Carolina Crescentini
Carolina Crescentini
Eventi

Il sindaco Maffei alla presentazione di “20 sigarette”

Il film premiato alla 67ma mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Un punto di vista inedito su Nassiriya

Anche il Sindaco, ing. Nicola Maffei, ha partecipato ieri, nella Multisala Paolillo di Barletta, alla proiezione/presentazione di "20 sigarette", l'unico film italiano non in concorso premiato alla 67ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, ricevendo con voto unanime della giuria il Premio Controcampo.

Il film di Aureliano Amadei (un punto di vista inedito per raccontare la storia della strage di Nassiriya, l'uccisione di 19 italiani e diversi iracheni vittime di un attacco kamikaze) distribuito da Cinecittà Luce, è stato giudicato dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, «Un bellissimo film, molto vero, molto intenso, molto coinvolgente». Alla presentazione barlettana, organizzata dall'avv. Francesco Paolillo, presidente ANEC di Puglia e Basilicata (l'Associazione Nazionale Esercenti Cinema), sono intervenuti, insieme al primo cittadino ing. Nicola Maffei, il regista Aureliano Amadei; una dei protagonisti, l'attrice Carolina Crescentini; un superstite dell'attentato, il carabiniere biscegliese Antonio Altavilla. Moderatrice dell'incontro – dibattito la giornalista Floriana Tolve.

La trama: Aureliano Amadei è uno dei tanti ragazzi che sogna il cinema prima ancora di farne parte. Quando il cineasta Stefano Rolla gli propone il ruolo di assistente per un film, accetta la proposta per una missione in Iraq, dove trascorre poche ore, giusto il tempo di fumarsi un pacchetto di sigarette. Caso e sfortuna infatti decidono il suo destino: il 12 novembre 2003 si troverà vittima dell'attentato terroristico di Nassiriya. Rimarrà ferito ma abbastanza vivo da tornare in Italia per raccontare la sua storia e la verità. Dal fortissimo impatto visivo ed emotivo della scena centrale dell'attentato, che arriva sullo schermo come un cortocircuito, senza preavviso, con deflagrante veemenza audiovisiva si è catapultati sulla scena di guerra. L'opera prima di Amadei è un film iperrealista che non giudica, né prende posizioni politiche: racconta la guerra. Menzione obbligatoria per gli attori, da Vinicio Marchioni (Amadei nel film) a Carolina Crescentini, da Giorgio Colangeli ad Alberto Basaluzzo "perfetti" per misura e carattere. A Venezia il film ha ricevuto 14 minuti di applausi.

Sicuramente questo spunto di riflessione deve essere colto anche dal territorio pugliese perché sono spesso proprio i ragazzi del Sud (tra cui tantissimi barlettani), che, convinti di sopperire alla mancanza di opportunità di lavoro si arruolano ingrossando le fila dell'Esercito. "Eroi silenziosi" che decidono di regalare allo Stato la propria giovinezza e il proprio entusiasmo e che purtroppo si scontrano spesso con i pregiudizi dei malinformati pronti a scambiare i militari come assetati di guerra. Occorre invece manifestare profondo rispetto nei confronti di chi porta speranza e sicurezza oltre i nostri confini. Purtroppo oggi la pace è figlia di un lunghissimo percorso, talmente tortuoso, che a volte bisogna fare i conti con vittime il cui numero cresce paurosamente ogni giorno.
Aggiunge il Sindaco Maffei «Forti anche le grandi contraddizioni che emergono nel film: gioiosi bambini che giocano intorno a carcasse di auto distrutte o che inseguono le camionette militari si contrappongono alle strazianti scene di guerra; infermieri dell'ospedale che finalmente si sentono utili, perché l'accoglienza ai feriti dell'attentato non fa lesinare dotazioni e arredi, quasi per lenire il dolore o i danni subiti dai nostri militari e dallo stesso Aureliano; il cinismo e la speculazione di chi, forte della morte degli altri che non possono testimoniarlo, dichiara di essersi speso per salvare quante più vite possibili al fine di ricevere riconoscimenti o medaglie».

Infine, la motivazione che ha accompagnato la premiazione della pellicola: La densità del racconto ha il ritmo di una verità che, oltre ogni pregiudizio, diviene personale storia in cui si intersecano, con intelligenza e non senza qualche venatura di ironia, gli elementi dell'esercizio di libertà. Libertà dal proprio vissuto per inseguire un sogno, libertà dai propri pregiudizi per incontrare le persone, libertà dal proprio dolore per non indurre lo spettatore a sguardi prestabiliti.
  • Sindaco
  • Nicola Maffei
  • Cinema
  • Cinema Paolillo
Altri contenuti a tema
Tra cinema e cultura: successo per "A spasso con il South Italy" a Barletta Tra cinema e cultura: successo per "A spasso con il South Italy" a Barletta Tra gli ospiti della serata Giuseppe Arcieri, Francesco Arrivo, Mathias Rat e Rossella Gabriele
Il barlettano Giuseppe Arcieri unico italiano in giuria al Reels International Film Festival Il barlettano Giuseppe Arcieri unico italiano in giuria al Reels International Film Festival Il giovane è orgoglioso di rappresentare il Paese nell'evento che si tiene ad Aurangabad, Maharashtra
"C'è ancora domani" gratuitamente per le scuole secondarie di secondo grado "C'è ancora domani" gratuitamente per le scuole secondarie di secondo grado Per il film della Cortellesi proiezioni a partire dal 16 gennaio
1 Barletta tra arte e cinema: successo per "Corti di una Notte di Natale" Barletta tra arte e cinema: successo per "Corti di una Notte di Natale" La serata ha visto la proiezione di opere e l'intervento di professionisti del settore
Il TraniFilmFestival fa tappa anche a Barletta Il TraniFilmFestival fa tappa anche a Barletta Un programma itinerante per la 25^ edizione della manifestazione culturale
13 Cannito ritira le dimissioni: una lettera per chiarire la sua verità Cannito ritira le dimissioni: una lettera per chiarire la sua verità «Conflitti alimentati dal presidente del consiglio comunale Marcello Lanotte» spiega il sindaco. Lanotte estromesso dalla maggioranza
Il barlettano Giuseppe Arcieri premiato al New York International Cult Film Festival Il barlettano Giuseppe Arcieri premiato al New York International Cult Film Festival Ben due riconoscimenti per il cortometraggio "Passi di ritorno"
"Corti di una notte di terrore": a Barletta il cinema è protagonista "Corti di una notte di terrore": a Barletta il cinema è protagonista Domenica scorsa una serata tra proiezioni, teatro, arte e degustazioni
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.