Carlo Lucarelli
Carlo Lucarelli
Associazioni

Le ferite della democrazia: la loggia massonica P2 e lo stato parallelo

Carlo Lucarelli a Barletta per parlare della P2, uno Stato nello Stato. Una lista di 962 persone che ufficialmente scambiavano «favori»

Venerdì 19 novembre, nella sala rossa del castello svevo, si è tenuto l'incontro con lo scrittore Carlo Lucarelli sul tema«Le ferite della democrazia:la loggia massonica P2 e lo Stato parallelo». L'evento è stato organizzato da "La democrazia delle Parole". Lucarelli ci ha raccontato di come fin dalla fine degli anni '60 sia esistito uno Stato parallelo, la P2 ( Propaganda 2), oscura loggia massonica in cui gravitavano nomi di spicco del mondo della politica, dei servizi segreti, dell'esercito, e addirittura del giornalismo ( Maurizio Costanzo) e dello spettacolo (Claudio Villa). Una lista di 962 persone che ufficialmente scambiavano «favori», ma che hanno anche influito sulle sorti dell'Italia, attuando la così detta «strategia della tensione», un vero e proprio golpe silenzioso, consistente nel''attuazione di attentati mirati e stragi.

Stragi iniziate con la bomba nella Banca dell'Agricoltura a Milano nel 1969, e proseguite con le bombe a piazza della Loggia Brescia, l'attentato sul treno Italicus, la strage alla stazione di Bologna, la strage di Ustica. Questi sono solo alcuni esempi. Le inchieste e i processi seguiti, hanno appurato che dietro ogni attentato , ci sia stato almeno un componente della loggia P2, in veste di mandante. Non potendo cambiare la Costituzione o attuare un colpo di stato, la P2 agisce tramite servizi segreti e vertici militari «deviati». A capo di della P2, il «gran maestro venerabile» Licio Gelli, personaggio camaleontico e ambiguo, il quale fin dalla giovinezza passa dal fascismo della repubblica di Salò alle formazioni partigiane con molta disinvoltura, riuscendo diventare persona stimata e potente nel giro di pochi anni, fino alla creazione della P2 .

Al culmine della mania di grandezza (o della follia), Licio Gelli avrebbe voluto attuare un «piano di rinascita democratica», consistente nel «comprare uomini di buona volontà» sparsi per il mondo e stravolgere tutto. Il costo per attuare questo piano? 60 miliardi di vecchie lire ( negli anni '70).Carlo Lucarelli ha affermato che i misteri italiani sono come romanzi, ma al contrario dei romanzi, nel «romanzo Italia» i colpevoli, i mandanti , gli ideatori delle stragi sono stati spesso assolti, e grazie ai parenti delle vittime, che si sono organizzati in associazioni, i processi sono stati istruiti e la memoria di quei fatti continua a vivere.
40 fotoCarlo Lucarelli
Scopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo LucarelliScopriamo Carlo Lucarelli
  • Carlo Lucarelli
  • P2
  • Licio Gelli
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
Orto Botanico, la strana storia del fosso dei rifiuti Orto Botanico, la strana storia del fosso dei rifiuti BarlettaViva aveva già fotografato e posto tante domande
Il Bla Bla è tornato, Barletta scende in pista Il Bla Bla è tornato, Barletta scende in pista Serata-evento con dj Paky Mele, Gaetano Spera e Angelino
«Uno di quei 50 milioni di morti avrei potuto essere io» «Uno di quei 50 milioni di morti avrei potuto essere io» Domenico Morra, scampato ai lager, rievocato dall'Anmig di Barletta
«Barletta non ha il culto del fumetto» «Barletta non ha il culto del fumetto» Il disegnatore barlettano Pietrantonio Bruno e l’arte del fumetto
Compagni barlettani, lunga vita all’Aborto Botanico Compagni barlettani, lunga vita all’Aborto Botanico Nascita e morte di una struttura mai inaugurata
«Voglio continuare con la mia arte, restando a Barletta» «Voglio continuare con la mia arte, restando a Barletta» Il pittore barlettano Michele Riefolo e gli invincibili colori della Puglia
«Non ho potuto evitare l’uccisione del soldato nazista» «Non ho potuto evitare l’uccisione del soldato nazista» Francesco Corvasce, testimone della occupazione nazista di Barletta e della strage di Marcinelle
Caparezza ama l'Expovinile di Barletta Caparezza ama l'Expovinile di Barletta Visitatori da tutta la Puglia per la grande fiera del vinile
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.