Anziana truffata
Anziana truffata
La città

Truffe agli anziani, a Barletta aumentano le segnalazioni

Finti “funzionari” nelle case dei pensionati

Si dice che il livello di civiltà di una società o comunità locale lo si valuti in base a come vengono trattate le fasce più deboli: bambini, anziani, disabili, bisognosi, ecc. Non credo ci siano Istituzioni a livello locale e nazionale che possano apporsi qualche medaglia per meriti in tal senso. A parte ciò, vogliamo soffermarci sull'atto più vergognoso di approfittarsi della buona fede delle persone anziane e indifese: molte sono le recentissime segnalazioni negli iReport di BarlettaViva o comunque a noi pervenute di truffe o tentativi di truffe ai danni di persone anziane anche qui a Barletta, in centro come in periferia.

Le descrizioni dell'approccio sono tutte molto simili: "una o due persone ben vestite, apparentemente per bene", fingendosi impiegato dell'Inps, del Tribunale, dell'Enel, del Comune, catturano l'attenzione dei poveri malcapitati, fingendo di avere rapporti con un loro famigliare (figlio, fratello, nipote…), chiaramente inventando, magari sfruttando poche facili informazioni non difficili da carpire in mille modi. La vittima li accoglie spesso in casa, e questi cerca di sottrarre piccole o più sostanziose somme di denaro ai poveri anziani che credono di agire per risolvere una fantomatica problematica burocratica o che riguardi la famiglia, rispondendo anche a domande personali come «Quanto prendi di pensione?» o «Vivi solo/a?». A volte con l'escamotage di voler praticare uno sconto sulle fatture, si sono fatte mostrare documenti, tra cui bollette di pagamento, carte bancomat, libretti postali o bancari; alcuni sono stati intercettati per strada e seguiti fin dentro casa.

Tanti sono i casi di cui si sa, ma chissà quanti taciuti, perché c'è anche l'aspetto psicologico di cui tener conto: alcuni anziani quando si accorgono del raggiro subito, impauriti, tacciono. Ma è proprio questo che si dovrebbe evitare, del resto anche dai media nazionali viene rappresentato l'aumento esponenziale del fenomeno negli ultimi anni, proponendosi con tantissime modalità diverse. Ricordiamo che l'Inps, il Comune e altri enti di pubblica utilità hanno più volte specificato che non inviano impiegati a domicilio.

L'invito è sempre alla prudenza e alla messa in guardia dei cittadini più anziani. Torneremo presto sull'argomento.
  • Truffa
  • Anziani
Altri contenuti a tema
Green pass, allerta dalla Polizia Postale: «Attenzione al falso messaggio WhatsApp» Green pass, allerta dalla Polizia Postale: «Attenzione al falso messaggio WhatsApp» Il link ufficiale può arrivare solo tramite mail o sms
Continua il sit in per lo sblocco dell'Asp Regina Margherita Continua il sit in per lo sblocco dell'Asp Regina Margherita La struttura chiusa da settembre 2015 per ristrutturazioni concluse nel 2018 e costate 2.600.000 euro di finanziamenti pubblici
Asp Regina Margherita Barletta: il 14 giugno nei pressi della Prefettura per chiedere lo sblocco della situazione Asp Regina Margherita Barletta: il 14 giugno nei pressi della Prefettura per chiedere lo sblocco della situazione Hanno organizzato una mobilitazione di addetti, pensionati e cittadini attivi
Isolamento per over 70? Gli psicologi: «Proteggere gli anziani dal contagio, ma anche dalla solitudine» Isolamento per over 70? Gli psicologi: «Proteggere gli anziani dal contagio, ma anche dalla solitudine» Il presidente dell’Ordine degli Psicologi della Puglia Vincenzo Gesualdo: «L’impatto fisico ed emotivo dell’isolamento degli anziani non può essere trascurato»
Prescrivevano farmaci con ricette false, maxi truffa al Servizio Sanitario Nazionale Prescrivevano farmaci con ricette false, maxi truffa al Servizio Sanitario Nazionale Molti farmaci sono stati rinvenuti tra i rifiuti o bruciati in campagna: coinvolta anche la provincia Bat
Vendeva scarpe su Instagram e poi spariva: denunciato 50enne di Barletta Vendeva scarpe su Instagram e poi spariva: denunciato 50enne di Barletta Intascato l'importo pattuito spariva nel nulla, bloccando sul social l'acquirente
Occhio alle truffe, non aprire la porta a chi vuole donare mascherine Occhio alle truffe, non aprire la porta a chi vuole donare mascherine Il Comune di Barletta informa ai cittadini di non aver autorizzato nessuna distribuzione
Coronavirus, la distanza di sicurezza è per tutte le età Coronavirus, la distanza di sicurezza è per tutte le età Seguite tutte le raccomandazioni; fatelo per voi stessi ma soprattutto per i vostri genitori e nonni
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.