Il pullman partito da Molfetta
Il pullman partito da Molfetta
La città

Un barlettano alla guida del bus che ha salvato dalla guerra 43 profughi ucraini

La missione umanitaria è partita da Molfetta

Da Molfetta a Leopoli per portare aiuti e condurre in Italia gli ucraini devastati dalla guerra in corso. Il pullman umanitario organizzato dal Sermolfetta e da don Gino Samarelli, è arrivato ieri a Molfetta. Tra gli autisti che si sono dati il cambio durante il lungo viaggio, c'è anche il barlettano Massimo Greco che con il suo lavoro ha contribuito a portare in salvo dalle bombe 45 persone, tra cui un neonato, e 3 cagnolini. I volontari hanno iniziato il viaggio di ritorno giovedì e sono arrivati a Molfetta ieri pomeriggio.
A Leopoli, città ucraina non ancora devastata dagli attacchi russi, i volontari hanno portato medicinali e generi di prima necessità. Ma l'obiettivo era soprattutto portare in Italia le persone minacciate dalla guerra che adesso saranno ospitate negli ex Sprar del territorio, le strutture del Sistema di Accoglienza e Integrazione (Sai). Di seguito, alcune delle testimonianze raccolte di colleghi della redazione di MolfettaViva.

«La prima cosa che ci hanno chiesto è stata proteggersi dal freddo», le parole di Anastasia, l'infermiera di origine bielorussa partita con don Gino. «Li abbiamo subito accolti nel pullman - ha aggiunto - erano molto infreddoliti e affamati, quindi li abbiamo riscaldati, sfamati e fatti riposare perché erano molto stanchi. Don Gino ha avuto molto coraggio perché in questa terra non si sa cosa può accadere. Siamo andati di persona alla frontiera ad accogliere queste persone ed era molto pericoloso, non sapevamo nemmeno noi cosa aspettarci», ha detto Anastasia.

La guerra coglie impreparati anche quando è nell'aria. La guerra miete vittime, perseguita le persone più fragili e distrugge tutto. «Non sappiamo dove andremo, ma lì eravamo paralizzati», racconta una donna arrivata a Molfetta. «Per sette giorni non siamo usciti - spiega - A Kiev vivevamo con l'ansia e la paura, non sapevamo cosa fare».

Fino ad ora sono stati più di 2 milioni gli ucraini che hanno lasciato il Paese. La maggior parte di loro raggiunge la Polonia e gli stati al confine come la Romania, l'Ungheria e la Moldavia. Gli altri proseguono verso l'Europa occidentale. Qualcuno si ricongiunge ad amici e familiari che vivono all'estero. Qualcun altro, invece, viene portato in salvo da chi, come don Gino, macina chilometri di strada e raggiunge il confine per salvare chi fino a pochi giorni fa conduceva una vita normale e che oggi passa le giornate a nascondersi nei rifugi.

Secondo le stime del Ministero dell'Interno, sono 31.287 le persone giunte in Italia in queste prime due settimane di conflitto. Quasi 16mila di loro sono donne, molte con figli a carico (12.676 minori arrivati). Gli uomini arrivati nel nostro Paese, invece, sono solo 2.781 perché chi ha tra i 18 e i 60 anni non può lasciare il Paese. «Mi sono rilassata solo quando ho visto il vostro mare», le parole di una delle persone condotte a Molfetta da don Gino.
  • Volontariato
  • Guerra
Altri contenuti a tema
Antonio Dibenedetto: «La mia vita tra libri e volontariato» Antonio Dibenedetto: «La mia vita tra libri e volontariato» Il ricavato dei suoi libri ha dato vita a 27 collette alimentari per la Caritas di Barletta
1 Domenica 17 luglio, una bandiera ucraina sulla facciata del Municipio Domenica 17 luglio, una bandiera ucraina sulla facciata del Municipio Il Sindaco Cosimo Cannito incontrerà una delegazione di profughi ucraini
Guerra in Ucraina: partito dalla Puglia il primo team sanitario di valutazione Guerra in Ucraina: partito dalla Puglia il primo team sanitario di valutazione Il loro compito è quello di stabilire le priorità d’imbarco di pazienti
A Barletta la manifestazione Pro-Ucraina, presso la Chiesa di Sant’Antonio A Barletta la manifestazione Pro-Ucraina, presso la Chiesa di Sant’Antonio Continua la raccolta di alimentari a Barletta, Molfetta, Terlizzi
Anpi Barletta e Bat: un tavolo di confronto sulla guerra Anpi Barletta e Bat: un tavolo di confronto sulla guerra «Perché è una guerra “complessa” quella attuale» dice il professor Villani e Pappalardo, vicepresidente dell’Anpi nazionale
In Puglia, borse di studio per studenti ucraini In Puglia, borse di studio per studenti ucraini «Si tratta di un intervento straordinario che prova a restituire ai tantissimi giovani una speranza di futuro»
Partito da Barletta un nuovo carico di beni di prima necessità per l'Ucraina Partito da Barletta un nuovo carico di beni di prima necessità per l'Ucraina Riprende dunque la raccolta organizzata dall'Ambulatorio popolare di Barletta
Polina Sasko, la pianista ucraina che vinse al Teatro Curci, racconta la guerra Polina Sasko, la pianista ucraina che vinse al Teatro Curci, racconta la guerra Oggi gran parte del ricavato dei suoi concerti lo devolve in beneficienza al popolo ucraino
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.