Pasquale Caputo
Pasquale Caputo
La città

Pasquale Caputo ritorna a Barletta, il cammino che lo ha portato sulle orme di suo padre

Si terrà martedì 19 luglio alle ore 10.00 un incontro in Piazza d'Armi del Castello di Barletta

Terminerà martedì 19 luglio dopo 73 giorni e 1.700 km il lungo viaggio a piedi di Pasquale Caputo da Monaco di Baviera a Barletta che lo ha portato a ripercorrere il cammino che portò nel '45 suo padre Francesco dai campi di prigionia tedeschi sino alla casa natia. Per onorare l'impresa, martedì 19 luglio alle ore 10.00 nella Piazza d'Armi del Castello di Barletta -con ingresso libero- il camminatore verrà accolto da tutta la cittadinanza e dalle massime Autorità Civili e Militari.

Pasquale, 73 anni, ha impiegato oltre 2 mesi per rifare il cammino che suo padre Francesco, militare italiano internato dal '43 al '45 nei campi di prigionia nazisti di Moosburg, Memmingen e Kaufbeuren, intraprese dopo la liberazione per fare ritorno a casa.

Francesco Caputo, soldato in forza al Reggimento di cavalleria "Ferrara", successivamente all'armistizio dell'8 settembre 1943 venne catturato a Verona e deportato nei campi di prigionia tedeschi, andando a far parte di quella schiera di IMI (Internati Militari Italiani) ritenuti traditori dall'ex alleato nazista. Posti davanti alla scelta di continuare a combattere nelle file dell'esercito tedesco, la stragrande maggioranza degli oltre 800.000 catturati rifiutò l'arruolamento e venne smistato nei Lager di tutta Europa.

Dopo la fine della guerra, tra l'estate del 1945 e il 1946, i sopravvissuti fecero ritorno in patria utilizzando qualunque mezzo e camminando a piedi per centinaia e centinaia di chilometri.
Per non far naufragare la memoria di questa immane tragedia, quasi dimenticata, e dare dignità a tutti coloro che affrontarono questa terribile esperienza Pasquale ha deciso di rifare questo lungo viaggio a piedi toccando le città e i luoghi legati alla resistenza ed alla memoria.

Il viaggio di Pasquale, oltre che tenere viva la memoria, vuole essere anche un momento di riflessione, di insegnamento e di monito sui temi della guerra, delle discriminazioni razziali, delle persecuzioni e dell'immigrazione, tutti argomenti di stringente attualità. Non secondario, inoltre, l'aspetto socio-sanitario e sportivo legato a questa entusiasmante e sfidante esperienza di lungo cammino, con i riflessi che ciò comporterà psicologicamente e fisicamente. Infatti il camminatore è stato costantemente monitorato attraverso strumenti innovativi di telemedicina messi a punto da AReSS Puglia con la collaborazione di Azienda Sanitaria Locale BT.

L'impresa di Pasquale, sostenuta dall'ASD Barletta Sportiva, è stata patrocinata dalla Regione Puglia , dal Comune di Barletta e da varie associazioni legate alla resistenza e alla memoria storica.
  • Seconda guerra mondiale
Altri contenuti a tema
"Gocce di memoria", l'appuntamento per ricordare la Resistenza barlettana "Gocce di memoria", l'appuntamento per ricordare la Resistenza barlettana Si è tenuto ai Giardini Baden Powell
«Non è un giorno qualunque», la lettera del presidente Anpi «Non è un giorno qualunque», la lettera del presidente Anpi «Il fascismo dei nostri giorni si confonde con la mondanità ma è ancora ben presente»
Barletta, l'eccidio del 12 settembre: le vittime, il vigile urbano sopravvissuto e la medaglia d’oro al Valor Militare Barletta, l'eccidio del 12 settembre: le vittime, il vigile urbano sopravvissuto e la medaglia d’oro al Valor Militare Il racconto di una data che ha segnato la storia della città
Pasquale Caputo termina il cammino "Sulle orme di mio padre" Pasquale Caputo termina il cammino "Sulle orme di mio padre" Il commino iniziato a Monaco di Baviera, di oltre 1700 km
Gli auguri del Commissario Alecci a Pasquale Caputo e al suo progetto Gli auguri del Commissario Alecci a Pasquale Caputo e al suo progetto Caputo ripercorrerà a piedi il cammino che fece suo padre Francesco dal lager nazista a Barletta
Pasquale Caputo: da Barletta a Monaco, la strada che portò il padre verso la libertà Pasquale Caputo: da Barletta a Monaco, la strada che portò il padre verso la libertà "Sulle orme di mio padre" - Conferenza stampa 4 maggio ore 10,30 Polo Universitario Ospedale Dimiccoli Barletta
Morto in guerra, oggi una sua lettera è stata riconsegnata alla famiglia Morto in guerra, oggi una sua lettera è stata riconsegnata alla famiglia Il soldato barlettano era deceduto in Russia
1 Vincenzo Palmieri e Domenico Senatore, doppia intitolazione per le vie di Barletta Vincenzo Palmieri e Domenico Senatore, doppia intitolazione per le vie di Barletta Le storie dell'Aviere pluridecorato, ex dipendente comunale e del Tenente Colonnello dell’aeronautica
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.