PUG
PUG
La città

«Sul PUG di Barletta bisognerebbe cominciare a scrivere pagine più trasparenti»

L'appello dell'imprenditore Aldo Musti per superare le «opacità del passato»

«Rieccolo! Così si potrebbe dire del Piano Urbanistico Generale (PUG) di Barletta, riciclando una fortunata espressione utilizzata da Montanelli per Amintore Fanfani. Dove eravamo rimasti?». Si legge così nella nota dell'imprenditore Aldo Musti.

«Il Consiglio comunale di Barletta, nella seduta del 23 settembre 2019 (DCC n. 71) con riferimento alla procedura del PUG di Barletta, in coerenza con le disposizioni di legge e con quanto definito nella delibera consiliare 54/2018 di adozione del DPP, deliberava di avviare la formazione del P.U.G. di Barletta, con la presa d'atto dei contenuti dell'istruttoria tecnica dei progettisti, sulle osservazioni al D.P.P. adottato.

Oggi, dopo gli incontri partecipativi per la realizzazione del P.U.G. (Piano Urbanistico Generale) della Città di Barletta di qualche giorno fa, un paio di considerazioni andrebbero fatte.

Se la Regione Puglia, con delibera della Giunta Regionale n. 8614/1979, approvava la variante al P.R.G. per la zona merceologica, aumentando le traverse da 3 a 5 (tra via Foggia e via degli Artigiani e rispettivamente: via dei Muratori, via dei Falegnami, via dei Fornai, via dei Fabbri e via dei Calzolai), e se il consiglio comunale di Barletta ha confermato la stessa Variante '79, con le delibere 51/2011, 32/2015, 54/2018 e 71/2019 (con l'emendamento approvato n. 9), perché via dei Calzolai non è riportata graficamente negli elaborati del P.U.G., pubblicati sul sito comunale "barlettapartecipa.ir", in particolare nei grafici da me visionati: PS_10_1, PS-IO-2, e PS_10_3?

Se il P.U.G. – come si legge sul sito comunale - "è uno strumento chiave finalizzato a chiarire le contraddizioni urbanistiche/edificatorie che hanno condizionato la Città di Barletta e a rilanciare le potenzialità per il futuro", non sarebbe il caso di voltare pagina e cominciare a scrivere pagine più trasparenti?

I consiglieri comunali dovrebbero ricordare, infatti, che dopo alcune varianti al PRG vigente del 1971, in particolare, la variante del 1979 della Zona merceologica di via Foggia e la variante di adeguamento del PRG alla l.r. 56/80 del 2003, non vi sono tracce dell'indirizzo politico, ovvero dell'emendamento del consiglio comunale che porta alla eliminazione della previsione della contro strada della ss. 16 di via Foggia.

Chi di dovere ponga rimedio, aggiornando tempestivamente gli elaborati del P.U.G con la rappresentazione grafica di via dei Calzolai e della contro strada di via Foggia.

Tanto nell'auspicio che il futuro sviluppo della nostra Città non conosca le opacità del passato».
  • Piano Urbanistico Generale
  • Aldo Musti
Altri contenuti a tema
1 Via dei Muratori, Aldo Musti: «Termini quasi scaduti, si approvi il progetto defintivo» Via dei Muratori, Aldo Musti: «Termini quasi scaduti, si approvi il progetto defintivo» La nota dell'imprenditore
«Dopo la scomparsa del retino di via dei Muratori, arriva la scomparsa del retino di via dei Calzolai» «Dopo la scomparsa del retino di via dei Muratori, arriva la scomparsa del retino di via dei Calzolai» Sull'intricata vicenda del nuovo PUG interviene Aldo Musti
11 Piano urbanistico generale, un sito internet per la partecipazione attiva Piano urbanistico generale, un sito internet per la partecipazione attiva Consultabile sul portale del Comune
Gli incontri sul Pug e quel sapore di dèjà vu Gli incontri sul Pug e quel sapore di dèjà vu La riflessione di Gennaro Antonio Rociola di Italia Viva
1 Piano urbanistico generale, tra piccole sceneggiate e grandi recite Piano urbanistico generale, tra piccole sceneggiate e grandi recite Avvicendamento dei sindaci in un vero e proprio "Fatti più in là"
23 Legge Gabellone, «quali le ricadute per il PUG?» Legge Gabellone, «quali le ricadute per il PUG?» Una nota del segretario cittadino di Azione
1 Parco sì, parcheggio no? «Occorre una visione più ampia» Parco sì, parcheggio no? «Occorre una visione più ampia» Una riflessione del perito agrario Dargenio
20 «A Barletta occorre una nuova e moderna Pianificazione Urbanistica» «A Barletta occorre una nuova e moderna Pianificazione Urbanistica» La nota del perito agrario Giuseppe Dargenio
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.