Palo elettricità
Palo elettricità
Territorio

Referendum di giugno, una conferenza per capire le ragioni del 'sì'

Per gli organizzatori un deciso rifiuto del nucleare ed un si all’acqua pubblica. False le tesi del nucleare sicuro

Il coordinamento antinucleare "Ambiente – salute – energia" e il comitato pugliese "Acqua bene comune" di Barletta hanno organizzato una conferenza in Corso Garibaldi per spiegare le ragioni del "Si" in vista dei referendum del prossimo Giugno. Relatori dell'iniziativa erano Vincenzo Miliucci del Coordinamento nazionale antinucleare nonché componente nazionale del Comitato per l'acqua pubblica e Federico Cuscito componente del comitato pugliese "Acqua bene comune".
Gli ospiti nei loro interventi hanno esposto i rischi legati all'energia atomica e la falsità delle tesi che rimandano ad una futuro quanto chimerico "Nucleare sicuro". Miliucci in particolare ha sottolineato come sia dispendioso dal punto di vista ambientale la produzione di energia atomica, dalla miniera alla centrale: questo tipo di energia ha una pesante "impronta ecologica", cioè ha un forte impatto ambientale rispetto ad altri tipi di fonti energetiche. Per il comitato antinucleare "parlare oggi di nucleare significa dibattere su bugie, falsità, imbrogli e fregature attraverso le quali si ricatta la gente per convincerla che il nucleare serve, è efficiente, pulito ed economico rispetto ad altre fonti di energia. Non avrebbe senso per l'Italia investire almeno 40 miliardi di Euro nella costruzione di centrali nucleari, per influire solo sul 5% dei consumi totali di energia".

Nella seconda parte della manifestazione ha preso la parola Cuscito che ha spiegato i motivi per cui votare si ai quesiti relativi all'acqua che, lo ricordiamo, saranno due. L'acqua come bene comune patrimonio di tutta l'umanità e non come merce sottoposta alla legge della domanda e dell'offerta e ripubblicizzazione dell'Acquedotto pugliese come promesso da Vendola. "Con i due Si al voto referendario per l'acqua si eviterà la privatizzazione forzata e la si sottrarrà agli interessi dei privati che pensano solo a massimizzare i profitti" afferma il comitato "Acqua bene comune", "l'acqua dovrebbe essere gestita da soggetti di diritto pubblico (oggi l'Aqp e una Società per azioni, e come tale soggetta al diritto privato, ndr), con la partecipazione dei cittadini e dei lavoratori".

Ricordiamo infine che i quesiti referendari dovrebbero essere quattro – due sul tema dell'acqua, uno sul nucleare e l'altro sul legittimo impedimento – ma non mancano i colpi di scena. E' infatti di queste ore la notizia che il Governo avrebbe la volontà di eliminare dai quesiti quello sul nucleare, considerato dal ministro di competenza, Romani, come "superato": "I cittadini sarebbero stati chiamati a scegliere fra un programma superato o una rinuncia definitiva" ha affermato il ministro dello Sviluppo economico. Nelle prossime ore sapremo se il Governo confermerà questa volontà e soprattutto capiremo i motivi di questa improvvisa decisione.
  • Acqua
  • Referendum
  • Nucleare
Altri contenuti a tema
Referendum, a Barletta pioggia di schede bianche Referendum, a Barletta pioggia di schede bianche Terminato lo spoglio delle schede dei cinque quesiti, sebbene non sia stato raggiunto il quorum
Il flop del referendum: gli italiani lo “abrogano” di fatto Il flop del referendum: gli italiani lo “abrogano” di fatto Numeri record al ribasso, fallimento per il Referendum sulla riforma della Giustizia
I referendum sulla giustizia non ottengono il quorum, a Barletta superano il 60% I referendum sulla giustizia non ottengono il quorum, a Barletta superano il 60% Nessuno dei 5 quesiti ha raggiunto il quorum per la validità della consultazione
Non solo amministrative, gli elettori di Barletta voteranno anche i referendum sulla giustizia Non solo amministrative, gli elettori di Barletta voteranno anche i referendum sulla giustizia Urne aperte per i cinque quesiti referendari dalle 7:00 alle 23:00 di domenica prossima
Stop al referendum eutanasia legale, tante le firme che furono raccolte a Barletta Stop al referendum eutanasia legale, tante le firme che furono raccolte a Barletta Lacerenza: «La democrazia del palazzo ha deciso che la democrazia diretta e popolare, quella referendaria, può aspettare»
2 Lavori sulla rete idrica, a Barletta arriveranno 5 autobotti di acqua potabile Lavori sulla rete idrica, a Barletta arriveranno 5 autobotti di acqua potabile Dal 30 novembre al 3 dicembre possibili disagi: la comunicazione ufficiale di Acquedotto Pugliese
Referendum 2020, a Barletta ha vinto il sì Referendum 2020, a Barletta ha vinto il sì Scrutinate tutte le sezioni: il sì vince con il 79,34%
Regionali e referendum, le matite nei seggi ordinari non vanno sanificate ad ogni voto Regionali e referendum, le matite nei seggi ordinari non vanno sanificate ad ogni voto Il protocollo sanitario anti Covid per i seggi elettorali e il vademecum per i cittadini in quarantena
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.