Ritrovato uomo senza vita in corso Vittorio Emanuele
Ritrovato uomo senza vita in corso Vittorio Emanuele
Cronaca

Morì al vecchio ospedale di Barletta, Asl/Ba condannata al risarcimento

La 34enne Santa Ricatti perse la vita nel 1998 poco dopo aver partorito un feto privo di vita

Il Tribunale Civile di Trani (giudice monocratico Luigi Mancini) ha condannato l'Asl/Bari al pagamento di oltre 1 milione e 800mila euro a titolo di risarcimento in favore dei familiari (marito e 2 figlie) della 34enne Santa Ricatti morta all'ospedale Umberto I di Barletta il 29 dicembre 1998 poco dopo aver partorito un feto privo di vita.

La vicenda fece molto parlare di sè per il palleggiamento di responsabilità su una trasfusione di sangue che ostava con la confessione religiosa della Ricatti, testimone di Geova. Il processo penale condannò il ginecologo Antonio Luzzi, che sentì prescritta l'ulteriore accusa mossagli per la morte del feto: un maschio che si sarebbe dovuto chiamare Giuseppe. Si è, invece, appena concluso il processo civile, avviato nel 2012, per il risarcimento dei danni chiesti dai familiari all'Asl.

Il tribunale non ha ritenuto responsabile l'Asl/Bat ma l'Asl/Ba da cui all'epoca dipendeva l'ospedale barlettano. La somma liquidata a vario titolo risarcitorio è al netto dell'importo transatto con l'assicurazione del ginecologo.

Le sentenze penali a carico di Luzzi "hanno ampiamente accertato la responsabilità nell'aver provocato il decesso della donna" si legge nella sentenza di primo grado del tribunale di Trani, secondo cui Luzzi dev'esser riconosciuto responsabile anche per il decesso del feto perchè "alla luce del materiale probatorio deve del tutto escludersi che l'evento in questione possa qualificarsi – come invece sostenuto da Luzzi – quale evento imprevedibile ed eccezionale. I consulenti nominati nel corso del procedimento penale ed ascoltati nel corso della istruttoria hanno ampiamente chiarito come Luzzi avrebbe potuto e dovuto individuare i segni della sofferenza fetale ed attivarsi tempestivamente. L'Asl/Ba risponde delle conseguenze dell'operato di Luzzi, attribuibili all'azienda sanitaria come frutto di attività alla stessa imputabile".

Tra le voci di risarcimento anche 80mila euro per responsabilità aggravata per condotta processuale: tra l'altro l'Asl/Ba non accolse la proposta conciliativa di 1 milione e 300mila euro formulata dallo stesso giudice "che, alla luce dell'esito del giudizio, risultava decisamente vantaggiosa e meno onerosa".
  • Ospedale "R. Dimiccoli"
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Evento scientifico internazionale al Dimiccoli di Barletta fino a giovedì 30 gennaio Evento scientifico internazionale al Dimiccoli di Barletta
Radiologia Muscolo-Scheletrica, confronto all'ospedale di Barletta Radiologia Muscolo-Scheletrica, confronto all'ospedale di Barletta Importante appuntamento scientifico in programma dal 27 al 30 gennaio
1 Coccole per guarire, la pet therapy arriva all'ospedale di Barletta Coccole per guarire, la pet therapy arriva all'ospedale di Barletta Per la prima volta l'iniziativa giunge al "Dimiccoli" tra la gioia dei piccoli pazienti
Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione Queste le pene richieste dal pm antimafia Maralfa per i 24 imputati dell'inchiesta "Nabucodonosor"
Gli agenti Vegapol di Barletta donano tre apparecchi aerosol in pediatria Gli agenti Vegapol di Barletta donano tre apparecchi aerosol in pediatria Insieme ai macchinari sono stati consegnati anche alcuni regali per i piccoli pazienti
Impastato, Falcone e Don Diana, a Barletta si riflette con "Innocenti Martiri” Impastato, Falcone e Don Diana, a Barletta si riflette con "Innocenti Martiri” Valentina Amorotti, presidente dell'Albero della vita: «Un incontro rivolto ai giovani, ma aperto a tutti»
Presto un'area specifica per i rifiuti dell'ospedale Presto un'area specifica per i rifiuti dell'ospedale I lavori si concluderanno a metà gennaio 2020
Ospedale di Barletta, tutte le attività dell'ambulatorio di dermatologia Ospedale di Barletta, tutte le attività dell'ambulatorio di dermatologia Prima di novembre, i pazienti affetti da psoriasi erano costretti a spostarsi altrove fuori dalla provincia per ricevere cure adeguate
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.