Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale
Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale
Cronaca

La gratitudine di don Ruggiero Lattanzio per il recupero dei manoscritti su Barletta

Il direttore dell'Archivio diocesano dopo la conclusione dell'operazione

Oggi, 3 marzo, giunge a felice (e celere) conclusione la pratica iniziata lo scorso 1° dicembre dal Direttore dell'Archivio diocesano, don Ruggiero Lattanzio. In quella data egli denunciava alla Soprintendenza Archivistica di Bari e al Nucleo Tutela del Patrimonio dell'Arma dei Carabinieri la presenza su piattaforme di e-commerce di annuncio di vendita di preziosi beni archivistici provenienti con certezza dal materiale documentario dell'Archivio Diocesano "Pio IX" di Barletta.
«Celere e determinata – ha dichiarato il sacerdote - è stata l'opera del luogotenente Zitoli e del maresciallo Tateo, cui va la nostra gratitudine». Il materiale, sequestrato repentinamente nonostante l'emergenza sanitaria e le feste natalizie, già il 4 gennaio poteva essere analizzato da don Lattanzio nella sede dell'Archivio diocesano per il riconoscimento formale.

La proficua e solerte collaborazione di diversi enti (Archivio Diocesano, Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Puglia, Arma dei Carabinieri, Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani) permette oggi un recupero prezioso: un totale di 17 unità archivistiche, di grande interesse per la storia religiosa e civile della città di Barletta.

«Oltre ad alcuni libelli degli "Status Animarum" (XVIII-XIX secolo), - ha precisato don Ruggiero - il materiale consiste anche in Sante Visite (XVII secolo) e Atti matrimonaili; essi riguardano le chiese barlettane di Santa Maria Maggiore (Cattedrale) e San Giacomo Maggiore. Il ritrovamento più interessante e antico è stato certamente il Libro dei Battezzati (1560-1582) della Prepositura Curata di San Giacomo Maggiore, la cui serie completa comincia dal 1540, ben prima delle disposizioni tridentine».

Il prezioso materiale archivistico, sottratto illecitamente in passato, potrà ora essere riconsegnato alle sedi opportune. Il recupero del patrimonio culturale è solo uno dei compiti dell'Archivio e della Biblioteca della Diocesi che, in stretta collaborazione con l'Ufficio Diocesano dei Beni Culturali, lavora per la conservazione, la tutela e la fruizione del patrimonio culturale.

«È sempre utile ricordare che, - ha aggiunto il Direttore - oltre alla produzione dei beni culturali, la Chiesa si è sempre interessata alla loro valorizzazione pastorale e, conseguentemente, alla tutela di ciò che ha prodotto per esprimere e attuare la sua missione. Gli archivi ecclesiastici sono luoghi della memoria delle comunità cristiane e fattori di cultura per la nuova evangelizzazione».
  • Diocesi
Altri contenuti a tema
Don Ruggero Caputo è Venerabile, D'Ascenzo: «Un evento di grazia per la Diocesi» Don Ruggero Caputo è Venerabile, D'Ascenzo: «Un evento di grazia per la Diocesi» Le parole dell'Arcivescovo della Diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie
1 Il barlettano Don Ruggero Caputo è stato dichiarato Venerabile da Papa Francesco Il barlettano Don Ruggero Caputo è stato dichiarato Venerabile da Papa Francesco La comunicazione ufficiale dell'Arcidiocesi
Don Ruggero Caputo, presbitero di Barletta, diventerà presto "venerabile" Don Ruggero Caputo, presbitero di Barletta, diventerà presto "venerabile" Il messaggio del Vicario Generale, mons. Giuseppe Pavone
Catechismo, incontri sospesi fino al 3 dicembre: «La casa può avere il profumo di una chiesa» Catechismo, incontri sospesi fino al 3 dicembre: «La casa può avere il profumo di una chiesa» La lettera di D'Ascenzo inviata ai catechisti della diocesi
Emergenza Covid, l'Arcidiocesi: «Sospesi gli incontri in presenza di catechesi» Emergenza Covid, l'Arcidiocesi: «Sospesi gli incontri in presenza di catechesi» Lo stop riguarda anche i percorsi formativi del clero
Due sacerdoti di Barletta positivi al Covid-19 Due sacerdoti di Barletta positivi al Covid-19 Sono i parroci Don Giuseppe Tupputi (Parrocchia Sacra Famiglia) e Don Giuseppe Cavaliere (San Nicola)
Alla parrocchia Immacolata di Barletta arriva Padre Sabino Fuzio Alla parrocchia Immacolata di Barletta arriva Padre Sabino Fuzio Il frate andriese succederà a Padre Francesco Milillo
Il barlettano Francesco Lattanzio tra i nuovi diaconi ordinati dall'arcivescovo Il barlettano Francesco Lattanzio tra i nuovi diaconi ordinati dall'arcivescovo Saranno tre i diaconi che verranno ordinati dall'arcivescovo D'Ascenzo
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.