Amianto
Amianto
La città

Eternit nelle scuole, il male colpisce i bambini

Le vittime dell’incuria sono spesso le categorie più deboli

Tetti di plessi scolastici e di palestre in eternit: fantasma che dagli anni '90 è stato l'incubo dei genitori, e che sembra non essersi ancora sopito.

Di solito nelle scuole l'amianto è stato utilizzato come materiale di rivestimento delle strutture per aumentarne la resistenza al fuoco, o nei pannelli per le controsoffittature, o ancora nei pavimenti delle aule e delle palestre (vinil-amianto). Se nelle strutture scolastiche è presente l'amianto o il gas radon (altro grande pericolo per ambienti chiusi come le scuole), l'amministrazione locale deve procedere ad una bonifica totale. Questo non sempre è stato fatto. E spesso non solo a causa di mancati controlli.

Risale solo allo scorso febbraio la notizia che ha catalizzato l'attenzione dei genitori romani: alla scuola Anna Magnani di Roma, sul tetto del plesso scolastico, sono presenti 20 serbatoi d'acqua in eternit privi di qualsiasi forma di sicurezza. E ancora da Roma: è datata marzo 2010 la notizia del ritrovamento di amianto del tipo crisotilo nella pavimentazione della scuola Bitossi della Balduina e anche in una sala adibita a mensa. La denuncia è dei genitori, sempre attenti alla salute dei propri figli. Davvero tragica è la situazione nel Lazio, in cui ogni anno l'amianto miete tra le 50 e le 80 vittime. Ancora più spiazzante è la vicenda di Rutigliano: a fine febbraio diverse lamine di amianto furono abbandonate vicino ad un cassonetto proprio di fronte alla scuola elementare della città, senza il minimo rimorso o preoccupazione per chi – soprattutto bambini – avrebbe potuto facilmente avvicinarsi e respirare l'aria contaminata.

Ma se ne sentono ancora di tutti i colori, vedi lo scandalo di tracce di amianto nel talco per bambini distribuito in tutto il mondo dalla ditta tedesca Napa. Questa volta sono stati i cinesi a cadere nel tranello di un'importazione contaminata. Tutto questo è da aggiungersi ai già diffusissimi guai causati dal latte alla melanina. Insomma, nemmeno i più piccoli vengono risparmiati, anzi, appartenendo ad una delle categorie più deboli del meccanismo sociale, essi rappresentano la classe maggiormente indifesa di fronte a usi – e abusi – da parte di scriteriati per cui la sicurezza è un optional. Si parlò di "strage" nel luglio 2009 quando giunse in prima pagina la drammatica situazione delle scuole torinesi: «L´incubo amianto nelle scuole torna a colpire l´attenzione del pm Raffaele Guariniello, questa volta per un dato preoccupante che riguarda i casi di malattie professionali da mesotelioma pleurico contratti dagli insegnanti. Ben 27 docenti torinesi infatti negli ultimi anni sono deceduti a causa del tumore provocato dalle fibre tossiche. E sulla scrivania del procuratore, da sempre sensibile ai problemi legati all´amianto, continuano ad arrivare segnalazioni da parte dell´osservatorio torinese dei tumori professionali», questo quanto si può leggere sulle pagine online de La Repubblica di Torino.

E' evidente come il problema amianto nelle scuole sia quanto mai trasversale, attraversando il Nord e il Sud Italia in egual maniera, riscontrando disinteresse e incuria da parte di cittadinanza e amministrazioni. A questo punto cosa si può fare? L'invito è a guardarsi intorno, osservare e denunciare. Purtroppo la presenza di eternit nelle scuole è accertata, il problema sorge allorché non vi siano le dovute precauzioni in caso di rottura del materiale: ricordiamo che in tal caso la bonifica è obbligatoria per legge.
  • Amianto
  • Salute pubblica
Altri contenuti a tema
Studio dentistico Allegretti, centro d’eccellenza in protesi ed implantologia Studio dentistico Allegretti, centro d’eccellenza in protesi ed implantologia Una struttura di riferimento sul territorio per prevenzione e cura delle patologie del cavo orale
Universalab cresce: da Bisceglie diventa franchising e si espande a Monopoli Universalab cresce: da Bisceglie diventa franchising e si espande a Monopoli «Dopo tanti successi ora è tempo di ampliare»
Nella Bat oltre ad Andria e Barletta si torna a nascere a Bisceglie Nella Bat oltre ad Andria e Barletta si torna a nascere a Bisceglie L'ostetricia e ginecologia del Vittorio Emanuele II era stata dedicata alle donne positive al Covid
Lotta al Covid-19, proseguono le somministrazioni dei vaccini nella Bat Lotta al Covid-19, proseguono le somministrazioni dei vaccini nella Bat Percentuali confortanti per la sesta provincia
Barletta aderisce alla “Giornata mondiale della spina bifida ed idrocefalo” Barletta aderisce alla “Giornata mondiale della spina bifida ed idrocefalo” ​L’A.S.B.I. Puglia invita la cittadinanza ad indossare il 25 ottobre un nastrino di colore verde
"Cardio Check Up", l'iniziativa di Farmacia Basile Borgia per la salvaguardia del cuore "Cardio Check Up", l'iniziativa di Farmacia Basile Borgia per la salvaguardia del cuore Iniziativa attiva fino al 21 maggio presso la sede di via Canosa 142/d
Castelli di sabbia e amianto, giochi pericolosi sulla spiaggia di Barletta Castelli di sabbia e amianto, giochi pericolosi sulla spiaggia di Barletta Spiacevole episodio oggi a Ponente: evitare sempre di toccare i frammenti, attenzione soprattutto ai bambini
Cone-Beam, tecnologia di ultima generazione per la radiologia Cone-Beam, tecnologia di ultima generazione per la radiologia Lo strumento avanzato presente nello studio radiologico Pansini di Barletta
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.