COMMEDIA DEGLI ATTORI SPONTANEI BARLETTANI
COMMEDIA DEGLI ATTORI SPONTANEI BARLETTANI
Eventi

La commedia in vernacolo barlettano: tutto esaurito nella Multisala Paolillo

Apprezzamento dell'ente civico nelle parola del commissario Alecci

Grande successo di pubblico a Barletta per il grande ritorno in scena del teatro popolare dialettale dal vivo con la commedia "A' navicule sta' vacande" degli Attori Spontanei Barlettani nella Multisala Paolillo, dove si è registrato il "tutto esaurito" da record per le 300 poltrone dell'elegante platea.

Umorismo e vernacolo, risate e cultura popolare, divertimento e satira di costume nella commedia approdata alla diciannovesima replica a distanza di oltre due anni dal precedente "sold out" di domenica 1° marzo 2020, ultima rappresentazione dal vivo a Barletta prima del lockdown. Il Comune di Barletta ha patrocinato l'evento con un apposito decreto commissariale, riconoscendo la valenza socio-culturale dello spettacolo ed i suoi scopi di solidarietà tenuto conto che una significativa parte dell'incasso sarà devoluta ad attività filantropiche e di Volontariato del Territorio su espressa indicazione da parte di Pubblico e degli Sponsor.
5 fotoCOMMEDIA DEGLI ATTORI SPONTANEI BARLETTANI
DSC JPGDSC JPGDSC JPGDSC JPGDSC JPG
Ed è stato il Commissario straordinario dott. Francesco Alecci a sottolineare nel suo intervento alla ribalta per la consegna delle targhe di benemerenza il momento conclusivo: "Tutelare e tramandare alle nuove generazioni il patrimonio d'arte e della cultura più vera e popolare, un dovere per la città in questi tempi difficili". Ed a questo scopo, per fine anno è stata preannunciata la diffusione nelle Scuole cittadine di un volume con le foto ed i testi dei venti copioni in lingua dialettale scritti da Giggino Cafagna (protetti nei diritti d'autore dalla Siae).

I premiati: Associazione Ricreativa Culturale Attori Spontanei; Multisala Paolillo; Michele Cafagna, attore protagonista e regista; Antonella Porcelluzzi, attrice protagonista; Pamela Fiorella, attrice; Anna Lisa Desiderio, attrice; Nino Vinella, giornalista; Zingrillo.Com; Pasquale Comitangelo, attrezzature sceniche vintage e antiquariato; Bellino Ecometals Demolizioni; Falco Roberto Porte; I Dicataldo bontà alimentari; Circolo Culturale I Giganti; Renzo Leone, Audio One Service. Oltre al fotografo di scena Rino Lattanzio ed a Gianni Civita Studio per le riprese video.

Il copione e la relativa sceneggiatura appartengono alla più recente storia del teatro popolare dialettale dove il vernacolo barlettano regge il confronto con i fatti più quotidiani della vita di ogni giorno. E che rimescola tutti questi ingredienti nell'adattamento ai tempi nostri di quel copione in tre atti portato sul palcoscenico del cinema Dilillo nella primavera del 1976 con identico, straripante successo dall'indimenticabile autore e protagonista principale Giggino Cafagna.

Quarantasei anni dopo, si deve alla passione di suo figlio Michele l'aver saldato questo debito di riconoscenza con chi, in un certo modo, ha "inventato" il teatro dialettale barlettano nella seconda metà degli Anni Settanta mettendo a frutto la tradizione ed un certo gusto dell'ironia condito da generose doti di satira paesana.

Una invenzione… spontanea, affidata in principio all'istrionismo dei suoi pionieri (che recitavano a soggetto, come nei tempi del Carro di Tespi, cioè senza copione scritto) e poi man mano cresciuta, evolvendosi in forme creative destinate a tramandarsi per l'esistenza di trascrizioni con tanto di sceneggiatura, battute e quant'altro di utile nella "cassetta degli attrezzi" di chi il teatro non lo fa per mestiere ma per amore e tanto, tanto ma tanto sentimento.

