Orto Botanico Graffiti
Orto Botanico Graffiti
La città

Inizia lo scempio dell’Orto Botanico

I primi teppisti hanno lasciato il segno. E' l'unico orto botanico che abbiamo, non distruggiamolo

Camminando lungo l'assolato viale Marconi, tra alberi in fiore e cacche di cane, non posso non notare lungo il muro perimetrale dell'Orto Botanico, una scritta vergata con spray nero, intitolata "apulia skins – white pride".Nonostante i lavori di completamento dell'orto botanico non siano stati ultimati,con perfetta sincronia, gli stupidi balordi, hanno preso di mira il bianco muro perimetrale della struttura. L'artistica scritta, non dovrebbe essere riconducibile ai writers (graffitari), i quali hanno un loro codice morale, che impedisce di lordare monumenti ed edifici pubblici. La scritta nera su sfondo bianco dovrebbe fare riferimento al sottobosco razzista, espresso dalla scritta "orgoglio bianco" (white pride).
I teppisti saranno orgogliosi d'essere stati i primi ad avere sporcato le mura dell'orto botanico. Li immagino, nascosti vigliaccamente dalla notte, mentre con la bomboletta tracciano le uniche parole in inglese da loro conosciute, a cui sovrappongono il simbolo nazista e anarchico, segno evidente della loro confusione mentale e "politica". I bambocci sgrammaticati, dopo aver fatto conoscere al mondo i loro problemi mentali, saranno tornati alle loro casette, al calduccio delle loro camerette, fieri di avere compiuto questo gesto anticonformista. Chissà se i loro genitori sospettano di avere in casa questi artisti del nulla.

A questo punto , sono necessarie telecamere a circuito chiuso anche per l'orto botanico, dato che a Barletta, c'è tanta voglia di sporcare e copiare questi gesti. Non basteranno gli alti muri perimetrali a tenere a bada la voglia di sporcare, distruggere o rubare gli esemplari di piante contenute nell'orto, purtroppo sarà necessario trasformare un giardino, in un campo di concentramento sorvegliato da videocamere. E' l'unico Orto Botanico che abbiamo, non distruggiamolo.
3 fotoOrto Botanico
Orto botanicoOrto botanicoOrto botanico
  • Vandalismo
  • Orto botanico
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
Vandali in via Vanvitelli ripresi dalla videosorveglianza Vandali in via Vanvitelli ripresi dalla videosorveglianza L’appello del sindaco Cannito a scusarsi
1 Sottovia Imbriani, danneggiato il servoscala: sarà inutilizzabile per alcuni giorni Sottovia Imbriani, danneggiato il servoscala: sarà inutilizzabile per alcuni giorni Il sindaco Cannito interviene contro i responsabili del gesto vandalico
Vandali colpiscono ancora in vicoletto San Vitale Vandali colpiscono ancora in vicoletto San Vitale Decorazioni natalizie danneggiate da un atto vandalico
Sabotate luminarie natalizie a Barletta, ditta e Comune sporgono denuncia Sabotate luminarie natalizie a Barletta, ditta e Comune sporgono denuncia Pare che siano stati tranciati alcuni cavi elettrici
1 Vandali in azione in una stradina del centro storico di Barletta Vandali in azione in una stradina del centro storico di Barletta Le luminarie natalizie sono state distrutte da giovani irresponsabili lo scorso sabato
Parcometro distrutto a Ponente, «un atto vandalico costoso per la comunità» Parcometro distrutto a Ponente, «un atto vandalico costoso per la comunità» La nota del presidente del CdA di Bar.S.A. Alfonso Mangione
1 Buone notizie per l'orto botanico di Barletta: l'annuncio del sindaco Buone notizie per l'orto botanico di Barletta: l'annuncio del sindaco Avviato il cantiere per le analisi del terreno e per la successiva bonifica
Danni alla fontana della stazione di Barletta, i ragazzi chiedono scusa al Sindaco Danni alla fontana della stazione di Barletta, i ragazzi chiedono scusa al Sindaco I quattro accolgono l’appello del sindaco e s’impegnano a risarcire il danno provocato
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.