Il sindaco Cannito e il rapper Marco Baruffaldi
Il sindaco Cannito e il rapper Marco Baruffaldi
Eventi

Il rapper Marco Baruffaldi al Liceo Scientifico di Barletta

L'artista che si batte contro il bullismo ha incontrato gli studenti col sindaco Cannito

«Il bullismo è una forma di violenza particolarmente odiosa perché prende di mira chi è più indifeso, più sensibile e viene annichilito e terrorizzato ed è per questo che io considero Marco un eroe dei nostri giorni e lo ammiro per la sua forza, il suo coraggio e la sua determinazione». Lo ha detto ieri il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, intervenendo al liceo scientifico "Cafiero" di Barletta all'incontro organizzato dall'insegnante Angela Doronzo, della scuola "Modugno", con Marco Baruffaldi, il rapper italiano con la sindrome di Down che è diventato un simbolo e un testimonial della lotta al bullismo, essendone stato in passato vittima. All'incontro hanno partecipato molte scolaresche cittadine e, fra i relatori, il garante regionale per i diritti delle persone con disabilità Giuseppe Tulipani e la dirigente comunale delle politiche sociali Santa Scommegna.

«Il lavoro più importante – ha aggiunto il sindaco Cannito – lo si deve fare nelle famiglie, educando i bambini al rispetto per gli altri e al fatto che la diversità è un valore in quanto occasione di confronto e arricchimento». «Mi impegno – ha concluso il primo cittadino – a nome dell'amministrazione comunale a essere determinati nel fare la nostra parte contro questo odioso fenomeno che è un problema che, come dice Marco, può riguardare tutti e non si deve sottovalutare». Il sindaco ha donato a Marco Baruffaldi alcune pubblicazioni su Barletta e gli ha lasciato il palco.

«Sono molto contento e onorato di essere in questa città – ha detto Baruffaldi – perché ogni occasione è buona per parlare di bullismo e dare forza a chi ne è oppresso».
  • Musica
  • Liceo Scientifico "C. Cafiero"
Altri contenuti a tema
Il "Cafiero" si sfida a colpi di quiz per stare insieme Il "Cafiero" si sfida a colpi di quiz per stare insieme Marano: «Capita, a volte, che la Scuola si faccia Scuola anche fuori dalla Scuola»
“Da Bach a Rach" il barlettano Frezza racconta i grandi con disincanto “Da Bach a Rach" il barlettano Frezza racconta i grandi con disincanto «Spero di poter presto presentare il mio nuovo progetto in pubblico, per ritrovare finalmente dal vivo i miei lettori»
Primo Maggio con Viva, doppio appuntamento in diretta Primo Maggio con Viva, doppio appuntamento in diretta La mattina musica e approfondimento con “Prima di Maggio - Viva il lavoro”, nel pomeriggio l’inedito show “Mai dire Primo Maggio”
I Moderat tra i vinili: alla scoperta della trilogia metropolitana I Moderat tra i vinili: alla scoperta della trilogia metropolitana Tra le tracce degne di nota per Luigi c'è: "Let in the Light"
"In the end" dei Linkin Park: in un attimo di nuovo il 2000 "In the end" dei Linkin Park: in un attimo di nuovo il 2000 Un "cane nero" pian piano consuma la figura carismatica di Chester Bennington conducendolo all'incontro con una "vecchia amica"
5 aprile 1994: muore Kurt Cobain dei Nirvana 5 aprile 1994: muore Kurt Cobain dei Nirvana Il gruppo diede voce al disagio e all'apatia di un'intera generazione: la generazione X
“La Moldava” di Bedrich Smetana: Come sulle montagne russe “La Moldava” di Bedrich Smetana: Come sulle montagne russe La melodia si fa danzante e immagino sempre delle dame impegnate in un ballo con i loro compagni in una maestosa corte
"La Finestra sul comò": le vostre recensioni condivise su BarlettaViva "La Finestra sul comò": le vostre recensioni condivise su BarlettaViva Un modo per scegliere la prossima stagione Netflix da guardare o il prossimo libro da ordinare
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.