Security
Security
La città

Sicurezza per chi fa sicurezza

«Ogni giorno siamo esposti anche noi al rischio contagio da COVID-19»

Non solo medici, non solo infermieri. C'è un lungo elenco di lavoratori e lavoratrici che non vengono chiamati "eroi", ma che ogni giorno devono uscire di casa e lavorare a contatto con il pubblico. Non sono alla ricerca di attenzione o commiserazione, ma anche loro meritano riconoscenza e rispetto.

Il grande disegnatore italiano Milo Manara sta dedicando la sua arte per omaggiare i mestieri in prima linea nell'emergenza Coronavirus. Senza nulla togliere all'immenso lavoro degli operatori sanitari, sono in tanti a essere esposti, a svolgere lavori delicati o a contatto con il pubblico: corrieri, impiegati delle Poste, bancari, addetti alle pulizie, operatori delle onoranze funebri, forze dell'ordine, e anche guardie giurate e operatori dei servizi fiduciari.



Nei giorni scorsi ci è giunta in redazione la lettera di Salvatore Recchia, residente a Barletta, coordinatore di una Società di servizi di Sicurezza Fiduciari, che opera su tutto il territorio nazionale. Le sue parole si innestano nella riflessione avanzata dalle principali sigle sindacali che a livello nazionale hanno richiesto maggiori tutele per il comparto della vigilanza privata, un settore che conta ben 70mila addetti. Si legge in una nota: «Questi lavoratori, anche durante l'emergenza pandemica, continuano con impegno e professionalità a presidiare tutti i luoghi, garantendo la sicurezza dei beni ma anche la nostra salute, contrastando anche gli assembramenti di persone».

Guardie giurate e addetti ai servizi di sicurezza fiduciari dimenticati, rimasti fuori dall'alveo delle attività essenziali, in quanto di stretto supporto a quelle ritenute tali dal DPCM.

E i servizi fiduciari?

Riportiamo le parole del nostro lettore. «Tanti lavoratori e lavoratrici di questo settore sono esposti al rischio contagio da COVID-19. Conosciamo bene gli operatori che operano in prima linea per fronteggiare il Coronavirus o per garantire i servizi essenziali. Lode a Loro. Tuttavia esiste una categoria di lavoratori, esposta a grave rischio contagio, che spesso viene dimenticata da istituzioni, stampa e opinione pubblica: sono gli addetti alla Vigilanza privata, e Servizi di Sicurezza Fiduciari, lavoratori che insieme alle forze dell'ordine, garantiscono la sicurezza dei nostri beni, la sicurezza nei luoghi pubblici e privati, in questo momento così delicato».

«Molte categorie hanno avuto attenzione mediatica e, a buon diritto, sono stati definiti categorie indispensabili… E noi? L'attuale situazione di emergenza nazionale registra un non indifferente impegno di comunicazione del sistema Governo - Istituzioni nei confronti del Cittadino, dell'Utente, degli Operatori delle varie categorie produttive del Paese. Il nostro comparto della Vigilanza privata, e dei Servizi Fiduciari di Sicurezza, registra però un assordante silenzio nei propri confronti, atteso che norme precettive di carattere generale non possono ritenersi esaustive delle specifiche indicazioni ed attenzioni che ad un comparto come quello della Sicurezza complementare, nelle sue ormai innumerevoli articolazioni, non possono non essere dedicate. Articolazioni di attività che, tra l'altro, nella loro poliedrica complessità, integrano e completano, e in altre situazioni sostituiscono, l'attività delle Forze dell'Ordine di emanazione statuale».

«In questo momento non cerchiamo visibilità, ma la giusta considerazione per una categoria di lavoratori, che come alcune altre, stanno rischiando la propria incolumità per garantire un servizio importante alla società, e alla nazione».
  • Sicurezza
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1334 contenuti
Altri contenuti a tema
1 I lavoratori dello spettacolo di Barletta: «Siamo chiusi e chiusi restiamo! È drammatico» I lavoratori dello spettacolo di Barletta: «Siamo chiusi e chiusi restiamo! È drammatico» La situazione dei lavoratori dello spettacolo a Barletta: parola a Michela Diviccaro, presidente dell'Associazione "Settore cultura e spettacolo Barletta"
Vaccino anti-Covid, il NIRS verificherà eventuali irregolarità nelle Asl pugliesi Vaccino anti-Covid, il NIRS verificherà eventuali irregolarità nelle Asl pugliesi Il Nucleo ispettivo regionale sanitario si aggiunge a quella di Nas e Procure
Covid-19, altri 995 contagi in Puglia su più di 11mila test Covid-19, altri 995 contagi in Puglia su più di 11mila test Nella provincia Bat si sono registrati 82 nuovi casi e 4 decessi
Pandemia e controlli a Barletta, «cittadini spesso indisponibili alla collaborazione» Pandemia e controlli a Barletta, «cittadini spesso indisponibili alla collaborazione» L'assessore alla Polizia locale Nicola Gammarrota rivolge un appello alla promozione di comportamenti virtuosi
Covid-19: oggi meno tamponi e pochi casi, ma 32 decessi in Puglia Covid-19: oggi meno tamponi e pochi casi, ma 32 decessi in Puglia Nella Bat si registrano 21 nuovi contagi e 4 decessi
Covid, Forza Italia contro la Regione: «Puglia in ritardo su test rapidi in farmacia» Covid, Forza Italia contro la Regione: «Puglia in ritardo su test rapidi in farmacia» La nota politica: «Ci domandiamo come sia possibile che le altre Regioni stiano operando in questa direzione da tempo»
Covid-19, nella provincia Bat 111 nuovi contagi Covid-19, nella provincia Bat 111 nuovi contagi Nelle ultime 24 ore sono stati processati 8.623 tamponi
1 Covid-19, nella Bat 74 nuovi casi positivi e nessun decesso Covid-19, nella Bat 74 nuovi casi positivi e nessun decesso Nelle ultime 24 ore sono stati processati più di 10mila tamponi
© 2001-2021 BarlettaViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.