Commerciante mercato del sabato
Commerciante mercato del sabato
La città

Mercato del sabato a Barletta, si procede in sicurezza ma calano le vendite

Diminuiscono i guadagni, i commercianti: «Meglio feriti che morti». Sabato prossimo si aggiungeranno anche i banchi delle merci varie

Cautela, sicurezza e distanziamento. Sono le parole d'ordine che hanno accompagnato la riapertura del mercato settimanale di Barletta, tra via Rossini e via Verdi, ormai alla terza settimana di attività, dallo scorso 2 maggio.Entrano in fila gli avventori, già decine a prima mattina, attraversando varchi di accesso presieduti dalle Forze dell'ordine e dalla Croce Rossa. Con l'assistenza degli strumenti conta-persone si monitorano gli ingressi, tenendoli al di sotto di 400, il numero di capienza massima stimata nell'area mercatale. Muniti di mascherina, è obbligatorio il monitoraggio della febbre ed igienizzare le mani.

I commercianti si sono adeguati senza problemi alle misure di sicurezza, mentre i cittadini procedono con cautela, attenti al rispetto delle regole di distanziamento. Ogni banco ha tracciato una linea di demarcazione, a ricordare che le cose in questi due mesi sono cambiate. «Meglio feriti che morti» riferisce un ambulante. Le vendite si sono sensibilmente ridotte rispetto al passato e qualche banco è vuoto, in attesa che dall'ingresso entrino, nel rispetto della turnazione data, altri cittadini.

A passeggiare tra i banchi c'è il vicesindaco, con delega alle Attività Produttive, Marcello Lanotte: «Il mercato è sempre stato organizzato regolarmente – spiega Lanotte – il distanziamento è sempre stato rispettato, come anche il contingentamento. È chiaro che quella foto che ha scatenato un po' di polemiche è stata scattata da una prospettiva quantomeno suggestiva. Il mercato non è affollato, dobbiamo ringraziare i vigili urbani, la Croce rossa, ma soprattutto i cittadini, sia i commercianti che gli avventori, perché stanno rispettando le prescrizioni. Noi lavoriamo, diamo la possibilità alla gente di lavorare e di acquistare la merce a prezzi calmierati perché nel momento in cui i mercati sono stati chiusi abbiamo assistito allo sciacallaggio dell'aumento dei prezzi. Noi lavoriamo per risolvere i problemi della gente, le chiacchiere le lasciamo agli altri».

Intanto, si lavora alla riapertura, a partire dal prossimo sabato, del mercato delle merci varie che secondo qualche commerciante potrebbe risollevare le sorti anche delle vendite alimentari. «Tutto può essere migliorato. Stiamo lavorando alla riapertura del mercato delle merci varie a partire dal prossimo sabato. Limiteremo l'accesso al mercato delle merci varie al 50% dei titolari di posteggioci ha spiegato il vicesindaco, Marcello Lanotte – Abbiamo avuto in questa settimana un costante confronto con le associazioni e i rappresentanti dei commercianti del mercato del sabato. Si partirà con i titolari di posteggio con numero pari. Ci saranno circa 145 venditori e il sabato successivo i restanti 145. Così, a settimane alterne fino a quando l'emergenza durerà o fina a quando non ci sarà un allentamento delle misure di distanziamento tra una bancarella e l'altra».

«Ci sono quelli che preannunciano le ordinanze – stigmatizza Marcello Lanotte – quasi come fossero risultati politici importantissimi. I risultati politici sono quelli di realizzare i mercati secondo le prescrizioni. Noi lo facciamo, ma è bene che i cittadini sappiano che tra le chiacchiere della teoria e la pratica ci passa un mondo. Chi ha fatto esposto alla Procura della Repubblica oggi dovrebbe porsi il problema dell'immagine della città che è stata lesa perché le questioni delle problematiche riguardano tutte le città, anche quelle amministrate dalla stessa parte politica di chi si è preso la briga di fare un esposto in Procura».
  • mercato
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

654 contenuti
Altri contenuti a tema
Nessun nuovo caso di Coronavirus nella Bat. Zero decessi oggi in Puglia Nessun nuovo caso di Coronavirus nella Bat. Zero decessi oggi in Puglia Sono 8 i positivi registrati nelle ultime 24 ore in Puglia
Feste patronali in Puglia, i Vescovi: «Non sarà possibile organizzare processioni» Feste patronali in Puglia, i Vescovi: «Non sarà possibile organizzare processioni» La Conferenza episcopale pugliese conferma l'impossibilità di organizzare momenti di preghiera che rischiano di creare assembramenti
Il mercato a Barletta salta per il secondo sabato: «Costretti a non aprire» Il mercato a Barletta salta per il secondo sabato: «Costretti a non aprire» L’apertura a settimane alterne e la ridefinizione dei posteggi non sono condivise dagli ambulanti
Contributo fitto casa, erogato a tutti i richiedenti di Barletta Contributo fitto casa, erogato a tutti i richiedenti di Barletta L’Amministrazione comunale ha deciso di anticipare le somme previste per l’anno 2018 agli aventi diritto
Mercato settimanale a Barletta, domani tocca alle postazioni dispari Mercato settimanale a Barletta, domani tocca alle postazioni dispari Il sindaco Cannito: «Non sprecate un’altra giornata, l’importante è riaprire e superare le difficoltà»
COVID-19, oggi nessun caso positivo nella Bat COVID-19, oggi nessun caso positivo nella Bat In Puglia sono stati registrati oggi 4 casi
1 Ordine Avvocati Trani: «Senza Giustizia il Paese non ha un futuro» Ordine Avvocati Trani: «Senza Giustizia il Paese non ha un futuro» Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Trani esprime preoccupazione per la lenta ripresa della piena attività nelle Aule di Giustizia
In Puglia cercasi aziende produttrici di mascherine: l'avviso pubblico In Puglia cercasi aziende produttrici di mascherine: l'avviso pubblico Si stima un fabbisogno di approvvigionamento di 20 milioni di mascherine chirurgiche e di 10 milioni di mascherine di comunità
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.