Protesta ai cancelli della Timac
Protesta ai cancelli della Timac
La città

Timac di Barletta, la procura protrebbe riconcedere la facoltà d'uso

Per i lavoratori arriva lo spiraglio della cassa integrazione: questa mattina il vertice a Trani

Si è svolto in un clima positivo e conciliante l'incontro di questa mattina in procura a Trani, fra il pm Silvia Curione, titolare del fascicolo d'inchiesta per presunto inquinamento ambientale della Timac di Barletta e le delegazioni di azienda, sindacati e lavoratori, di Arpa Puglia e della provincia Bat, della task force regionale e con la presenza del sindaco di Barletta, Cosimo Cannito.

Dopo quattro ore nel corso delle quali le parti si sono confrontate e hanno ripercorso quanto accaduto dal sequestro dello stabilimento, giugno 2016, alla revoca della facoltà d'uso, 30 aprile scorso, per la mancata bonifica del sito, in ragione del fatto che fra pochi giorni sarebbe stata avviata la procedura di licenziamento collettivo per 50 lavoratori senza possibilità di ammortizzatori sociali, si è convenuti su una soluzione che tutela i lavoratori e mette d'accordo anche le restanti parti. L'azienda potrebbe, presentando istanza, riottenere la concessione della facoltà d'uso a patto di ottemperare a due vincoli entro la fine del mese di novembre 2018, ossia presentare un piano di monitoraggio che dimostri l'integrità e la continuità dello strato di argilla tale da costituire una barriera naturale alla contaminazione della falda sottostante; presentare un progetto di "barrieramento" artificiale, definito "cinturazione betonifica", che impedisca l'ingresso da monte di acque sotterranee nell'area di Timac.

La regione, per proprio conto, si è impegnata ad assicurare che la valutazione del monitoraggio, che le compete, vista l'urgenza avverrà in tempi utili e non oltre la scadenza di fine novembre; l'azienda, per proprio conto, in accordo con i sindacati, riottenuta la facoltà d'uso, sospenderebbe la procedura di licenziamento in atto e farebbe richiesta di cassa integrazione. "Se oggi siamo arrivati a questo accordo è grazie all'impegno e al grande senso di responsabilità della dottoressa Silvia Curione che ringrazio per avere preso in carico con determinazione questa vicenda, in un momento particolarmente delicato dal punto di vista della tenuta del tessuto economico e produttivo della città di Barletta – ha dichiarato il sindaco Cosimo Cannito dimostrando, fra l'altro, lo stretto legame fra esigenze giudiziarie, tutela ambientale e garanzia dei livelli occupazionali".

"Mi preme altresì riconoscere l'impegno e la collaborazione di tutti, le organizzazioni sindacali e i lavoratori per la pazienza dimostrata e la dignità con cui hanno affrontato il duro momento, l'Arpa Puglia e la Timac, nella persona dell'amministratore delegato Pierluigi Sassi, la regione Puglia".


"Oggi – ha detto il sindaco in chiusura dell'incontro - esiste un'altra possibilità che ci consente di non lasciare vittime sul campo, almeno per il momento e di continuare nell'altro obiettivo fondamentale, per me altrettanto prioritario insieme a quello della tutela dei lavoratori, ossia la ricerca della verità sull'inquinamento di quel sito e della falda".
  • Procura della Repubblica
  • Timac Agro
Altri contenuti a tema
1 Avviati a Barletta i lavori di perforazione per la realizzazione del piezometro Avviati a Barletta i lavori di perforazione per la realizzazione del piezometro Sindaco Cannito: «Si aggiunge un altro tassello nell'azione di monitoraggio ambientale che è in corso in città»
Stop ai licenziamenti alla Timac di Barletta: intervengono Cgil, Cisl e Uil Stop ai licenziamenti alla Timac di Barletta: intervengono Cgil, Cisl e Uil «Un sospiro di sollievo per i 51 lavoratori dell’azienda»
«Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico» «Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico» Il resoconto della conferenza stampa convocata ieri nell'azienda
1 Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito La dura nota del Collettivo Exit, critica verso il primo cittadino
2 Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» La nota diramata dall'azienda: «Confermati i livelli occupazionali»
Inchiesta procura, Savasta passa ai domiciliari nella sua casa a Barletta Inchiesta procura, Savasta passa ai domiciliari nella sua casa a Barletta Il Gip accoglie la richiesta avanzata dai suoi legali
La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta «Nessun inquinamento nell'aria: MISO suolo e falda efficaci»
Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nella vicenda che ha scosso la procura tranese emergono nuovi scenari
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.