Di copioni, come ha detto pubblicamente quella domenica sera del 1° marzo 2020 nell'ultima rappresentazione prima del lockdown e l'interruzione di tutti gli spettacoli dal vivo Michele Cafagna - due volte figlio (biologico e d'arte) di papà Giggino - al pubblico assiepatosi (oltre trecento spettatori comodamente seduti nelle poltrone rosse della stessa Multisala Paolilo), ne esistono addirittura diciotto: tanti quanti sono le commedie riproponibili in scena e, perché no?, da pubblicare in un volume da destinare al pubblico e così tramandare anche la scrittura del dialetto barlettano spesso soggetto a stravolgimenti poco credibili ma comunque suggestivi nella più genuina espressività.

Circa mezzo secolo dopo, l'eredità di questa singolare esperienza di vita popolare resta affidata ad una (temporaneamente) ristretta cerchia di attori, in una… palestra che Michele Cafagna conduce con tenacia e tantissima passione. "Il mio e tutto nostro desiderio? – dice – Rappresentare la commedia scritta da mio padre nel Teatro Curci, che proprio oggi festeggia i 150 anni dalla sua inaugurazione. Chissà…"

La "rentrée" di domenica 24 aprile, carica di tanta energia e voglia di sano spettacolo dal vivo, ha così archiviato la diciannovesima replica della commedia dal lontano debutto nel 1976 in questo tempo di ripresa e di ritorno ad una normalità dove riconoscersi sulla scena fra una battuta ed una risata può scacciare definitivamente l'emergenza dalla vita di ogni giorno.
  • Teatro
Altri contenuti a tema
Denuncia dal Teatro delle Lanterne: «R*Estate ad Andria? No, costa troppo partecipare al cartellone di eventi» Denuncia dal Teatro delle Lanterne: «R*Estate ad Andria? No, costa troppo partecipare al cartellone di eventi» ​«Le cifre richieste per le autorizzazioni previste in materia di pubblica sicurezza sono fuori dalla portata di una piccola realtà emergente come la nostra»
Corsi estivi di teatro a Barletta per bambini e adulti Corsi estivi di teatro a Barletta per bambini e adulti Il Teatro Fantàsia grazie alle lezioni di prova gratuita offre l’opportunità a tutte le persone interessate di provare in prima persona il corso, prima di iscriversi
Teatro Fantasia: replica straordinaria di “Spedizioni Don Chisciotte” Teatro Fantasia: replica straordinaria di “Spedizioni Don Chisciotte” «Credo che tutti noi siamo dei Don Chisciotte» dice l'attore Nicola Calabrese
La Medea a Roma con il contributo di Papaceccio La Medea a Roma con il contributo di Papaceccio Prodotta dalla compagnia Teatro Patologico e in scena presso il Teatro Argentina a Roma
Lo spettacolo "Attimi sospesi" in scena durante il fine settimana Lo spettacolo "Attimi sospesi" in scena durante il fine settimana «Si vuole parlare di quattro persone che tracciano le loro strade che per alcune sfumature si differenziano ma sfociano nella stessa piazza»
Con il Teatro Fantàsia va in scena "Spedizione Don Chisciotte" Con il Teatro Fantàsia va in scena "Spedizione Don Chisciotte" Le prossime rappresentazioni teatrali si terranno presso il Teatro Fantàsia in via Imbriani 144
Ritorna il teatro popolare dialettale in scena domenica il 24 aprile Ritorna il teatro popolare dialettale in scena domenica il 24 aprile Nella Multisala Paolillo in Corso Garibaldi 29 si registra il “tutto esaurito”
"Nuvole sparse": i nuovi appuntamenti teatrali sabato 9 aprile e domenica 10 "Nuvole sparse": i nuovi appuntamenti teatrali sabato 9 aprile e domenica 10 Tutte le rappresentazioni teatrali si terranno nella loro sede in via Imbriani 144, a Barletta.
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.