Mercato
Mercato
Scuola e Lavoro

Pos e piccoli pagamenti, cosa accadrà al mercato di Barletta?

Grande dibattito sulle norme previste dal piano anti-evasione che entrerà in vigore nel 2020

Elezioni Regionali 2020
Dal 2020 entrerà in vigore un piano anti-evasione che, se da un lato, premierà i cittadini che pagheranno carta di credito e bancomat, dall'altro creerà non poche difficoltà per ambulanti e piccoli commercianti, che potranno essere sanzionati se negheranno il Pos anche per spese minime. L'applicazione di queste nuove norme sta creando un ampio dibattito anche sul territorio della nostra provincia: ecco il punto di vista del presidente di Fiva-Confcommercio Bari-Bat Andrea Nazzarini, intervistato da Vito Troilo di BisceglieViva.

La tracciabilità dei pagamenti e l'utilizzo del Pos sarà un nuovo balzello a nostro carico?
«Già, la fatturazione elettronica introdotta da quest'anno non era una misura di cui il settore dei commercianti su aree pubbliche (parliamo di piccolissime imprese) ne sentiva il bisogno, ma ormai lo si è capito, è più facile colpire i piccoli, i più deboli, che i grandi giganti del web. La tracciabilità dei pagamenti e l'utilizzo del Pos sarà un nuovo balzello a nostro carico. È indiscutibile che il pagamento col Pos rappresenta una modalità moderna, al passo con la tecnologia, ma non può essere fatta sulla pelle delle piccole aziende, alle quali vengono imposte commissioni altissime rispetto agli altri Paesi europei, considerando anche che nei mercati, lo scontrino medio è molto basso e sarebbe una nuova tassa, che ci imporrebbero anche su una spesa piccola» ha spiegato Nazzarini.

Novità per il 2020 la "lotteria degli scontrini".
«La novità per il nuovo anno, dopo il Pos, è la "lotteria degli scontrini". Per assurdo, chi vuole partecipare alla lotteria dovrà fornire il codice fiscale per essere tracciato dal Fisco, tralasciando le modalità di vendita, degli spazi, degli ambienti, in cui gli ambulanti esercitano la loro attività, come i mercati all'aperto, le piazze, le fiere, posti in cui la vendita avviene in maniera molto veloce, e in un momento in cui bisogna soddisfare il consumatore senza perdite di tempo» ha aggiunto.

Cosa accadrà?
«Se non si è dotati di macchinette con l'alfanumerico bisognerà acquistare nuovi apparecchi e dedicare una persona all'inserimento dei dati per scontrini di pochi euro e durante mercati che si svolgono 2/3 ore al giorno. Il tutto per trovare a ogni costo l'evasore, rallegrare il consumatore che partecipa alla lotteria, fornendo il proprio codice fiscale, e soprattutto dimenticandosi che il povero operatore avrà poco tempo per dedicarsi alla sua attività principale: la vendita. Non capisco perché alcune categorie vengono esonerate e le nostre imprese no» ha concluso Nazzarini.
  • Confcommercio
  • mercato
Altri contenuti a tema
1 Mercato settimanale, a Barletta secondo sabato in sicurezza Mercato settimanale, a Barletta secondo sabato in sicurezza Dalla prossima settimana potrebbe essere consentita anche la presenza degli spuntisti
1 Riapre il mercato settimanale di Barletta: tutti presenti (o quasi) Riapre il mercato settimanale di Barletta: tutti presenti (o quasi) La ricollocazione di circa 60 postazioni non è stata condivisa da molti degli operatori coinvolti che questa mattina non hanno aperto
1 Ripartenza mercato di Barletta, «meglio tardi che mai» Ripartenza mercato di Barletta, «meglio tardi che mai» La nota del consigliere regionale Caracciolo: «Dopo 3 mesi di stop c'era bisogno di tornare al lavoro»
Mercato settimanale: «Perchè non una ripartenza unitaria a Barletta?» Mercato settimanale: «Perchè non una ripartenza unitaria a Barletta?» Il messaggio di una cittadina: «Tenere fermi dei lavoratori per 3 mesi oltre ad un grave impatto economico, crea uno sconforto emotivo incredibile»
Mercato settimanale di Barletta: «Il centrosinistra fa campagna elettorale» Mercato settimanale di Barletta: «Il centrosinistra fa campagna elettorale» La nota della segreteria cittadina di Forza Italia: «Una situazione assolutamente non dipesa dagli amministratori locali»
Il mercato a Barletta salta per il secondo sabato: «Costretti a non aprire» Il mercato a Barletta salta per il secondo sabato: «Costretti a non aprire» L’apertura a settimane alterne e la ridefinizione dei posteggi non sono condivise dagli ambulanti
Mercati ancora in bilico a Barletta, Cannito: «Le intese si fanno in due» Mercati ancora in bilico a Barletta, Cannito: «Le intese si fanno in due» La situazione per i mercati delle merci varie appare stagnante e sull'apertura di sabato prossimo non c'è ancora alcuna certezza
2 A Barletta il mercato non apre, i commercianti: «Chiediamo rispetto» A Barletta il mercato non apre, i commercianti: «Chiediamo rispetto» Lo stato di agitazione potrebbe proseguire sino al prossimo sabato e fino a che non venga ripristinato il normale svolgimento del mercato
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.