Comitato per l’ordine e la sicurezza con il commissario Antiracket
Comitato per l’ordine e la sicurezza con il commissario Antiracket
Istituzionale

Il commissario del governo per l'antiracket Nicolò in Prefettura: «Nella Bat le estorsioni ci sono, serve denunciare»

Questa mattina Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica

«I fatti estorsivi e l'usura in questa provincia ci sono, ma serve denunciare per poter contrastare questi fenomeni». Le parole del commissario staordinario del governo per l'antiracket e l'antiusura Maria Grazia Nicolò non lasciano spazio a interpretazioni: nella Bat l'usura c'è ma mancano le denunce. A margine del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è svolto a palazzo di governo alla presenza del prefetto Rossana Riflesso, dei procuratori di Trani e Foggia, i sindaci dei dieci comuni della Barletta - Andria - Trani, le associazioni di categoria e i vertici delle forze dell'ordine il commissario Nicolò ha voluto tracciare un quadro della situazione.

«Le denunce - ha spiegato Nicolò - non servono soltanto per accedere al fondo, ma anche per un procedimento penale. Il contributo della vittima, dal momento in cui si costituisce parte offesa in un procedimento penale è fondamentale in quella che è l'attività di contrasto ai fenomeni del racket e dell'usura». Per Nicolò alla base della mancanza di denunce c'è «un fatto culturale. Noi dobbiamo in tutti i modi cercare di far capire alla vittima che denunciare, affrancarsi dalla criminalità, vuol dire riappropriarsi della propria libertà e della propria dignità personale, rivivere».

Un altro degli obiettivi fissati per aumentare il numero delle denunce è quello di «cercare di incentivare la rete e la sinergia tra lo Stato e le associazioni che operano sul territorio, associazioni antiracket e antiusura che maggiormente conoscono l'humus territoriale e sono composti da commercianti, imprenditori, e possono intercettare ancora prima, chiaramente, quelle che sono le situazioni di difficoltà del mondo imprenditoriale e sostenerli nella fase della denuncia e nella costituzione di parte civile nei procedimenti, e anche nell'accesso al fondo di solidarietà». Dal commissario Nicolò anche un riferimento alle associazioni antiracket invitate a «vivere maggiormente il territorio» e alla recente polemica sulla possibile chiusura dello sportello antiracket di Canosa. «Lo sportello di Canosa - ha chiosatò Nicolò - non ha chiuso, sarà operativo e sarà presente un soggetto - che sarà un imprenditore, un commerciante - non un numero di telefono ma una presenza fisica».
  • Prefettura
Altri contenuti a tema
Festività di Pasqua, rafforzate le misure di sicurezza nella Bat Festività di Pasqua, rafforzate le misure di sicurezza nella Bat A stabilirlo il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica
Riunito in Prefettura il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica Riunito in Prefettura il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica Tra i temi l'esplosione di una bomba carta nelle vicinanze di un'attività commerciale a Canosa
Progetto S.Pr.INT.2, in Prefettura a Barletta il seminario finale di progetto Progetto S.Pr.INT.2, in Prefettura a Barletta il seminario finale di progetto Saranno illustrati i risultati raggiunti
Rissa in discoteca a Trani, ferita una ragazza: scattano i sigilli Rissa in discoteca a Trani, ferita una ragazza: scattano i sigilli Ieri nella sede della Prefettura di Barletta si è riunito il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica
Il commissario del goveno per l'antiracket domani in Prefettura Il commissario del goveno per l'antiracket domani in Prefettura Maria Grazia Nicolò parteciperà al comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza
"Patti per la sicurezza": rinnovano Margherita di Savoia, Minervino Murge, San Ferdinando e Spinazzola "Patti per la sicurezza": rinnovano Margherita di Savoia, Minervino Murge, San Ferdinando e Spinazzola La firma in Prefettura a Barletta
Rimosso dalle acque di Barletta un ordigno bellico della seconda guerra mondiale Rimosso dalle acque di Barletta un ordigno bellico della seconda guerra mondiale La bomba da 100 libbre (circa 45 kg) è stata fatta brillare in una cava a Corato
Si rinnovano gli accordi previsti nei Patti per la Sicurezza Urbana Si rinnovano gli accordi previsti nei Patti per la Sicurezza Urbana Martedì in Prefettura saranno coinvolti i Comuni di Margherita di Savoia, Minervino Murge, San Ferdinando di Puglia e Spinazzola.
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.