Levante
Levante
La città

Lunghe code in via Trani, i più furbi prendono una strada contromano

Due le proposte della consigliera Rosanna Maffione. Il sindaco promette nuovi sopralluoghi

All'ora di pranzo, quando gli uffici e le fabbriche della città - le poche ancora in piedi – prendono una pausa, Barletta si paralizza. Non è mai stato così difficile rientrare a casa. E via Trani è il punto nevralgico. I "più furbi" cercano di uscire dal serpentone effettuando un sorpasso, ma poco dopo sono costretti a rientrare: non puoi sfuggire alla fila. I "fuori legge" procedono invece verso Levante imboccando una strada contromano.

A seguito della chiusura dei passaggi a livello in via Andria e via Vittorio Veneto, l'Ufficio Traffico del Comune di Barletta ha collocato un semaforo all'incrocio fra via Trani e via Scuro per disciplinare il transito automobilistico. Tuttavia, tale inserimento ha rallentato la viabilità ai danni dei cittadini che ogni giorno sono costretti a lunghe code e attese. Parliamo di 15 minuti circa per percorrere solo un chilometro. In realtà, una strada senza intitolazione, che collega la litoranea di Levante alla zona industriale, potrebbe rivelarsi la soluzione più efficace al fine di decongestionare il traffico veicolare su via Trani; ma gli interventi su di essa non sono così semplici e il Sindaco Cosimo Cannito vuole vederci chiaro. La via, percorribile solo in direzione sud (verso Trani), attualmente è praticata da numerosi cittadini in senso contrario di marcia, violando le norme del codice della strada. In pochi minuti i "fuori legge" attraversano via dell'Economia e raggiungono la litoranea di Levante, evitando così il rallentamento su via Trani.

Durante lo scorso Consiglio comunale – 1 aprile – la consigliera d'opposizione Rosanna Maffione, esponente del PD, ha presentato la domanda di attualità sull'eventualità di ampliare la carreggiata della via sopracitata, al fine di istituire il doppio senso di marcia per i veicoli. «Dopo alcuni sopralluoghi – dichiara il Primo cittadino Cannito – l'ufficio competente si è espresso in termini negativi circa la possibilità di costituire una doppia corsia, a causa di criticità idrogeologiche del suolo e del conseguente danno naturalistico». Secondo i tecnici, il riempimento del canale, necessario per asfaltare il terreno, richiederebbe tonnellate di materiale provocando non solo l'alterazione dello stato dei luoghi ma anche l'investimento di ingenti somme di denaro. La seconda proposta avanzata dal consigliere Rosanna Maffione pare sia più vicina alla visione dell'Amministrazione. «Attraverso l'introduzione di un semaforo, si andrebbe a regolare il senso unico alternato, attualmente praticato illecitamente dai nostri cittadini. Il transito, considerando le ridotte dimensioni stradali, sarebbe riservato ad automobili e motocicli».

Un piano d'azione senza alcun dubbio più rapido e meno invasivo dal momento che la città della Disfida è diventata da alcuni mesi un maestoso cantiere a cielo aperto. Il Sindaco Cannito promette che seguiranno ulteriori accertamenti. Nel frattempo è doveroso ricordare: i sensi di marcia vanno rispettati!
  • Cosimo Cannito
Altri contenuti a tema
76 anni dopo Barletta ricorda la resistenza civile e militare all’occupazione nazista​ 76 anni dopo Barletta ricorda la resistenza civile e militare all’occupazione nazista​ Cannito: «Questo sacrificio di vite innocenti ci ha regalato la democrazia. Abbiamo il dovere di difenderla giorno»
1 Soppressione passaggi a livello, Cannito: «L'attraversamento pedonale si farà» Soppressione passaggi a livello, Cannito: «L'attraversamento pedonale si farà» Questa mattina il sindaco Cannito ha incontrato i cittadini che vivono a ridosso del cantiere
Donazione midollo osseo, il riconoscimento per un finanziere di Barletta Donazione midollo osseo, il riconoscimento per un finanziere di Barletta Sindaco Cannito: «una condotta da rimarcare e premiare per il suo alto valore esemplare»
"Sindaci ai fornelli", il sindaco di Barletta Cannito cuoco per un giorno "Sindaci ai fornelli", il sindaco di Barletta Cannito cuoco per un giorno Vincono la kermesse i primi cittadini di Parma e Francavilla Fontana
Mini vigili, il saluto del sindaco Cannito a una delegazione di nove alunne Mini vigili, il saluto del sindaco Cannito a una delegazione di nove alunne Il primo cittadino ha sottolineato l'importanza di questo tipo di impegno sul piano civico
1 Risanamento degli scarichi a Ponente, nel 2020 i lavori per la nuova condotta Risanamento degli scarichi a Ponente, nel 2020 i lavori per la nuova condotta Sindaco Cannito: “Opera strategica per Barletta e per il mare”
«Barletta omaggia San Cataldo dopo 21 anni»: il commento del sindaco Cannito «Barletta omaggia San Cataldo dopo 21 anni»: il commento del sindaco Cannito «Occorre restituire dignità alla storia e alla cultura della nostra città per le nuove generazioni»
“Sindaci, ai fornelli": tra gli sfidanti il Primo cittadino di Barletta Cannito “Sindaci, ai fornelli": tra gli sfidanti il Primo cittadino di Barletta Cannito I sindaci, divisi in 6 squadre, dovranno elaborare dei piatti a seconda degli ingredienti messi a disposizione
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.