Vandalismo a Barletta
Vandalismo a Barletta
La città

Emergenza vandalismo a Barletta

Nell’attesa delle istituzioni è il cittadino che deve farsi sentire

Dopo i danneggiamenti nei pressi della sala consiliare, in questa città credevamo davvero di aver toccato in fondo. E invece no, a Barletta si comincia decisamente a scavare, e anche di gran lena. Questo è il pensiero che ci è subito balzato in mente dopo il grave danneggiamento perpetrato alle tastiere degli ascensori dell'ospedale Monsignor Dimiccoli da parte di gente che a questo punto definire incivile ci pare quanto mai riduttivo.
"Houston abbiamo un problema", direbbero affannati e sudaticci i protagonisti dei film americani su asteroidi, testate nucleari e trivellatori spaziali.

"Barletta, abbiamo troppi idioti", è invece l'urlo di forte indignazione via social (e non solo) che viene fuori ogni giorno di più da cittadini ormai esasperati da tanta maleducazione, tanta inciviltà e purtroppo tanta, troppa impunità. In molti pongono l'accento sulla mancata sorveglianza, ma diciamoci una volta per sempre la verità: tra vandalismo, schiamazzi notturni, rifiuti sparsi ovunque e consumo di alcool e droghe come non ci fosse un domani, non è eresia affermare che in questa città ci vorrebbe quasi una guardia per ciascuno di noi. Sul nostro pensiero in merito a come si è giunti a questa situazione non vogliamo ripeterci in quanto rischieremmo di essere "emozionanti" come una tribuna politica degli anni Sessanta.

E neanche ci va di ripetere il solito appello alle istituzioni preposte che francamente inizia a stancare noi cronisti per primi, figuriamoci il lettore. Quel che in questa sede chiediamo è stavolta una ferma presa di posizione collettiva da parte di tutti i cittadini, e se possibile di evitare, da parte di alcuni, l'ergersi a improvvisati sociologi e "paladini degli ultimi". Quelli del partito del "non giudicate" tanto per intenderci, soprattutto quando determinate bravate finiscono male per chi le commette.

Sì, perché già immaginiamo cosa sarebbe successo se malauguratamente uno dei minus habentes che ha divelto la tastiera degli ascensori fosse rimasto folgorato. Avremmo da una parte quelli dell'immancabile "se l'è cercata", e dall'altra magari alcuni conoscenti, i quali negando di essere tali, vista l'evidenza dei fatti, si rifugerebbero ipocritamente nel già citato "non giudicate". E' soprattutto a questi ultimi che è rivolto questo appello. Specialmente a coloro che magari questi potenziali cretini sfascia-ascensori ce li hanno in casa.
  • Vandalismo
Altri contenuti a tema
1 Atti vandalici alla sede del Consiglio comunale, indaga la polizia Atti vandalici alla sede del Consiglio comunale, indaga la polizia La vetrata è stata mandata in frantumi usando il posacenere in metallo, mentre i vasi sembra siano stati scaraventati al suolo
5 Sottopasso di via Milano, i vandali lasciano gli stessi segni in via Napoli Sottopasso di via Milano, i vandali lasciano gli stessi segni in via Napoli Le immagini immortalano tre ragazzi imbrattare una parete di via Napoli
Vandali in via Milano, il sindaco: «Voi sporcate, noi non ci stancheremo di pulire» Vandali in via Milano, il sindaco: «Voi sporcate, noi non ci stancheremo di pulire» Cannito interviene dopo la segnalazione di questa mattina
5 Sottopasso di via Milano già vittima dei vandali Sottopasso di via Milano già vittima dei vandali Segni spray per imbrattare l'opera inaugurata da poco
2 Vandalismo a Barletta, danneggiato monumento alla Madonna in via Chieffi Vandalismo a Barletta, danneggiato monumento alla Madonna in via Chieffi I vandali si sono accaniti sulle statuette dei tre pastorelli che erano collocate ai piedi della Madonnina
1 Ragazzini a spasso sul tetto della scuola incompleta Ragazzini a spasso sul tetto della scuola incompleta La segnalazione di un cittadino: «Aspettiamo che ci scappi il morto?»
2 Lapide in pezzi in piazza Plebiscito, la dura condanna del sindaco Lapide in pezzi in piazza Plebiscito, la dura condanna del sindaco Addetti di Bar.S.A hanno recuperato i pezzi distrutti, interverrà anche un marmista
7 Distrutta la targa dedicata all'Immacolata in Piazza Plebiscito Distrutta la targa dedicata all'Immacolata in Piazza Plebiscito Un altro atto di vandalismo in città, la denuncia di don Sabino Lattanzio
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.