In bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella Gentile
In bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella Gentile
Eventi

In bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella Gentile

Un viaggio tra avventura e solidarietà per l'associazione umanitaria AMREF

Elezioni Regionali 2020
Un'esperienza unica e meravigliosa, che unisce la voglia di esplorazione alla solidarietà. Questo è il racconto di Antonella Gentile, ragazza barlettana che lo scorso anno ha deciso, in collaborazione con l'associazione umanitaria AMREF, di mettere alla prova sé stessa attraverso un lungo viaggio, avventuroso e di certo non alla portata di tutti, riuscendo a raccogliere fondi per la costruzione di pozzi d'acqua in Africa. Avevamo raccontato la sua storia già a novembre 2017, appena rientrata dalla sua avventura in city bike in giro per il mondo.

Questa sera alle ore 20:00 Antonella Gentile sarà ospite presso il Motel Woodstock (in via Duomo 26) per narrare in prima persona il suo particolare viaggio: lei ha mollato la vita di tutti i giorni, per partire da Roma, caricando un paio di borse su una city bike e iniziando a pedalare, e pedalare, e ancora pedalare, attraversando Italia, Austria, Germania, Danimarca e Svezia, fino a giungere in Norvegia.

In che momento hai maturato dentro di te l'idea di affrontare questa avventura?
«L'idea di partire in bicicletta è nata due anni fa come un gioco perché non avrei mai pensato di realizzare questo sogno. Ho chiesto sostegno a diverse strutture alberghiere ma non pensavo che avrebbero accolto positivamente la mia richiesta di sponsorizzare il mio viaggio. Quando ho visto tutto il calore che mi è stato dato, poiché con entusiasmo hanno accettato la mia proposta, ho deciso di concretizzare questo mio desiderio e di partire».

Ti sei sentita sola durante il viaggio?
«Sebbene sia partita sola non mi sono mai sentita sola durante il viaggio poiché ho incontrato tante persone. Molta gente mi ha offerto ospitalità e mi ha fatto sentire davvero a casa. Alcuni mi hanno accompagnato anche per piccoli tratti di strada».

La tua bicicletta è stata sempre al tuo fianco in questa iniziativa. Come potresti convincere i nostri concittadini barlettani ad usare più spesso la bicicletta per muoversi quotidianamente e per viaggiare?
«La bicicletta offre la possibilità di scrutare i particolari dei luoghi da cui si passa. Ci si sente davvero liberi usando questo mezzo. Andare in bici contribuisce a limitare tanti problemi delle città dove il traffico crea inquinamento che favorisce l'insorgere di malattie. L'Italia però non è un paese all'avanguardia dal punto di vista delle piste ciclabili poiché ce ne sono poche, spesso costruite senza criterio e con scarsa manutenzione. Bisognerebbe adeguarsi ad altri paesi che ho percorso come l'Austria, la Germania e la Svezia, un vero e proprio paradiso per i ciclisti».

Qual è l'episodio del tuo viaggio che più ti è rimasto nel cuore?
«Ciò che più mi ha colpito di questa esperienza è stato riscontrare l'umanità delle persone che mi hanno sempre rassicurato, ospitandomi e aiutandomi nei momenti di difficoltà, regalandomi oggetti che sono stati fondamentali durante il mio viaggio. È stata un'emozione incredibile anche raggiungere Capo Nord e realizzare che non fosse importante la meta ma tutto il viaggio che avevo fatto che mi ha dato tante emozioni. Quello che ho provato rimarrà per sempre nel mio cuore e nella mia mente».

In che modo i cittadini sensibili come te possono dare il loro contributo per sostenere cause umanitarie come questa?
«Durante il mio viaggio ho sostenuto un'associazione umanitaria Amref, invitando persone a donare all'associazione per costruire dei pozzi d'acqua in Africa. Quando ho iniziato questo viaggio ho visto una pubblicità su Facebook di Amref che parlava di donne costrette a percorrere tanti km per attingere acqua dai pozzi, donne che purtroppo viaggiano per necessità e non hanno la possibilità di esplorare territori come me. Per questo motivo ho collaborato ad una raccolta fondi e i cittadini possono ancora dare il contributo all'associazione andando sul sito di Amref».

Quale sarà la tua prossima avventura?
«Il mio prossimo viaggio in bici sarà in Cina, sempre a sostegno di Amref e sto già cercando sponsor che possano aiutarmi in questo progetto che realizzerò fra un anno. Chiunque voglia aiutarmi può contattarmi scrivendomi alla seguente e-mail iviaggidiantonella@gmail.com».
5 fotoIn bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella Gentile
In bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella GentileIn bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella GentileIn bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella GentileIn bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella GentileIn bicicletta da Barletta a Capo Nord, il racconto di Antonella Gentile
  • solidarietà
  • Viaggio
Altri contenuti a tema
Mascherine per l'Unitalsi, la solidarietà del network Viva e dell'azienda MyBrand Mascherine per l'Unitalsi, la solidarietà del network Viva e dell'azienda MyBrand La consegna è avvenuta sabato ad Andria
Case di lusso, l'offerta italiana attira investitori da tutto il mondo Case di lusso, l'offerta italiana attira investitori da tutto il mondo I clienti delle dimore esclusive cercano isolamento e tranquillità
2 Covid-19 e solidarietà, donate mascherine al reparto oncologia di Barletta Covid-19 e solidarietà, donate mascherine al reparto oncologia di Barletta Consegnate le mascherine personalizzate come dono per aiutare il personale sanitario
Barletta, estate e viaggi: ecco come funziona il bonus vacanza Barletta, estate e viaggi: ecco come funziona il bonus vacanza Un incentivo sia per chi vuole godersi una vacanza fuori, sia per quanti vogliono visitare Barletta
1 Da Barletta ai poveri di Roma, sono le orecchiette donate da Lino Banfi Da Barletta ai poveri di Roma, sono le orecchiette donate da Lino Banfi 100 chili di orecchiette e 500 barattoli di sugo per i senzatetto: il gesto di solidarietà dell'attore dal suo ristorante romano
Non si ferma la solidarietà, donate 250 mascherine e 14 termoscanner Non si ferma la solidarietà, donate 250 mascherine e 14 termoscanner Protagoniste le associazioni nazionali ANCRI (Cavalieri della Repubblica Italiana) e ANFI (Finanzieri d’Italia)
Solidarietà contro la paura, donate mascherine e gel igienizzanti Solidarietà contro la paura, donate mascherine e gel igienizzanti La donazione è stata consegnata alla Caritas di Barletta e Bisceglie, all'orfanotrofio di Trani e al poliambulatorio sociale
7 La battaglia di Emilia è terminata, la giovane mamma non c'è più La battaglia di Emilia è terminata, la giovane mamma non c'è più Tanti i messaggi di cordoglio da parte di amici e non solo
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.