Crollo via Curci
Crollo via Curci
La città

Il dramma di via Curci e la voce degli sfollati, «l'assistenza alle famiglie continuerà»

L'assessore Salvemini rassicura: «Garantiremo le prime mensilità»

Senza casa per una assurda fatalità. Nel crollo di via Curci il dramma è stato vissuto direttamente sulla pelle dai tre feriti gravi, ma prosegue anche nelle ferite meno vistose, ma comunque pulsanti delle famiglie costrette all'improvviso a lasciare le loro case per sempre.

Sono circa 40 le persone sfollate da quell'area ancora sotto sequestro, e per molte di loro non ci sarà alcuna possibilità di ritornare lì, poiché alcuni stabili sono destinati all'abbattimento a causa dell'inagibilità causata dal crollo del 16 giugno scorso.

Venerdì scorso si è svolto a Palazzo di città un ulteriore incontro con queste famiglie, alle quali sono stati assegnati assistenti sociali per garantire un dialogo costante con l'amministrazione comunale. Alcune famiglie hanno già individuato delle possibili soluzioni abitative, ma per altre domina ancora l'incertezza. «Ci hanno sollecitato a trovare una casa, il problema è che per molti di noi la situazione è complessa - ci racconta con grande turbamento Francesca, una delle cittadine rimaste senza casa dopo il 16 giugno - Nessuno di noi aveva previsto tutto questo e trovare una soluzione in così pochi giorni non è facile: io non ho una busta paga, dobbiamo trovare qualcuno che ci dia fiducia. Ci occorre una mano a trovare casa, per avere la certezza di un tetto sulla nostra testa».

Al momento è prenotato l'alloggio per queste famiglie fino a giovedì - 1 luglio - e dopo questa data cosa accadrà? Questo limite è stato identificato «per una semplice questione organizzativa» spiega Maria Anna Salvemini, assessore comunale ai Servizi Sociali. Da venerdì infatti non tutte le strutture ricettive sono state in grado di vincolare la propria disponibilità per via delle prenotazioni già in essere di turisti e viaggiatori. «L'assistenza da parte del Comune alle famiglie continuerà anche dal 2 luglio in poi» assicura l'assessore, che ribadisce: «Garantiremo il pagamento delle prime tre mensilità di fitto e le spese necessarie per sostenere l'emergenza, ma a chi non avrà ancora individuato una soluzione, continueremo a provvedere attraverso le strutture ricettive disponibili».

L'appello condiviso è di garantire a queste sfortunate famiglie una casa. Per tutti, nessuno escluso. Barletta ha sempre dimostrato grandi slanci di solidarietà in occasioni del genere: il supporto da parte di chiunque possa fornire un supporto sarà sicuramente apprezzato.
  • Grandi emergenze
  • Crollo
Altri contenuti a tema
Gli studenti di Barletta ricordano le vittime del crollo di via Canosa Gli studenti di Barletta ricordano le vittime del crollo di via Canosa Questa mattina la commemorazione in via dei Pini
Ricorre il 63° anniversario del crollo di via Canosa Ricorre il 63° anniversario del crollo di via Canosa Venerdì alcune cerimonie di commemorazione
1 Crollo di Via Roma, pene ridotte e rimodulate Crollo di Via Roma, pene ridotte e rimodulate Ormai sono undici anni dalla tragedia che ha portato alla morte di cinque donne
L'ultimo saluto Maria Luigia Gorgoglione e Cosmo Damiano Imbriola, testimoni del crollo di via Canosa L'ultimo saluto Maria Luigia Gorgoglione e Cosmo Damiano Imbriola, testimoni del crollo di via Canosa Scomparsi nelle scorse settimane, a loro è legato il tragico episodio del 1959
"Via Roma, colorare la memoria": il progetto di rigenerazione dello spazio urbano "Via Roma, colorare la memoria": il progetto di rigenerazione dello spazio urbano Le opere di De Nittis per le cinque donne
Le compagne di classe ricordano Maria nel giorno del crollo di via Roma Le compagne di classe ricordano Maria nel giorno del crollo di via Roma Il ricordo per i dieci anni dal crollo
Via Roma, 10 anni dopo il crollo Via Roma, 10 anni dopo il crollo Cerimonia di commemorazione in ricordo delle cinque vittime: il cordoglio della città
Crollo di via Roma, 10 anni fa la tragedia che sconvolse Barletta Crollo di via Roma, 10 anni fa la tragedia che sconvolse Barletta Oggi alle 12.21 esatte un minuto di silenzio
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.