Ruggiero Crudele e Ivan Scalfarotto
Ruggiero Crudele e Ivan Scalfarotto
Politica

Ruggiero Crudele (ItaliaViva): «La Sanità che vogliamo»

Il candidato al consiglio regionale afferma: «La tutela della salute ha bisogno di un Assessore a tempo pieno»

«Cinque anni senza un Assessore regionale alla Sanità, caso più unico che raro nella cinquantennale storia delle regioni in Italia, eppure questo è accaduto n Puglia, nel silenzio assordante della maggioranza consiliare». È quanto scrive Ruggiero Crudele, candidato al Consiglio regionale con ItaliaViva per Ivan Scalfarotto.

«È vero, d'altronde, che il Presidente uscente ha candidamente affermato "non mi fidavo di nessuno", ma tant'è, ora quegli stessi di cui non si fida sono schierati con lui sparsi nelle innumerevoli liste elettorali.

Intanto, in questi anni i pugliesi non hanno avuto le risposte di cui avevano bisogno, hanno continuato ad andare a farsi curare fuori regione, hanno visto chiudersi degli ospedali senza rafforzare la medicina del territorio, i lungodegenti e i cronici hanno spesso smesso di curarsi perché il Covid ha preso il sopravvento, si sono visti prospettare tempi biblici per avere accertamenti diagnostici o visite specialistiche.

Emblematico, riguardo le liste d'attesa, il teatrino in consiglio regionale su una proposta di legge dello scorso anno, presentata da consiglieri di maggioranza e stravolta in consiglio dalla minoranza con l'assenso del Presidente uscente, così commentata dal proponente "cose mai viste, rinviare e tergiversare per più di un anno per poi dire che i voti di alcuni medici valgono più delle persone in fila al Cup. E la cosa più grave è che si è approfittato per introdurre un aumento di budget in favore dei privati, come se fossimo procacciatori d'affari per l'attività privata. Una legge trasformata in un mostro giuridico». Superfluo aggiungere che quel consigliere e i suoi colleghi che sostenevano la sua proposta, sono tutti candidati con il Presidente uscente, e nulla si sa di una loro proposta per risolvere il problema!

Noi pensiamo invece, che la tutela della salute abbia bisogno di un Assessore a tempo pieno per una macchina sanitaria più sana, più forte, che sappia anticipare i problemi, investendo in risorse umane -più borse di specializzazione per i neomedici pugliesi, coinvolgimento di infermieri e farmacisti nella rete di medicina territoriale- e nelle tecnologie per la telemedicina volta alla cura personalizzata del paziente, figura centrale della macchina sanitaria.

Un impegno imprescindibile per la Puglia che vogliamo disegnare nell'immediato futuro».
  • ItaliaViva
Speciale Elezioni Regionali

Elezioni Regionali 2020, lo speciale di BarlettaViva

Approfondimenti, interviste, risultati, verso il nuovo consiglio regionale pugliese

109 contenuti
Altri contenuti a tema
1 Velivolo militare via Foggia, Italia Viva: «Servono simboli come Leontine De Nittis» Velivolo militare via Foggia, Italia Viva: «Servono simboli come Leontine De Nittis» La nota firmata da Nunzia Stella Dell’Aere
«L'Italia è ancora una Repubblica fondata sul lavoro?», ieri il confronto con Teresa Bellanova «L'Italia è ancora una Repubblica fondata sul lavoro?», ieri il confronto con Teresa Bellanova Incontro organizzato da Italia Viva BAT per discutere di lavoro tra presente e futuro
Isola pedonale in Corso Vittorio Emanuele, il parere di Italia Viva Barletta Isola pedonale in Corso Vittorio Emanuele, il parere di Italia Viva Barletta Dell'Aere: «Primo passo verso un riassetto della viabilità del centro cittadino»
1 In memoria di Alexei Navalny, iniziativa a Barletta In memoria di Alexei Navalny, iniziativa a Barletta Una manifestazione silenziosa e senza vessilli proposte per questa sera a Piazza Caduti
PalaMarchiselli inagibile, Rociola: «Serve puntare il dito contro qualcuno?» PalaMarchiselli inagibile, Rociola: «Serve puntare il dito contro qualcuno?» Intervento del responsabile delle politiche giovanili di Italia Viva Puglia
Savio Rociola: «PUMS? A Barletta siamo ancora a zero» Savio Rociola: «PUMS? A Barletta siamo ancora a zero» La nota del responsabile politiche giovanili di Italia Viva
«Nel 2040 la Puglia avrà il 31% dei giovani in meno» «Nel 2040 la Puglia avrà il 31% dei giovani in meno» La nota di Savio Rociola, responsabile regionale alle politiche giovanili Italia Viva
Contributo Fitto Casa, Italia Viva Barletta: «Momento già difficilissimo per tante famiglie» Contributo Fitto Casa, Italia Viva Barletta: «Momento già difficilissimo per tante famiglie» Interviene sul tema la presidente Nunzia Stella Dell'Aere
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.