Braille
Braille
Servizi sociali

Turismo accessibile, ecco la proposta di Rotaract e "In Braille"

Menù e guide turistiche realizzate per persone con disabilità visiva

Il Club Rotaract del Distretto 2120 Puglia e Basilicata ha deciso di orientare l'impegno del 2016 verso opere di sensibilizzazione nei confronti di soggetti ipovedenti e non vedenti. Una delle iniziative con tale obiettivo ha visto i Rotaract Club di Barletta, Trani, Bisceglie, Canosa di Puglia, Molfetta/Giovinazzo e Lecce promuovere la diffusione di menù accessibili ai ciechi e agli ipovedenti. Grazie alla partnership fra Distretto Rotaract 2120 Puglia & Basilicata ed In Braille dal primo luglio le persone con disabilità visiva troveranno oltre che a Barletta, città nella quale il progetto MENÙ IN BRAILLE è nato lo scorso anno, anche a Bisceglie, Canosa di Puglia, Giovinazzo, Lecce e Trani le prime strutture dotate di menù accessibili. A Barletta presso il Jolie Cafè, a Canosa di Puglia presso l'Excalibur ed il Twins, a Giovinazzo presso La Creperia, a Bisceglie presso Palazzo Bonomi, a Lecce presso La Cantina delle Streghe e Il Caffè Cittadino e a Trani presso il Westinghouse (da agosto perché il menù è in fase di rielaborazione), dunque, i ciechi potranno consultare il menù in braille e gli ipovedenti quelli a caratteri ingranditi.

La collaborazione con il Distretto Rotaract 2120 Puglia & Basilicata ed i Club cittadini Barletta, Trani, Bisceglie, Canosa di Puglia, Molfetta/Giovinazzo e Lecce ha permesso al progetto MENÙ IN BRAILLE di varcare i confini della città di Barletta dove è nato nel 2015 con un'ottima risposta da parte degli esercenti pubblici. Sul sito www.inbraille.it, portale dedicato alla disabilità visiva, nella sezione MENÙ IN BRAILLE non solo è possibile aderire online al progetto ma anche consultare l'elenco delle strutture dotate di menù accessibili cliccando su ESERCIZI PUBBLICI e ascoltare i menù (delle strutture che ne hanno autorizzato la pubblicazione) prima di recarsi nel locale scelto o nel locale stesso sia in modalità online, grazie all'uso degli smartphone, sia offline, salvando sul proprio dispositivo i menù accessibili. Il nuovo servizio è frutto di un costante confronto con i destinatari dell'intervento perché fondamentale risulta analizzare i bisogni e valutare per poi attuare le modalità per soddisfarli.

Poter leggere il menù non solo è indice di trasparenza e correttezza, ma è anche un obbligo di legge per tutte le attività che somministrano cibi e bevande al fine di proteggere i consumatori in materia di indicazione dei prezzi offerti ai medesimi. Ulteriori obblighi sono quelli di indicare l'utilizzo di cibi surgelati e sulla presenza di eventuali prodotti che provocano allergie o intolleranze. I menù accessibili, inoltre, garantiscono ai disabili visivi privacy e autonomia. Alla luce di tali considerazioni, in occasione degli incontri per il Piano Strategico del Turismo 2016-2025 promossi dalla Regione Puglia, abbiamo espresso la necessità di rendere obbligatoria l'accessibilità dei menù come di tutta la comunicazione legata alla promozione della nostra regione. Da non sottovalutarne, inoltre, il potenziale economico. Solo in Italia, secondo l'Istat (2013), i non vedenti sono circa 350 mila e gli ipovedenti circa un milione e mezzo. Come ricorda la commissione per la promozione e il sostegno del Turismo Accessibile sono cifre alle quali deve essere aggiunto il fattore moltiplicatore di 2.8, perché il tempo libero si passa in compagnia ed in vacanza non si va da soli. Ulteriori sviluppi e collaborazioni sono in via di sviluppo per permettere al progetto MENÙ IN BRAILLE di varcare presto i confini della Regione Puglia.

«Mi preme rivolgere un invito ai ciechi e agli ipovedenti che usufruiranno dei menù accessibili - scrive Sabrina Salerno di "In Braille" - affinché ne valutino l'impostazione, frutto della collaborazione con l'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti della provincia Barletta-Andria-Trani, e non esitino a contattarci per darci consigli utili a perfezionare il servizio». La diffusione di menù accessibili da parte dei Club Rotaract cittadini Barletta, Trani, Bisceglie, Canosa di Puglia, Molfetta/Giovinazzo e Lecce è stata accompagnata dalla realizzazione di guide cittadine informativo-descrittive, in braille per non vedenti e a caratteri ingranditi per ipovedenti, effettuate per conto di donazioni del Distretto Rotaract 2120 Puglia e Basilicata a fronte Service Distrettuali MPsense e DFP. Sempre dal primo luglio presso lo IAT (Informazione Accoglienza Turistica) di Barletta sarà disponibile la guida "Il Castello, Santa Maria Maggiore e Palazzo della Marra", presso lo IAT di Bisceglie la guida "Museo Diocesano di Bisceglie: Palazzo Episcopale", presso lo IAT di Molfetta la guida "Itinerario medievale nel centro antico" e presso la Fondazione Archeologica Canosina onlus di Canosa di Puglia la guida "La Basilica di San Sabino".
  • Braille
  • turismo
Altri contenuti a tema
Barbie diventa di nuovo influencer negli scatti a Barletta Barbie diventa di nuovo influencer negli scatti a Barletta Nuova tappa del tour "Barbie in town" di Gabriele del Buono e Pietro Milella: la città tra storia, architettura, mare e sapori vista dagli occhi di Barbie
A Barletta le riprese Rai di "Paesi che vai" A Barletta le riprese Rai di "Paesi che vai" L'ordinanza dell'Ufficio tecnico del traffico
Turismo in Puglia, «l’importante è aver cominciato a correre» Turismo in Puglia, «l’importante è aver cominciato a correre» L'analisi di Landriscina (Confesercenti Bat): «Di recente la Puglia ha assunto un ruolo turistico importante»
Puglia, eccellenza: vince il premio destinazione turistica dell’anno Puglia, eccellenza: vince il premio destinazione turistica dell’anno Evento in collaborazione con Regione Puglia e patrocinato da ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo
I turisti pugliesi spendono meno degli altri per le vacanze estive I turisti pugliesi spendono meno degli altri per le vacanze estive L'analisi realizzata da Coldiretti Puglia
Turisti truffati in un b&b di Barletta, la categoria: «Siamo contro ogni forma di illegalità» Turisti truffati in un b&b di Barletta, la categoria: «Siamo contro ogni forma di illegalità» Rizzi (Barletta Ricettiva): «Episodi che danneggiano il nome della città»
39 Turismo ecclesiastico a Barletta? «Tanti turisti delusi» Turismo ecclesiastico a Barletta? «Tanti turisti delusi» L'associazione Barletta Ricettiva si rivolge al Vescovo: «Trovano spesso le chiese chiuse, orari di apertura e chiusura poco chiari»
La Puglia meta preferita per chi sceglie di lavorare da remoto in smart La Puglia meta preferita per chi sceglie di lavorare da remoto in smart La provincia di Brindisi al primo posto secondo il report 2021
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.