Mare di Barletta
Mare di Barletta
Territorio

«Recuperare il prezioso tratto costiero dal castello di Trani a quello di Barletta»

Una riflessione di Legambiente Trani sui recenti dati diffusi da Goletta Verde

I dati recentemente diffusi da Goletta Verde hanno evidenziato una situazione "nei limiti" per quanto riguarda lo stato delle acque del mare di Barletta, ma al contempo hanno rilevato una forte criticità nel vicino territorio di Trani, in corrispondenza della costa di Boccadoro, tra il comune tranese e il territorio barlettano.

In merito a queste analisi giunge la riflessione di Pierluigi Colangelo, presidente di Legambiente Trani, che propone una specifica iniziativa di monitoraggio e riqualificazione del tratto costiero fra Trani e Barletta, anche in collaborazione con il circolo di Legambiente di Barletta.

«Una premessa storica impone preliminarmente di evidenziare come la Legambiente a Trani dal 1990 sia costantemente impegnata nella salvaguardia del tratto costiero di ponente. Nel corso degli anni alle denunce avverso lo stato di degrado e microcriminalità si è sostituita una concreta attività indirizzata a restituire alla pubblica fruibilità il tratto litorale sia intercettando finanziamenti per il recupero della vasca di Boccadoro sia attivando programmi di impegno volontario come gli attuali progetti "riabilitAMO gli ambienti marini" in collaborazione con Coop -Alleanza 3.0 e "Mare di Inverno" che hanno visto i volontari tranesi dell'European Soliarity Corps essere ospitati nel Parlamento Europeo quale riconoscimento per il loro contributo a tutela dell'ambiente. Inoltre la costante attenzione per la spiaggia di Boccadoro, con il progetto Clean Sea LIFE la vede inserita nel circuito euro-mediterraneo di monitoraggio dell'impatto della Marine Beach Litter, ovvero del fenomeno relativo allo spiaggiamento dei rifiuti di plastica. L'impegno della associazione giovanile "Delfino blu" e la sensibilità pur dimostrata dalle amministrazioni comunali che si sono succedute ha consentito un risultato giammai sperato quando poco più di due anni fa Boccadoro altro non era che ricettacolo di rifiuti di ogni sorta e luogo di riferimento per condotte amorali e criminali. Per tale motivo la località Boccadoro nel rappresentare un punto di partenza per la riabilitazione della costa tra Trani e Barletta è oggetto di costante monitoraggio ed attenzione.

In tale contesto il dato rilevato dagli analisti di Goletta Verde si pone quale specifico tassello in quella costante attività di individuazione e risoluzione di ogni problematica al fine di addivenire ad una definitiva salvaguardia della balneabilità ed ad risolutivi interventi di rinaturalizzazione. Il monitoraggio di Goletta Verde infatti, non è finalizzato a rilasciare patenti di balneabilità, sostituendosi alle autorità competenti in materia di controlli e di balneazione ma piuttosto ad operare 'fotografie' istantanee, e portare all'attenzione di amministratori e cittadini le criticità che minacciano la qualità e la salute dei nostri mari, affinché se ne individuino e risolvano le cause. In tal senso sebbene le analisi successivamente operate dalla associazione Delfino Blu rivelino come siano venute meno le criticità rilevate dai tecnici di Goletta Verde tuttavia Legambiente Trani in collaborazione con lo stesso Delfino Blu e con l'Amministrazione Comunale intende venire a capo della vicenda attivando immediatamente un proprio ciclo di analisi onde comprendere se il dato inquinante rilevato sia da attribuire ad una casualità estemporanea eventualmente anche riconducibile a fenomeni naturali o piuttosto vi sia un evento antropico che ha causato la rilevata e seppur temporanea presenza di enterococchi in assenza invece di coliformi.

