Timac di Barletta
Timac di Barletta
La città

«Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico»

Il resoconto della conferenza stampa convocata ieri nell'azienda

"Lo stabilimento Timac di via Trani ha riaperto a seguito di un provvedimento dell'autorità giudiziaria che ha accertato, oltre ogni ragionevole dubbio, dopo approfondite analisi dei periti della Procura della Repubblica di Trani e ARPA, che Timac non produce alcuna forma di inquinamento atmosferico". È quanto hanno dichiarato in una conferenza stampa Francesco Salvi (legale dell'azienda, studio Pavia e Ansaldo), Andrea Camaiora (portavoce) e Gianni Vetrugno (direttore di stabilimento).

L'avvocato Salvi ha sottolineato: "Inoltre, la procura ha riconosciuto e apprezzato l'avanzamento dei lavori di esecuzione della messa in sicurezza del suolo e della falda da parte di Timac, confermando che detti interventi, efficaci nel contenere e ridurre la contaminazione storica, in presenza di un'attività produttiva sono perfettamente equivalenti a un'attività di bonifica e pertanto in linea con le ordinanze emesse dalla Provincia".

"Ogni monitoraggio, indagine e analisi dell'area dello stabilimento si è sempre svolta in confronto e in accordo con tutti gli enti e i soggetti che di volta in volta hanno partecipato negli ultimi anni alle innumerevoli conferenze di servizi, e dunque Regione, Provincia, Comune, Arpa e Asl. Ogni passo compiuto - hanno dichiarato l'avvocato Salvi e l'ingegner Vetrugno - è stato controllato, ponderato, verificato e ricontrollato insieme dagli enti e dall'azienda. Anche con il supporto dei geologi, chiesti dal Comune e messi a disposizione da Procura e ARPA".

"Dopo anni - dichiara Andrea Camaiora - c'è ormai un'evidenza: Timac ha sempre detto la verità. Il nostro operato era corretto e alla fine è stato un modello rispettoso della legge, del confronto, delle istituzioni e dei cittadini. È una vittoria di tutti, dell'ambiente, dell'occupazione, dello sviluppo, della città, capace di coniugare tutto questo, e non può passare in secondo piano solo perché essa rappresenta contemporaneamente la sconfitta di pochi. Timac ora più che mai desidera confermarsi realtà attiva e responsabile di Barletta e per questo abbiamo investito negli ultimi anni oltre 2 milioni di euro per coniugare ambiente e sviluppo. Il nostro sito produttivo è la realtà più monitorata di tutta la provincia Bat ma anche quella su cui tutti si sono permessi in questi anni di esprimere con leggerezza i più vari giudizi. Per tutelare l'onore dell'azienda e dei suoi rappresentanti, è stato dato mandato per nuove querele nei confronti di chi, sui social network e sulla stampa, ha continuato anche negli ultimi giorni a diffamare Timac. I risarcimenti che otterremo in sede giudiziaria saranno devoluti in iniziative a favore di Barletta".

"Timac - afferma ancora Camaiora - inoltre intende proseguire nella strada del confronto sulle tematiche ambientali, aprendosi sempre più al dialogo con opinione pubblica e comitati, offrendo il proprio contributo per individuare insieme le soluzioni migliori per superare le criticità che caratterizzano il territorio comunale".
  • Timac Agro
Altri contenuti a tema
1 Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito La dura nota del Collettivo Exit, critica verso il primo cittadino
2 Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» La nota diramata dall'azienda: «Confermati i livelli occupazionali»
La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta «Nessun inquinamento nell'aria: MISO suolo e falda efficaci»
1 Caso Timac, Collettivo Exit: «Ancora nessuna indagine ambientale per Barletta» Caso Timac, Collettivo Exit: «Ancora nessuna indagine ambientale per Barletta» «La vicenda merita un intervento chiarificatore da parte del Sindaco Cannito»
«Timac non inquina», querela dell'azienda contro informazioni «false e calunniose» «Timac non inquina», querela dell'azienda contro informazioni «false e calunniose» In una nota diramata dall'azienda, le ragioni di tale decisione
2 Sospeso il permesso di costruzione nei pressi della Timac, la nota del Collettivo Exit Sospeso il permesso di costruzione nei pressi della Timac, la nota del Collettivo Exit «Questo dimostra che la lotta che da anni portiamo avanti ha portato dei risultati»
La Timac di Barletta riapre, in corso le verifiche ambientali nello stabilimento La Timac di Barletta riapre, in corso le verifiche ambientali nello stabilimento «L'obiettivo è riportare nel più breve tempo possibile la struttura a piena occupazione»
Timac di Barletta, alcune considerazioni del comitato "Operazione aria pulita" Timac di Barletta, alcune considerazioni del comitato "Operazione aria pulita" Scrive l'avvocato Michele Cianci
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.