Il rientro della Madonna dello Sterpeto al Santuario. <span>Foto Ida Vinella</span>
Il rientro della Madonna dello Sterpeto al Santuario. Foto Ida Vinella
Religioni

Termina il Mese Mariano, Barletta saluta Maria Santissima dello Sterpeto

L'icona della patrona della città è rientrata al Santuario: il bilancio di questo mese nelle parole di don Dario Dicorato

È fonte di conforto e di affetto la presenza - nel corso del mese di maggio, come ogni anno - dell'icona di Maria Santissima dello Sterpeto, santa patrona della città di Barletta, nei confini cittadini. In Cattedrale ha potuto incontrare tantissimi fedeli barlettani nel corso di queste settimane, ascoltando le loro preghiere come una "mamma".

Si è concluso il Mese Mariano a Barletta, sulla scorta del tema "Maria, madre e modello della Chiesa sinodale". All'arrivo della Madonna a inizio mese, sotto una pioggia talmente fitta che fu indispensabile adoperare un furgoncino per il trasferimento del quadro, fa da contraltare la soleggiata processione che ha accompagnato l'icona nel tragitto dalla Cattedrale al suo Santuario nella mattinata di oggi.

In Piazza Castello ha avuto luogo una conclusiva benedizione per i devoti presenti e il passaggio del quadro nelle mani dei padri giuseppini, prendendo poi la strada per il Santuario.
14 fotoIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il Santuario
Il rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il SantuarioIl rientro della Madonna dello Sterpeto verso il Santuario
Per l'occasione abbiamo voluto tracciare un bilancio di questo mese così speciale per la comunità barlettana, intervistando don Dario Dicorato, da ieri viceparroco nella parrocchia del Santissimo Crocifisso di Barletta, che ha svolto il ruolo di confessore in questo mese dedicato a Maria Santissima dello Sterpeto.

Come è andata a livello di partecipazione?
«A conclusione di quella è stata la mia esperienza da sacerdote posso testimoniare che la partecipazione alle celebrazioni è stata molto elevata. Un tempo, quello del "mese di maggio", che i barlettani hanno percepito particolarmente propizio – nonostante le incombenze e le giornate lavorative – per elevare lo sguardo e prendersi cura di sé, della propria vita interiore, della propria anima».

I barlettani hanno partecipato alle celebrazioni?
«I barlettani hanno partecipato alle celebrazioni elevando i loro sguardi alla Vergine dello Sterpeto chiedendo con insistenza una preghiera dell'adagio mariano che recita così: « […] Volgi i tuoi occhi misericordiosi su noi, miseri figli tuoi». Con gli occhi di Maria i fedeli hanno riconosciuto e accolto i segni della grazia per arginare quel logorio etico-spirituale che gli affanni del quotidiano alimentano e dilatano».

Cosa chiedono più spesso alla Madonna dello Sterpeto?
«Chiedono di accogliere nella fede la lieta notizia del pro nobis di Dio, di sintonizzare a esso con tutto loro stessi (intelligenza, volontà e affetti) e di "conservare nelle loro famiglie la fede, la tranquillità, la pace e l'amore", così che trovare buona, vera e bella la loro vita, nonché felice nella beatitudine evangelica. Hanno chiesto con e da Lei una fede provata e magnificata come "esultanza in Dio mio Salvatore" e che tutte le generazioni chiamano "beata" (cfr. Lc 1,47-48)».

Cosa ci insegna Maria Santissima in tempi come questi?
«Maria Santissima ci insegna che il vangelo non mira a rendere irreprensibile e corretto l'uomo agli occhi di Dio ma a renderlo buono. La prima finalità è quella della legge, la cui espressione estrema è l'etica farisaica. Questa è un'etica legalista e formale, che degenera facilmente nella finzione, appunto farisaica, dall'adeguazione puramente esteriore e perciò di una correttezza di facciata, senza coinvolgimento del cuore. Gesù la denuncia apertamente come ipocrisia. Come lo rende buono? Santificandolo e chiamandolo a un vissuto di santità (cfr. 1Cor 1,2). Questo dice di una chiamata – la vocazione – che è iniziativa della grazia che suscita, muove e dispone alla risposta fedele, professione attestatrice – come Maria, la Madre del Signore – delle «grandi cose compiute in me dall'Onnipotente» (Lc 1,49). È la testimonianza del Magnificat, adempiuta come fedeltà e celebrata come lode».

Quali valori e quali consigli?
«Tra i valori e i consigli è da annoverare quello della testimonianza della grazia che in questo mese i barlettani coscientizzano. La fedeltà-risposta-obbedienza-conversione, in cui prende forma il vissuto della fede, è una testimonianza: attestazione con tutta la propria vita della verità liberante del vangelo. Tale carattere attestativo dà impulso operativo e relazionale alla vita credente. Si comunicano, infatti, quelle verità-virtù-valori, quel senso della vita, quella fede e speranza non conseguibili per acquisizione ma per partecipazione. Donde la responsabilità che la testimonianza comporta. Essa è un compito etico che concerne e coinvolge tutti e in particolar modo i barlettani a conclusione del "mese di maggio". Ognuno risponde della testimonianza che è chiamato a offrire nella specificità della sua condizione situazionale e della sua scelta vocazionale e professionale. È il dovere dell'esempio della vita, o buon esempio: il compito dell'«edificazione vicendevole», cui esorta l'Apostolo (cfr. Rm 4,19)».


  • Processione
  • Santuario della Madonna dello Sterpeto
  • Maria Santissima dello Sterpeto
Altri contenuti a tema
Nuovo colore e nuova luce per l’effige della Madonna dello Sterpeto a Barletta Nuovo colore e nuova luce per l’effige della Madonna dello Sterpeto a Barletta Volontari restituiscono bellezza all'immagine sul portale che porta al Santuario, con l'intervento della professoressa Antonella Palmitessa
La Processione del Venerdì Santo a Barletta, antichissima fede e moderna preghiera - FOTO La Processione del Venerdì Santo a Barletta, antichissima fede e moderna preghiera - FOTO Le immagini della tradizionale processione eucaristico-penitenziale per le vie della città
10 La storia della Processione del Venerdì Santo raccontata da Michele Grimaldi La storia della Processione del Venerdì Santo raccontata da Michele Grimaldi La parola allo storico ed archivista di Stato
Domani al Santuario dello Sterpeto l'accoglienza dell’Effige pellegrina della Madonna di Lourdes Domani al Santuario dello Sterpeto l'accoglienza dell’Effige pellegrina della Madonna di Lourdes Il programma completo della Peregrinatio Mariae
1 Si rinnova la devozione di Barletta per i Santi Patroni con la processione serale - FOTO Si rinnova la devozione di Barletta per i Santi Patroni con la processione serale - FOTO Dalla Cattedrale attraverso le principali vie della città, la preghiera e l'affetto per la Madonna dello Sterpeto e San Ruggero
Una nuova sosta nella processione dei Santi Patroni Una nuova sosta nella processione dei Santi Patroni Sarà in piazza mons. Damato, davanti alla Prefettura
4 L'antica e affascinante storia dei Santi Patroni di Barletta rivive nella Chiesa di San Michele L'antica e affascinante storia dei Santi Patroni di Barletta rivive nella Chiesa di San Michele Convegno sulle origini del culto dei santi protettori della città nei giorni della festa a loro dedicata
L'abbraccio della città per l'arrivo dei Santi Patroni - FOTO L'abbraccio della città per l'arrivo dei Santi Patroni - FOTO Ieri l'icona della Madonna dello Sterpeto e il busto di San Ruggero sono stati collocati in Cattedrale
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.