Lucilla
Lucilla
Cronaca

Negli occhi di Lucilla lo strazio della seconda ondata Covid

«Io li ho visti. In questi giorni, non a marzo. I giovani sani, le mamme positive in ospedale con i bambini a casa»

Come ai tempi dell'inizio pandemia, quando a marzo ci commuovemmo per le terribili esperienze vissute dal personale sanitario, da quei medici e infermieri che imparammo a chiamare "eroi". Oggi le lancette dell'orologio sembrano tornare drammaticamente indietro nel tempo per farci rivedere quelle immagini che già avevamo archiviato come un triste, ma sbiadito ricordo.

L'emergenza è tutt'altro che sbiadita, anzi è ardente, incalzante, e cerca anche di superare l'ignoranza e la leggerezza che in troppi stanno dimostrando in questo avvio di seconda ondata Covid. Quell'ardore, quello strazio di chi vede la sofferenza ma vuole lottare per sconfiggerla, viene raccontata dalle parole ma soprattutto dagli occhi di Lucilla Crudele.

Lucilla, giovane barlettana, è una specializzanda al Policlinico di Bari. Il suo sfogo, postato su Facebook, ha fatto il giro del web, lanciando un messaggio di consapevolezza verso chi si ostina nel sottovalutare l'emergenza. Contro complottisti, negazionisti, ignoranti e irresponsabili, le sue parole sono un dardo che dovrebbe trafiggere tutti, e portarci a un serio esame di coscienza. Nessuno escluso.

«Io li ho visti. In questi giorni, non a marzo. I giovani sani, non gli anziani superobesi. Le signore con la manicure fatta e la piega in ordine, non quelle trasandate di cui pensi che magari sono disattente a loro stesse. Io li ho visti. I figli terrorizzati. Le mamme positive in ospedale con i bambini a casa. I ricoverati a cui nessuno può portare i cambi della biancheria perché tutta la famiglia è in quarantena. E le ho ascoltate le videochiamate che abbiamo ricominciato a fare. Li ho visti e fuori fa ancora caldo, possiamo far cambiare aria alle stanze e prendere il caffè all'aperto. Cosa sarà di noi fra 15 giorni? Perché io li ho già visti i 118isti stremati, i colleghi in burnout e gli infermieri a pezzi. La prospettiva è la guerriglia fuori dagli ospedali per un posto letto. Perchè intanto chi doveva decidere, programmare, prevenire e risolvere ha pensato bene di sminuire, smentire, rassicurare senza alcun fondamento, visto che anche ad agosto c'erano i positivi in giro ma la campagna elettorale era più importante. Quindi smettiamola di dire che 15 giorni di #lockdown o restrizioni dure sono la fine della nostra economia perché nel caso stiamo solo rinviando di qualche giorno l'inizio di sei mesi di morte, crisi irreversibile (che non si basa solo sul vostro pareggio di cassa) e disordini sociali. Quelli veri, non quelli programmati dalla camorra. E nel mentre, tutti complottisti con i morti degli altri. A 'sto giro, gli altri siamo noi».

Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1136 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid-19, nessun decesso nella Bat. Sono 97 i nuovi casi Covid-19, nessun decesso nella Bat. Sono 97 i nuovi casi In Puglia si sono registrati altri 907 positivi su 8.285 tamponi
Eseguita l’autopsia sulla 41enne deceduta nell’ospedale di Barletta Eseguita l’autopsia sulla 41enne deceduta nell’ospedale di Barletta L’esito, che farà chiarezza su causa e tempi del decesso, sarà comunicato tra 90 giorni
5 Luminarie natalizie, Cannito: «Una polemica ingiusta» Luminarie natalizie, Cannito: «Una polemica ingiusta» Il primo cittadino: «Il Comune di Barletta sarà destinatario di circa 850.000 euro di fondi governativi per i Buoni Spesa»
In Puglia 1.573 nuovi casi di Covid-19: 182 nella Bat In Puglia 1.573 nuovi casi di Covid-19: 182 nella Bat Nella sesta provincia pugliese si sono registrati altri 5 decessi
2 A Barletta 35mila euro per le luminarie natalizie, ma altri Comuni erogano buoni spesa A Barletta 35mila euro per le luminarie natalizie, ma altri Comuni erogano buoni spesa Mentre si richiedeva la zona rossa per Bat e Foggia, il Comune redigeva il bando di gara per installare gli addobbi
1 Completato l'ospedale da campo a Barletta: a breve saranno operativi 40 posti letto Completato l'ospedale da campo a Barletta: a breve saranno operativi 40 posti letto Il team sanitario della Marina sarà composto da sette Ufficiali medici, 16 infermieri e 10 operatori tecnico-sanitari
1 Aperta un'inchiesta sulla 41enne tranese morta a Barletta. Avviso di garanzia per 18 sanitari Aperta un'inchiesta sulla 41enne tranese morta a Barletta. Avviso di garanzia per 18 sanitari L'ipotesi di reato è cooperazione in omicidio colposo. Sabato 28 verrà eseguita l'autopsia
3 A Barletta cimitero quasi saturo: iniziano le esumazioni, ma mancano gli ossari A Barletta cimitero quasi saturo: iniziano le esumazioni, ma mancano gli ossari L'assessore Passero: «Sarà installato un container per la conservazione dei resti mortali»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.