Se i coliformi, non rilevati dai prelievi di Goletta Verde, denunciano una continuativo fenomeno di inquinamento antropico gli enterococchi sono, invece, in grado di sopravvivere e moltiplicarsi in un´ampia gamma di condizioni ambientali e permanere in ambiente acquatico, in seguito a verificatisi episodi di inquinamento. In genere gli enterococchi non causano direttamente disturbi, ma si rivelano quali buoni indicatori della presenza di patogeni nelle acque e la loro esistenza impone di ricercare le cause anche di estemporanei sversamenti. Si rammenta come proprio l'anomalia di alcuni rilevamenti anni fa consenti a Legambiente di denunciare il fenomeno dell'inquinamento anche per il litorale di levante ove grazie all'intervento di Capitaneria di Porto e Vigili Urbani si individuarono alcuni immobili con scarichi a mare ripristinandosi quindi i parametri di balneabilità.

Va evidenziato come sia generalmente esclusa la balneabilità nella immediata prossimità di foci e di qualsivoglia immissione dall'entroterra in quanto attività umane o fenomeni metereologici possono improvvisamente e temporaneamente apportare in mare agenti inquinati. In tal senso i dati Arpa, come rilevabili dal sito ministeriale,http://www.portaleacque.it/ con rilievi, in mare, a circa 150 metri a nord e sud del canale Boccadoro assicurano la piena balneabilità dell'area circostante il lido di Boccadoro ove invece le analisi di Goletta Verde sono state volutamente effettuate, fronte costa ed a 3 metri dal canale di Boccadoro nell'ambito di quel percorso che vede Legambiente indirizzata a monitorare il tratto costiero a nord della Città.

Infatti con i citati progetti "RiabilitAMO gli ambienti marini" e "Mare di Inverno" ed in prospettiva con più ampie progettazioni si intende recuperare il prezioso tratto costiero che si dipana dal castello di Trani sino al Castello di Barletta anche in collaborazione con Legambiente Barletta con l'ulteriore intento di intervenire immaginando possibili bacini di fitodepurazione idonei ad una definitiva risoluzione della problematica del canale "Ciappetta-Camaggio" come di ogni canale laterale possibile indiziato di eventuali scarichi antropici».
  • Legambiente
  • Mare
Altri contenuti a tema
1 Goletta verde 2019, "risultati entro i limiti" per le acque del mare di Barletta Goletta verde 2019, "risultati entro i limiti" per le acque del mare di Barletta Campionamenti effettuati lungo la litoranea di Ponente
Consigli di viaggio: ecco come trovare un villaggio in Puglia lowcost Consigli di viaggio: ecco come trovare un villaggio in Puglia lowcost Una meta capace come poche altre di abbinare bellezza e risparmio
Bottiglie di birra e metalli vari sui fondali di Barletta Bottiglie di birra e metalli vari sui fondali di Barletta Legambiente: «Sporcizia, inquinamento e devastazione dei fondali»
"​Non toccate la mia culla!": una campagna a tutela del Fratino "​Non toccate la mia culla!": una campagna a tutela del Fratino Barletta è uno dei pochi luoghi in Italia scelti dal Fratino per nidificare
Nel mare di Barletta c'è un oceano di rifiuti: ritrovamenti curiosi sui fondali Nel mare di Barletta c'è un oceano di rifiuti: ritrovamenti curiosi sui fondali Il video realizzato dal circolo Legambiente di Barletta
Spiagge e fondali puliti, Legambiente: «A Levante livello di sporcizia altissimo» Spiagge e fondali puliti, Legambiente: «A Levante livello di sporcizia altissimo» Il sindaco Cannito ai ragazzi: «Siate responsabili, questo luogo vi appartiene»
Spiagge e fondali puliti anche a Barletta, le iniziative di oggi e domani Spiagge e fondali puliti anche a Barletta, le iniziative di oggi e domani Si svolgerà oggi la pulizia del molo e della spiaggia di Levante
1 Barletta: tra le ex-repubbliche marinare, il Mediterraneo e l’Eurasia Barletta: tra le ex-repubbliche marinare, il Mediterraneo e l’Eurasia Una riflessione di Nicola Palmitessa del centro studi "La Cittadella Innova"
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.