Portafogli
Portafogli
Cronaca

Il Coronavirus mette a dura prova le partite IVA: «Non ci stanno aiutando»

Giuseppe, parrucchiere 32enne di Barletta: «Bisogna aiutare tutti a risollevarsi»

Elezioni Regionali 2020
Si attende ancora il decreto attuativo per conoscerne le modalità di richiesta, ma tra le misure previste dal decreto "Cura Italia" per far fronte all'emergenza economica, vi è il bonus pari a 600 euro destinato a lavoratori autonomi e a possessori di partite IVA che siano iscritti alla gestione separata dell'INPS.

La misura, pensata per colmare quanto non incassato nel mese di marzo, sarà presumibilmente estesa anche a quello di aprile. Un contributo utile ad integrare i mancati guadagni di queste categorie di lavoratori, ma per molti insufficiente ad attutire il colpo.

Giuseppe, parrucchiere 32enne di Barletta, è tra gli insoddisfatti delle misure prese dal Governo e si affida ai social per comunicarlo, prima di contattarci. «Non ci stanno aiutando» ci dice, facendosi portavoce di un sentire comune a molti titolari di partita IVA, sgomenti e incerti per il loro futuro. «Ai nostri figli – auspica Giuseppe – dovremo poter dire non solo di aver vissuto quest'emergenza, ma anche di averla superata».

«Stanno lasciando morire le piccole partite IVA, non si sono preoccupati di molta gente – prosegue – Bisogna aiutare tutti a risollevarsi». La sua attività è al momento chiusa, non rientrando tra i servizi di primaria necessità, ma le spese non si sono certo fermate. Le bollette continuano ad arrivare e il canone di affitto del salone non può non essere pagato.

Quella di Giuseppe è la situazione di molti altri lavoratori e dimostra come, sebbene il bonus di 600 euro potrà offrire un parziale ristoro delle somme non guadagnate, non sarà una misura sufficientemente calibrata per garantire sicurezza a tutti i lavoratori. «Lo Stato dovrebbe tutelare tutti – osserva il trentenne – ma se non dovessi pagare l'affitto del mio locale mi attenderebbe lo sfratto». Così, la provocazione: «Sarei disposto a chiudere la mia Partita IVA».

Il tema economico e quello del lavoro occuperanno lo spazio successivo all'attuale emergenza sanitaria. «Abbiamo bisogno di tutte le leve pubbliche per risollevare il Paese, perché le conseguenze potrebbero essere molto gravi» ha detto ieri il Ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano. La più grande crisi dal secondo dopoguerra, l'ha definita il Premier Conte, il cui scenario è del tutto ignoto.

È forse per questo che bisogna attendere, seppur nell'incertezza e nello sconforto di molti, che l'allarme sanitario venga del tutto superato prima di poter tirare le somme dei provvedimenti tampone presi sino ad oggi.
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

765 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid-19, altri 9 casi in Puglia. Si registra un decesso nel foggiano Covid-19, altri 9 casi in Puglia. Si registra un decesso nel foggiano C'è un caso di ripositivizzazione ad Andria. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 865 test
Coronavirus, 8 contagi in Puglia: sei solo nel foggiano Coronavirus, 8 contagi in Puglia: sei solo nel foggiano Il direttore generale dell'Asl Foggia, Vito Piazzolla: «Situazione sotto controllo»
Viaggi in treno, il ministro Speranza: «Obbligo di mascherina e distanziamento» Viaggi in treno, il ministro Speranza: «Obbligo di mascherina e distanziamento» Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l'ordinanza con cui si impedisce di occupare tutti i posti sui convogli
1 Covid-19, brusco aumento dei contagi: focolaio nel foggiano Covid-19, brusco aumento dei contagi: focolaio nel foggiano Nelle ultime 24 ore si registrano 20 casi positivi al Coronavirus
Coronavirus, 2 nuovi casi in Puglia. Sta bene il bimbo di 4 mesi Coronavirus, 2 nuovi casi in Puglia. Sta bene il bimbo di 4 mesi Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1862 test
Covid-19, tre nuovi casi su 2441 test: tutti nel leccese Covid-19, tre nuovi casi su 2441 test: tutti nel leccese Nelle ultime 24 ore non si sono registrati decessi
Emergenza sangue, l’appello del sindaco Cannito ai barlettani a donare Emergenza sangue, l’appello del sindaco Cannito ai barlettani a donare «Io vi prego di donare perché quella sacca di sangue può servire a salvare una vita»
Covid-19, 10 nuovi casi in Puglia. «Sotto controllo» il focolaio leccese Covid-19, 10 nuovi casi in Puglia. «Sotto controllo» il focolaio leccese Nelle ultime 24 ore sono stati registrati  2454 test
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.