidarne la manutenzione ad associazioni, imprese o cittadini. Per la prossima volta serve solo un po' più di attenzione.
  • Lavori pubblici
  • Verde pubblico
Altri contenuti a tema
2 Parco dell’Umanità: uno stop ai lavori che farà discutere Parco dell’Umanità: uno stop ai lavori che farà discutere Emersa la presenza di materiali inquinanti su un'area del Lotto 2
3 Cantiere Lidl: ecco il parere dell'avvocatura, il Comune può agire in autotutela Cantiere Lidl: ecco il parere dell'avvocatura, il Comune può agire in autotutela Valutazione di una presunta illegittimità del secondo condono su quell'area, adesso la decisione spetta agli organi comunali
1 Abbattuto ex impianto di Acquedotto Pugliese sulle Mura del Carmine Abbattuto ex impianto di Acquedotto Pugliese sulle Mura del Carmine Nel tempo era diventato luogo di degrado e abbandono di rifiuti
Rete idrica cittadina, le strade di Barletta interessate dall'intervento di Acquedotto Pugliese Rete idrica cittadina, le strade di Barletta interessate dall'intervento di Acquedotto Pugliese L'intervento, del valore di 5.000.000 di euro, consentirà l’ottimizzazione dell’intero sistema idrico cittadino
Lavori Open Fiber a Barletta, l'elenco delle strade interessate Lavori Open Fiber a Barletta, l'elenco delle strade interessate I nuovi cantieri riguarderanno la zona Settefrati
Barletta-Spinazzola: bus sostitutivi dal 15 marzo al 29 settembre Barletta-Spinazzola: bus sostitutivi dal 15 marzo al 29 settembre La tratta ferroviaria sarà chiusa per lavori di ammodernamento
1 Soppressione passaggi a livello, lunedì iniziano i lavori dell'Acquedotto pugliese Soppressione passaggi a livello, lunedì iniziano i lavori dell'Acquedotto pugliese Sarà creata una bretella idraulica a ridosso del cantiere
Iniziata la disinfestazione della fogna nera a Barletta a cura di AQP Iniziata la disinfestazione della fogna nera a Barletta a cura di AQP Le operazioni si concluderanno a ottobre prossimo
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.