Benzina
Benzina
Territorio

Gasolio "impuro" in Puglia, è allarme sui social

Giunge la replica dell'Eni dopo la varie segnalazioni diventate virali su Whatsapp

Gasolio alterato e automobilisti in panne, e un allarme diventato virale sui social e su Whatsapp. Sono in molti, in tutta la Puglia, a lamentare problemi ai propri veicoli dopo aver fatto il pieno di gasolio. Nella maggior parte dei casi l'auto non riesce a mettersi in moto, in altri frangenti invece il motore stenta e non si riesce a gestire il veicolo. Grande lavoro per i meccanici, quindi, che in molti casi sono stati costretti a rinviare gli appuntamenti con i clienti per i controlli periodici per poter affrontare la mole di problemi derivati dalla diffusione del carburante alterato. A quanto è dato sapere il gasolio sembrerebbe essere non raffinato, e in molti sono stati costretti a chiamare il carro attrezzi per far portare la propria automobile al concessionario per controllare il problema.

Pare che il carburante di tale tipologia vada ad intaccare il gruppo iniezione: nei casi meno gravi basta una pulizia e la sostituzione del filtro gasolio con spese che si aggirano intorno ai 300-400 euro. Nei casi peggiori si arriva a dover cambiare la pompa, con aggravio di costi non indifferenti.

La Guardia di Finanza ha avviato controlli e prelievi nelle stazioni di servizio, soprattutto in quelle segnalate dagli utenti danneggiati, e ha inviato i campioni al laboratorio del ministero dell'Economia di Bari, con lo scopo di arrivare a comprendere in che modo sia stato alterato il carburante.

Dopo le numerose segnalazioni, girate in modo virale soprattutto su Whatsapp da diversi utenti, Eni ha reso nota la propria posizione con una nota: "Eni conferma che il gasolio spedito dalla raffineria di Taranto rispetta tutti i requisiti di qualità previsti, per cui si esclude categoricamente che le presunte anomalie possano essere imputabili alla raffineria. Sono tuttora in corso approfondimenti sulla catena di distribuzione a valle per accertare le cause dei disservizi subiti".
  • Energia
  • Segnalazione
Altri contenuti a tema
La certificazione energetica, tutto quello che c’è da sapere La certificazione energetica, tutto quello che c’è da sapere Un approfondimento sul tema
Caro energia, in Puglia 11% dei consumi solo per la produzione del cibo Caro energia, in Puglia 11% dei consumi solo per la produzione del cibo Stretta su aziende a chilometro zero per ridurre i costi
Un parco eolico con 80 turbine in mare potrà sorgere al largo di Barletta Un parco eolico con 80 turbine in mare potrà sorgere al largo di Barletta Pubblicata la richiesta di concessione demaniale: il progetto riguarda il tratto costiero fino a Bari
Autonomia energetica delle imprese: le agevolazioni economiche Autonomia energetica delle imprese: le agevolazioni economiche La svolta green delle misure regionali con aiuti fino al 60% dei costi per la realizzazione di impianti di energia da fonte rinnovabile
Torna l'ora legale, sabato lancette un’ora in avanti tra le 2 e le 3 di notte Torna l'ora legale, sabato lancette un’ora in avanti tra le 2 e le 3 di notte Resterà in vigore fino al 29 ottobre
16 Emissioni nella zona industriale di Barletta, allerta per la qualità dell’aria Emissioni nella zona industriale di Barletta, allerta per la qualità dell’aria Cianci, Operazione Aria Pulita: «L’azienda dovrebbe rispondere alle segnalazioni e chiarire la natura di questi fumi»
Energia, la fine del mercato di maggior tutela Energia, la fine del mercato di maggior tutela Un approfondimento sul tema a cura di NoiEnergia
2 Sotto l'albero... rifiuti al posto dei regali Sotto l'albero... rifiuti al posto dei regali La segnalazione da zona Settefrati
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.