IMG JPG
IMG JPG
Eventi

"Frammenti di storie semplici", il libro scandalo di Roberto Oliveri del Castillo

«La storia della solitudine di un giudice che nonostante tutto crede ancora nella giustizia»

A seguito dell'uscita in libreria del volume intitolato "Frammenti di storie semplici", tutti hanno gridato allo scandalo. L'autore, Roberto Oliveri del Castillo ha presentato il suo libro venerdì scorso presso il punto "Einaudi" di Barletta.

Pare lecito domandarsi il motivo di tanto clamore. Roberto Oliveri del Castillo è un magistrato che opera a Bari dal 1991 e decide di narrare il viaggio interiore di un giudice senza nome, il quale nonostante il marcio della società in cui viviamo, svolge il suo lavoro onestamente. Il racconto è un perfetto dipinto del mondo che abitiamo; una nazione, una regione e una città caratterizzati dalla corruzione e dall'ingordigia. Gli eventi narrati sembrerebbero dunque rimarcare alcune storie realmente accadute. Racconti di magistrati, forze dell'ordine e piccole umane miserie. Ma, laddove nel pubblico sorge l'idea che si tratti di un libro autobiografico, lo scrittore afferma il contrario. Il giudice senza nome, protagonista delle vicende, non è di certo un eroe tipico dei romanzi ottocenteschi. È un uomo che ogni giorno sceglie di essere più forte dei corrotti, un lavoratore che dice no alle mazzette sotto banco e che disprezza coloro che inseguono notorietà e denaro. È un uomo semplice. «Le storie che ho partorito ­– afferma lo scrittore – sono semplici, poiché semplici sono i personaggi che il protagonista ha incrociato durante il suo cammino. Il giudice stesso ricorda il lettore di fare il proprio dovere ogni giorno, schivando l'idea di sentirsi sempre degli eroi». Tuttavia, come ha tenuto a precisare Antonietta Curci, docente di Psicologia Generale, Metodologia della Ricerca Psicologica e Psicologia della Testimonianza :«In ognuno dei personaggi si intravede una certa complessità; la stessa emotività del giudice non si potrebbe che definirla in questi termini».

La complessità dei volti presenti e dei paesaggi inseriti è tale, che lo scrittore ha realizzato il libro dopo dieci anni di lavoro. «Continuerò a "fare" il magistrato – ha tenuto però a precisare Roberto Oliveri del Castillo – perché è ciò che sono. Il lavoro dello scrittore – sorridendo – lo lascio fare a quelli bravi». Alla presentazione del libro era presente anche l'avvocato Luigi Paccione. «Non ritengo che il volume – sottolinea l'avvocato – si possa definire di denuncia. Preferisco considerarlo come la storia della solitudine di un giudice che nonostante tutto crede ancora nella giustizia».

Dunque, nonostante tutto, Roberto Oliveri del Castillo parla di speranza. «Il mio libro non è un testo di denuncia e/o autobiografico. Quando un'opera viene consegnata al pubblico, essa non appartiene più allo scrittore, per tanto il lettore può vederci ciò che desidera». Il mio libro vuol conferire speranza ai giovani, per questa ragione ho dedicato la sua uscita ai miei figli.
Presentazione del libro Presentazione del libro IMG JPGPresentazione del libro Presentazione del libro
  • Presentazione libro
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Piazza Principe Umberto, si ricorre alla Procura della Repubblica Piazza Principe Umberto, si ricorre alla Procura della Repubblica L'esposto, presentato da Grazia Desario, riguarda la recinzione dell'ex Ospedale Civile
Trasferito a Roma il magistrato barlettano Antonio Savasta Trasferito a Roma il magistrato barlettano Antonio Savasta Lo ha richiesto lui stesso dopo il procedimento del Csm
Erri De Luca ospite a Barletta per presentare "La natura esposta" Erri De Luca ospite a Barletta per presentare "La natura esposta" Appuntamento alle ore 19:00 nella sala rossa "Palumbieri"
Ipotesi di disastro ambientale, Cascella: «Il comune sarà coerente» Ipotesi di disastro ambientale, Cascella: «Il comune sarà coerente» «Abbiamo tutti il dovere di tutelare salute e vivibilità»
Disastro ambientale a Barletta, richiesta di rinvio a giudizio Disastro ambientale a Barletta, richiesta di rinvio a giudizio Cianci: «Speriamo in provvedimenti che possano rasserenare i barlettani»
Colpi di pistola contro Ventura, otto anni ai due del commando armato Colpi di pistola contro Ventura, otto anni ai due del commando armato Il capogruppo PD barlettano si è costituito parte civile
“Mi chiamo Sabrine”, la giovane Aouni fa riflettere Barletta “Mi chiamo Sabrine”, la giovane Aouni fa riflettere Barletta La lotta al razzismo dalla trincea dell'adolescenza
Ancora sull'edilizia barlettana: assolti Zito e Prascina Ancora sull'edilizia barlettana: assolti Zito e Prascina Il processo era uno stralcio di "Paradisi Perduti"
© 2001-2017 BarlettaViva è un portale gestito da Sviluppo Massivo sas. Partita iva 06237280729. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.