Tribunale
Tribunale
Cronaca

Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione

Queste le pene richieste dal pm antimafia Maralfa per i 24 imputati dell'inchiesta "Nabucodonosor"

Da 6 a 20 anni di reclusione. Sono le pene chieste dal pubblico ministero antimafia di Bari Giuseppe Maralfa per i 24 imputati che hanno chiesto di esser giudicati con rito abbreviato per l'inchiesta "Nabucodonosor" che a gennaio 2019 debellò 4 presunti gruppi malavitosi barlettani ritenuti gestori del mercato degli stupefacenti: quello di Cosimo Damiano Cannito; quello dei fratelli Albanese; quello dei fratelli Gianluca e Pasquale Sarcina e quello di Luigi Lombardi, Luigi Marchisella e Ruggiero Lattanzio, quest'ultimo ucciso, a Barletta, poco prima delle esecuzioni delle ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale di Bari Francesco Mattiace su richiesta dei pubblici ministeri della D.D.A. Maralfa, Lidia Giorgio e Giuseppe Gatti. Il pm Maralfa ha chiesto 6 anni di reclusione per 3 collaboratori di giustizia: Pasquale Lattanzio (43 anni), Michele Dicuonzo (30) ed Umberto Ardillo (37). Pene più pesanti, a seconda dei casi fino a 20 anni di reclusone, sono state invocate per gli altri imputati: Cosimo Damiano Cannito, Albanese Cosimo Damiano (40 anni); Albanese Francesco (45); Albanese Gabriele (47); Albanese Raffaele (42); Albanese Savino (48); Dicataldo Rinaldo (41); Guerra Luigi Leonardo (47); Lombardi Luigi (40); Marchisella Luigi (47); Pellizzieri Saverio (39); Sarcina Pasquale (39) Ruggiero Diviccaro (31); Bruno Antonio Ruggiero (34); Bruno Cosimo Damiano (38); Dagostino Angelo (45); Lombardi Angelo (37); Pellizzieri Carmine (42); Spera Savio (30); Straniero Gaeteano (43); Civita Antonio (43).

Prossima udienza il 15 gennaio con le prime arringhe difensive. La sentenza di primo grado del gup del Tribunale di Bari Giuseppe De Benedictis è prevista per il 13 febbraio. Ulteriori 3 imputati, Alessandro Antonio Cacciatore (30), Santarsiere Giuseppe (49 anni) e Sarcina Gianluca (33) non hanno optato per il rito abbreviato e sono stati rinviati a giudizio davanti al tribunale di Trani.
  • Tribunale
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Giustizia per Vincenzo, risuona anche a Barletta l'appello della famiglia Giustizia per Vincenzo, risuona anche a Barletta l'appello della famiglia La Procura di Foggia ha aperto un'inchiesta su quanto accaduto il 3 febbraio a Margherita di Savoia
Amministrazione di sostegno, a Barletta sportello comunale per presentare le pratiche Amministrazione di sostegno, a Barletta sportello comunale per presentare le pratiche È il secondo in Italia dopo quello di Bologna
Collaborazione tra tribunale di Trani e Barletta: in città apre l'ufficio di prossimità Collaborazione tra tribunale di Trani e Barletta: in città apre l'ufficio di prossimità Lo sportello è già operativo, ecco i servizi offerti
1 Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Il tribunale si è pronunciato nel pomeriggio di oggi
1 L'emergenza Covid colpisce il Tribunale di Trani, interviene l'Ordine degli Avvocati L'emergenza Covid colpisce il Tribunale di Trani, interviene l'Ordine degli Avvocati «Tutti devono rispettare le norme dello Stato e il Protocollo d'intesa»
Sospetto caso Covid-19, udienze rinviate al Tribunale di Trani Sospetto caso Covid-19, udienze rinviate al Tribunale di Trani Palazzo Torres resta chiuso per sanificazione
Fu accusato di molestie a Barletta, assolto un 36enne di Giovinazzo Fu accusato di molestie a Barletta, assolto un 36enne di Giovinazzo Al processo è stata accolta la tesi della difesa. Due anni fa, l’inchiesta aperta in seguito alla denuncia di una 29enne
Anna Chiumeo nuova presidente dell'associazione Donne Giuriste sezione Trani Anna Chiumeo nuova presidente dell'associazione Donne Giuriste sezione Trani Eletta all'unanimità dall'assemblea riunitasi il 2 giugno
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.