I lavoratori Ilva a Barletta
I lavoratori Ilva a Barletta
Territorio

Taranto chiama Barletta: «Dove c’è un diritto violato, scendete in piazza!»

Le testimonianze di alcuni lavoratori Ilva. La battaglia del Comitato “Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti”

Aldo, Lillo, Salvatore, e Vincenzo: quattro lavoratori dell'Ilva di Taranto che non si sono arresi. Come loro, e insieme a loro, tanti altri lavoratori e cittadini di Taranto, si sono uniti in maniera spontanea, ed è nato così il Comitato "Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti". Un comitato che ci tiene a definirsi spontaneo e apartitico. E sono stati proprio loro quattro, in rappresentanza del comitato, a portare la loro testimonianza anche a Barletta, giovedì sera, in incontro pubblico che si è svolto presso il Punto Einaudi. Il messaggio rivolto alle coscienze di tutti è chiaro e va comunque sempre ribadito: la vicenda di Taranto è una vicenda che riguarda l'intera Puglia e l'intera Italia.

«Vedendo la mostra del prof. Paolo Vitali, ho pianto - così ha esordito Lillo - Non abbiamo colori. Siamo contro i partiti, perché ci hanno tolto tutto - ha detto senza mezzi termini - Bisogna far uscire l'orgoglio di tutti. E quel 2 Agosto - giorno della grande manifestazione svoltasi a Taranto, con migliaia di persone per le strade della città - abbiamo tirato fuori il nostro orgoglio di lavoratori e di padri, e abbiamo così chiesto il permesso di parlare. La speranza è che tutti i tarantini tirino fuori la loro rabbia. Noi vogliano soltanto una cosa: avere un lavoro pulito». «Il quartiere Tamburi - la zona di Taranto più vicina all'Ilva - è uno dei quartieri più stuprati - ha ricordato con forza Vincenzo - Sono stanco di subire i soprusi di un'azienda che ha azzerato le coscienze, la popolazione e alcuni posti di lavoro. Il comitato mi ha motivato ancora di più in questa lotta - e ha poi aggiunto - Ho cercato di vendere casa per allontanarmi, ma ovviamente non ci sono riuscito. Mio figlio, come tanti bimbi dei Tamburi, ha sofferto di asma. Abbiamo continuato a vivere lì, perché non c'era informazione. Dicevano che il mostro non esisteva, e invece esiste e fa male. Nel mio quartiere le statistiche sul tasso di mortalità sono assolutamente fuori dalla media. Sono preoccupato per la mia salute, per il mio lavoro, per il mio futuro, e per quello di mio figlio. Ma allontanarmi non serve a nulla. Spero di non morire per mano del mostro. Continuiamo a lottare a denti stretti».

«Non ci sentirete parlare in "politichese" - ha affermato Salvatore, il più anziano dei quattro, ma solo anagraficamente - Questo comitato è ciò che sognavo sin da quando ero bambino: un vero protagonismo popolare dal basso. Sentirete da questo comitato la carne e il sangue delle persone. Tutto è inizialmente nato dalla disperazione, ma tutto si sta trasformando in voglia di cambiare le cose». Salvatore ha ricordato i primi passi del comitato. Tutto è cominciato il 26 Luglio, giornata spartiacque nella quale il Gip del Tribunale di Taranto Patrizia Todisco ha emesso l'ordinanza di sequestro senza facoltà d'uso delle aree a caldo dell'Ilva e disposto gli arresti domiciliari per otto massimi dirigenti dell'Ilva, a partire dal patron Emilio Riva. Quel giorno, ha raccontato Salvatore, si diffusero subito voci che davano per certa l'inevitabile chiusura dell'Ilva e la perdita del lavoro per tutti gli operai, finalizzate all'organizzazione di una grande manifestazione pro-azienda. Di questo i lavoratori però cominciarono ad insospettirsi, e così, ha sottolineato Salvatore, iniziarono a discutere e a confrontarsi tra loro su come reagire. E poi è arrivato il 2 Agosto: «Quel giorno si è rotto un muro che è durato 50 anni, grazie ad una politica e ad un sindacato servile - ha ripetuto con forza Salvatore - Fino a quel momento c'era stata una rabbia carsica, nascosta. C'erano stati suicidi. Perché quando entri nell'Ilva, entri in un lager. Ci sono dei veri e propri kapò. La legge sul mobbing è nata da qui, negli anni '90, con la vicenda dei lavoratori della palazzina Laf, che furono costretti a ripartire da zero e tenuti lì a fare nulla, come degli internati. Ci sono poi ovunque persone, sindacalisti, politici, giornalisti, a libro paga di Riva - ha accusato Salvatore - L'episcopato ha preso 350mila euro da Riva».

