Dottoressa
Dottoressa
Associazioni

Presunto trasferimento della Asl BT da Andria a Barletta

«I politici vecchi vogliono affossare questa provincia». Intervento delle associazioni andriesi

«Tra gli interventi che si sono succeduti in merito al presunto trasferimento della Direzione Generale della Asl Bat, propedeutico al trasferimento dell'intera Sede della Asl, vogliamo sottolineare l'onestà, la chiarezza e l'apprezzamento per l'intervento della Federazione Sindacale Medici Dirigenti.
A tal proposito, la FESMED, a conclusione della perfetta analisi nel merito, ha invitato il Sindaco di Andria, in rappresentanza dei Cittadini, degli operatori sanitari e dell'Associazionismo andriese a non demordere ed a contrastare efficacemente, insieme a quanti altri hanno a cuore la Sanità andriese, ogni indebito tentativo di privare Andria di una "funzionale" sede legale della Asl Bat».

E' l'intervento delle associazioni andriesi: Io Ci Sono!, Pro Andria Sesta Provincia, Libertà è Partecipazione, Libera Associazione Civica, Cittadini di Andria, Comitato Quartiere Europa, C.S.U./Cittadini Socialmente Utili, Associazione del Borgo Antico, Una città in Movimento e Fuori dal Giro.

«Parole sagge che sono la migliore risposta ad altri interventi che abbiamo letto e che, per amore di democrazia, è giusto che ognuno esprima, anche coloro che, evidentemente continuano a prendere in giro se stessi, prima ancora che gli stessi cittadini dell'intera provincia Bat che, evidentemente, si sono accorti che questi politici vecchi, di pensiero, spesso anche di età ma soprattutto di spirito, sono solo spinti da quell'irrefrenabile desiderio di potere che non vogliono mollare.

Crediamo, invece, che la Società Civile, come le nostre Associazioni rappresentative del territorio piuttosto che quelle professionali, come la stessa Fesmed, debbano sempre più essere da pungolo perché a prevalere non siano queste vecchie logiche che tanti danni hanno creato al nostro territorio.
Le "questioni istituzionali", quindi, siano innanzitutto materia di discussione e di decisioni pubbliche e non "riservate" a personaggi, come molti di coloro che continuano ad intervenire sull'argomento, molti dei quali, invece di lavorare, nei rispettivi ruoli istituzionali, per lo sviluppo, la crescita e il progresso del territorio provinciale, continuano a cercare argomenti che diano loro visibilità per altri scopi forse meno nobili, avendo ancora il coraggio di parlare di "campanilismo" quando sono essi stessi i primi a possederne tutte le caratteristiche, avendolo dimostrato in tante occasioni, anche pubbliche.
Se sono questi i personaggi che rappresentano o vorrebbero rappresentare la nuova istituzione, allora è naturale che l'Inail vada verso il declassamento e che importanti istituzioni, come la Camera di Commercio, non saranno mai riconosciute alla Bat.
C'è, quindi, troppa aria vecchia e stagnante e noi vogliamo la rigenerazione, altrimenti sarà solo una Provincia già morta in partenza.
Sin dal principio abbiamo sperato non in una nuova Provincia ma in una Provincia nuova ma questo è un risultato che, purtroppo, sarà difficile riuscire a vedere, almeno a breve.

Questo è il vero danno e di questo, più d'uno, deve cominciare a prenderne atto . In fondo tutti siamo utili ma nessuno di noi è indispensabile, anche alla Provincia Bat».
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Asl
Altri contenuti a tema
Le basi della "provincia di Barletta": il dibattito continua Le basi della "provincia di Barletta": il dibattito continua Seconda parte della nota a firma della Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Barletta Provincia nel confronto "Il Graffio" Barletta Provincia nel confronto "Il Graffio" Prima parte della nota a firma della Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Scuola di via Morelli, «i lavori possono ripartire» Scuola di via Morelli, «i lavori possono ripartire» Lo annuncia il presidente della provincia Bat Lodispoto
12 Ricorso per la Barletta capoluogo unico: c'è la nuova istanza di fissazione dell'udienza Ricorso per la Barletta capoluogo unico: c'è la nuova istanza di fissazione dell'udienza Arriva la firma del sindaco Cannito, lo annuncia la Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Barletta capoluogo unico, le reazioni dei sindaci di Andria e Trani Barletta capoluogo unico, le reazioni dei sindaci di Andria e Trani Bruno: «Provocazione anacronistica». Bottaro: «Solo stando uniti tra noi possiamo crescere come territorio»
Barletta capoluogo di provincia? Trani non ci sta al ricorso Barletta capoluogo di provincia? Trani non ci sta al ricorso Raimondo Lima replica alla nota della Base del comitato di lotta "Barletta provincia"
15 Ricorso per Barletta capoluogo di provincia: «Il tempo è quasi scaduto» Ricorso per Barletta capoluogo di provincia: «Il tempo è quasi scaduto» La “Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia” si rivolge all'amministrazione comunale
Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale nell'economia del territorio» Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale nell'economia del territorio» L'allarme lanciato dal Procuratore della Repubblica di Trani nel convegno «Commercialisti, gli strumenti di protezione dai rischi di riciclaggio»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.