«L'obiettivo di questo comitato è far risvegliare le coscienze degli operai innanzitutto, e di una città da sempre divisa - ha ribadito Aldo - Se i Riva non mettono mano al portafoglio, se ne devono andare». «Siamo usciti dalle divisioni dicendo: Stato, Riva, fuori i soldi! Perché avete distrutto il territorio! - è l'idea ferma espressa da Salvatore, perché hanno ricordato che - E' possibile produrre acciaio senza inquinare, a impatto zero. Al Nord nelle acciaierie Dalmine lo si fa». Poi c'è il capitolo AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale): «Le istituzioni prendono palesemente i cittadini per il culo! L'AIA è stata fatta sulle potenzialità produttive dell'azienda, ovvero 15 milioni di tonnellate di acciaio, per dire che l'azienda dimezzerà la produzione, arrivando a 8 milioni. Ma invece l'azienda già oggi produce 9 milioni di tonnellate! - denunciano i rappresentanti del comitato - Si dice che l'altoforno 1 deve essere chiuso, ma l'Ilva aveva già in programma di chiuderlo. Poi c'è l'AIA europea, che scatterebbe il 1° Gennaio 2016, e porterebbe alla chiusura immediata dell'Ilva - ricordano i lavoratori - Riva sta ottenendo quello che voleva. Se si volevano mettere a posto gli impianti, si sarebbe dovuto già iniziare. Perciò crediamo che l'intenzione di Riva sia "spremere il limone" fino al 31 Dicembre 2015, e poi chiudere».

«Nell'ultima assemblea è nata una proposta: uno sciopero generalizzato di tutta la città, per una Taranto libera - ha ricordato Salvatore, in conclusione, a nome del comitato - I nostri obiettivi sono: la salute, un ambiente sano, lavoro e reddito per tutte e tutti. Stiamo scrivendo una carta dei principi, per la costruzione di una democrazia partecipata e diretta – e poi un invito per Barletta e non solo – Costruite strutture come questa nel vostro territorio. Dove c'è un diritto violato, la gente si riprenda le piazze!».
7 fotoI lavoratori Ilva a Barletta
I lavoratori Ilva a BarlettaI lavoratori Ilva a BarlettaI lavoratori Ilva a BarlettaI lavoratori Ilva a BarlettaI lavoratori Ilva a BarlettaI lavoratori Ilva a BarlettaI lavoratori Ilva a Barletta
  • Protesta
  • Salute pubblica
  • Salvaguardia ambientale
  • Grandi emergenze
Altri contenuti a tema
Tavolo per l’ambiente con Timac, enti e comitati Tavolo per l’ambiente con Timac, enti e comitati Invitati all'incontro i rappresentanti del comune di Barletta, della Provincia e della Confindustria
Studio dentistico Allegretti, centro d’eccellenza in protesi ed implantologia Studio dentistico Allegretti, centro d’eccellenza in protesi ed implantologia Una struttura di riferimento sul territorio per prevenzione e cura delle patologie del cavo orale
1 Il Nucleo Guardia Ambientale promuove "I veri amici si vedono nel momento del bisogno" Il Nucleo Guardia Ambientale promuove "I veri amici si vedono nel momento del bisogno" Seconda giornata di Sensibilizzazione contro le deiezioni canine e rispetto dell'ambiente
Il corteo dei trattori attraversa Barletta: ecco il percorso Il corteo dei trattori attraversa Barletta: ecco il percorso Il presidio degli agricoltori si animerà da Largo Ariosto sino a raggiungere il centro cittadino
"I veri amici si vedono nel momento del bisogno", un'iniziativa del nucleo guardia ambientale di Barletta Giornata di Sensibilizzazione contro le deiezioni canine e rispetto dell'ambiente
«Sulla questione ambientale a Barletta serve condivisione unanime di intenti» «Sulla questione ambientale a Barletta serve condivisione unanime di intenti» La nota della consigliera comunale di Con, Rosa Tupputi
19 «Introdurre a Barletta il bilancio ambientale» «Introdurre a Barletta il bilancio ambientale» Rociola e Damato favorevoli alla proposta di consiglio comunale monotematico
1 Situazione ambientale "sotto controllo"? Cianci si rivolge ai cittadini Situazione ambientale "sotto controllo"? Cianci si rivolge ai cittadini Il presidente del Comitato Operazione Aria Pulita replica alle affermazioni del primo cittadino in TV
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.